+ 16
REGNO UNITO
08.08.19 - 14:540

50 anni fa i Beatles scattavano la celebre foto di copertina di "Abbey Road"

Un attraversamento sulle strisce iconico e che ha fatto la storia per l'ultimo album della più grande band di sempre. Oggi a Londra le celebrazioni dei fan

LONDRA - Una giornata d'estate, in una Londra che sembra semideserta; un attraversamento pedonale ad Abbey Road, dove avevano sede gli studi della celebre Emi Recording; 4 ragazzi dai capelli lunghi, già delle star mondiali, che vanno dritti per la loro strada. Una strada che da lì a pochissimo avrebbe portato i Fab Four a dividersi per sempre.

Sono passati 50 anni da quello scatto, che diventò la copertina del disco Abbey Road. Era l'8 agosto dell'anno magico 1969 (tra Woodstock e alcuni degli album più importanti di sempre). John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison stavano registrando l'album, che, uscito poi il 26 settembre di quell'anno, sarebbe stato l'ultimo della band.

Abbey Road arrivava in un momento complicato della storia del gruppo: dopo gli insuccessi dovuti soprattutto agli screzi interni e alla 'cattiva influenza' che Yoko Ono aveva su John Lennon, l'alchimia si era persa e i Beatles non facevano un tour da tre anni. Erano tornati alla ribalta dopo il famoso concerto sul tetto della Apple Records, e allora i quattro avevano deciso che Let It Be, un grande flop al debutto, ma diventata anni dopo una delle canzoni più rappresentative dei Beatles, non poteva essere l'ultimo lavoro insieme. Insomma, durante le registrazioni di Abbey Road i Beatles erano già consapevoli che quella era la fine di un'epoca.

Fu un'idea di McCartney quella di intitolare l'album come la strada che li vedeva lavorare a pieno regime. Non volevano rubare troppo tempo alle registrazioni e così Paul disegnò su un foglio uno schizzo di quello che immaginava e lo sottopose agli altri tre che accettarono di buon grado. La strada fu bloccata per appena dieci minuti e il fotografo, Iain Macmillan, scattò solo sei volte, arrampicato su una scala posizionata al centro di Abbey Road. Fu lo stesso McCartney a scegliere tra le sei.

Lennon apre la fila, in completo bianco e scarpe da ginnastica, poi Ringo, elegantissimo in abito scuro, quindi Paul, in blu e camicia bianca a piedi scalzi, infine George, in jeans. I piedi scalzi di McCartney alimentarono la leggenda sulla sua morte (sulla base di alcune religioni orientali che seppelliscono i defunti senza scarpe) e della sua sostituzione con un sosia, e la fila indiana dei quattro fu interpretata come un corteo funebre.

Tra le altre curiosità legate allo scatto, quella del maggiolino sullo sfondo: fu identificato dai fan e la targa rubata molte volte. Alla fine, i proprietari decisero di metterlo all'asta. In lontananza, si vede anche un uomo: è Paul Cole, un turista americano finito per caso nell'inquadratura. Le strisce pedonali di Abbey Road, diventate una delle mete turistiche più frequentate di Londra, sono state messe sotto lo stato di protezione da parte del governo britannico.

keystone-sda.ch/STF (WILL OLIVER)
Guarda tutte le 20 immagini
Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Musica e serie TV
ITALIA
1 mese
Brunori Sas torna e fa "Cip!"
Venerdì scorso è uscito il quinto album del cantautore italiano
STATI UNITI
1 mese
Selena Gomez: "Rare" sta per arrivare
L'attesa è quasi finita per il terzo album della popstar
CANADA
1 mese
Pace fatta con The Weekend, ora Drake affila i denti per il 2020
Il rapper canadese ha pubblicato la settimana scorsa il singolo "War" in cui rispolvera la sua vena drill
CANTONE
1 mese
Per Paolo Tomamichel un singolo di Natale
Si chiama “Atacch al fög” ed è un bel brano tutto nostalgia e... dialetto
STREAMING
CANTONE
2 mesi
Elias e Camila: un omaggio a Joni Mitchell per Natale
Si tratta di "River" presentato in una chiave intima davvero perfetta per le Feste
REGNO UNITO
2 mesi
La corona pesa, ma Stormzy non piega il collo
Heavy Is The Head, il nuovo album del rapper britannico, conferma quanto fatto quasi 3 anni fa con Gang Signs & Prayer
STREAMING
REGNO UNITO
2 mesi
Harry Styles: il secondo giro è pure meglio del primo
Un po' meno "artsy" e più pop-rock dell'album d'esordio, "Fine Line" è un piacere per le orecchie e lancia in altissimo il giovane britannico
STATI UNITI
2 mesi
The Chainsmokers sempre più pop
Terzo album per i dj più pagati del mondo
STREAMING
STATI UNITI
2 mesi
Camila Cabello: oltre a “Señorita” c'è di più
È uscito da poco il secondo album della cantante americana di origini cubane
STREAMING
ITALIA
2 mesi
Jovanotti e quell'album "lunare" che proprio non te lo aspettavi
Esce proprio in questi giorni “Lorenzo sulla luna“, un atipico disco di cover davvero azzeccate e che non manca di emozionare
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile