OPEN & WIKI
15.02.19 - 11:300

In Europa si va verso la riforma del copyright

Dopo un lungo iter l’Unione Europea si accinge a votare la direttiva sulla riforma del copyright

 

Cinque anni fa una riforma del diritto d'autore dell'UE era inclusa nell'elenco delle priorità della Commissione europea. Nel 2016, la Commissione ha presentato una proposta per recepire questa riforma. Da allora, le due camere legislative dell'Unione europea, il Parlamento e il Consiglio hanno discusso, elaborato e modificato per cercare di concordare una riforma unica. Nel settembre 2018, il Parlamento ha votato una bozza finale della riforma, che ha permesso alla proposta di entrare in una delle sue fasi finali: il trilogo. La fase del trilogo, in cui Parlamento, Consiglio e Commissione cercano un compromesso tra le loro tre proposte in negoziati a porte chiuse, è dove si trova attualmente la riforma.

La riforma proposta include alcune protezioni per il diritto d’autore su base europea, ma contiene anche alcune disposizioni seriamente problematiche. Gli articoli 11 e 13, che stabiliscono rispettivamente il diritto degli editori di notizie e la responsabilità sulle piattaforme per i caricamenti degli utenti, possono nuocere alla libertà di espressione in tutta Europa e impedire lo sviluppo di risorse di conoscenza gratuite.

Il pubblico dominio, che consente il libero utilizzo di opere che non sono coperte dal diritto d’autore, è un importante pilastro della conoscenza, creatività e innovazione tuttavia, a differenza dei diritti esclusivi che godono di un solido regime di applicazione, il dominio pubblico non è adeguatamente protetto. Questo cambierà con questa riforma. Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno convenuto che anche riproduzioni fedeli di opere di dominio pubblico saranno di dominio pubblico.
Ciò impedirà battaglie legali e incertezze e consentirà un più facile utilizzo di opere di dominio pubblico. Inoltre musei, archivi e biblioteche che conservano molte opere nelle loro collezioni che non sono più commercialmente disponibili, ma non sono ancora di dominio pubblico, potranno rilasciare delle licenze per queste opere mediante l'applicazione di licenze collettive.

Invece non sarà incluso la libertà di panorama nella riforma.

Invece uno degli articoli più contestati è l'articolo 13, che crea la responsabilità per i siti web che ospitano contenuti generati dagli utenti di verificare preventivamente che i contenuti non violino il diritto d’autore. Imporre una massiccia diffusione dell'infrastruttura di filtraggio dei contenuti su Internet aumenta enormemente la probabilità che questo filtraggio venga utilizzato per la censura.

Invece l’articolo 11 porta a vendere licenze anche per i più piccoli frammenti presi da siti di notizie online. Se non viene pagato alcun canone, gli snippet dovrebbero essere rimossi dai risultati di ricerca e dagli elenchi di aggregazione delle notizie. Dopo che simili diritti si sono dimostrati inefficaci sia in Germania che in Spagna, gli editori di notizie hanno insistito duramente per ottenere la loro introduzione a livello europeo.

Per informazioni: www.wikimedia.ch/it/contatti

ULTIME NOTIZIE Open & Wiki
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile