TIPRESS
ITALIA
04.12.19 - 06:000

Jovanotti e quell'album "lunare" che proprio non te lo aspettavi

Esce proprio in questi giorni “Lorenzo sulla luna“, un atipico disco di cover davvero azzeccate e che non manca di emozionare

MILANO - Che il Jova avesse avuto da sempre un occhio rivolto verso lo spazio non è poi questa grande sorpresa.

Futurista, ottimista e con quei temi lì siderali – fra parole e suggestioni visive – che ritornano spesso (fra luna, big bang, razzi e mazzi) il fatto che abbia deciso di dedicare al nostro satellite un disco intero non è che ci basisca.

Lascia un po' più interdetti, invece, il fatto che si tratti di un album (quasi) esclusivamente di cover che segue l'anda inaugurata con “Oh, vita!”, cioè quella cantautorale, chitarra e voce (e con molti meno "botti" elettronici).

Questo perché l'estate del nostro Lorenzo è stata di quelle da festa grande con un'idea come il Jova Beach Party, che ha rivoluzionato il concetto di live, e un singolo tutto dance (vedi box) che ha impazzato per le radio.

Ci sono anche le hit

Non ci sono brani rivisti su “Lorenzo sulla luna”, tranquilli. Ci trovate anche la giga-collaborazione con Takagi & Ketra, Tommaso Paradiso e Calcutta, “La luna e la gatta”. E sì, non si sono nemmeno dimenticati quella con Dardust, “Nuova Era” che sicuramente vi eravate messi in playlist da qualche parte. C'entrano con il resto del disco? No, ma tant'è...

Quindi ci siamo detti un po' tutti: «Ah, si ritorna al suono di prima». E invece ecco arrivare la sorpresa, questo “Lorenzo sulla luna”, registrato in California sempre da Rick Rubin lo scorso marzo, che si apre nientepopodimeno che con un brano di Modugno. E scusate s'è poco.

L'idea è di quelle semplici e dirette: prendere dal repertorio del pop italiano (più o meno storico e più o meno noto) pezzi con la parola “Luna” e rifarli in acustico e poco più.

E il risultato è soprendente, a partire dalla sopracitata e strepitosa “Notte di luna calante” che suona davvero californiana fino a quella di chiusura, un emozionante “Guarda che luna” di Buscaglione. 

Ci sono anche due auto-omaggi (“Luna di città d'agosto” e “Chiaro di luna”) che escono un po' inferiori alle originali e sono i punti un filo meno azzeccati del progetto.  

Da sentire? Assolutamente sì, con la consapevolezza che ormai Cherubini è sinonimo di sorpresa, ma di quelle davvero positive.

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Musica e serie TV
VIDEO
LOCARNO
2 gior
Al via "Klimt Experience": «Sarà un’esperienza a 360 gradi»
Inaugurata al PalaCinema di Locarno la mostra multimediale che esplora l'opera e la vita del celebre artista austriaco.
VIDEO
ITALIA
3 gior
Con le squillo adolescenti di “Baby” anche l'Italia ha la sua hit su Netflix
La terza stagione delle avventure di Emma e Desirée, da poco disponibile, è un fenomeno non solo italofono
STATI UNITI
5 gior
La notte degli Emmy ai tempi del coronavirus
La cerimonia andrà in scena domani. E si annuncia molto diversa da come la ricordiamo
CANTONE
1 sett
“Last Out” dei Make Plain è una bella prova di maturità
Il duo momò pubblica proprio oggi il suo nuovo singolo che conferma un sound ritrovato: «Fronzoli, addio e va bene così»
STATI UNITI
1 sett
Ora puoi affittare la villa del principe di Bel-Air
È disponibile su AirBnB per soli 30 dollari a notte
CANTONE
1 sett
Joe Dallas & The Monks ritornano a tutta energia positiva con “It's all right”
Il nuovo pezzo della superband ticinese è disponibile da pochissimo: «Non vediamo l'ora di suonarvelo live!»
FOTO
CANTONE
1 sett
Lotta pacifista ieri e oggi: «Atti violenti possibili, ma senza vittime»
Nelle sale delle Svizzera italiana esce "Edelweiss Revolution": «C'è una specularità con gli scioperi per il clima».
ITALIA
1 sett
“I love Beirut”, Mika lancia il maxi-concerto web in aiuto della capitale libanese
Si terrà via streaming il 19 settembre, il cantante: «Io, cresciuto a Londra ma con Beirut sempre nel cuore»
STATI UNITI
2 sett
“The Walking Dead” si fermerà dopo 11 stagioni
La conferma arriva da AMC che però continuerà a puntare sul marchio con due spin-off e forse pure dei film
CANADA
2 sett
Al Toronto Film Festival senza mascherina... anzi no
Dietrofront della kermesse. I virologi avevano espresso preoccupazione: «Le persone vogliono andarci per interagire».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile