LA SOLUZIONE
23.03.18 - 13:000

La biostimolazione LED per l’area vulvare

Un trattamento non invasivo per ottenere un ringiovanimento estetico e funzionale

Con l’avvicinarsi della menopausa, l’area vulvare va incontro a un processo di invecchiamento estetico e funzionale che può causare grossi problemi alle donne non solo sul piano psicologico, ma anche fisico, con la comparsa di fastidi e dolori.

La medicina estetica mette a disposizione delle donne varie tecniche per rimediare a questa situazione, con diverso grado di invasività. Tra le più “leggere” c’è la bio stimolazione LED, un trattamento capace di rallentare l’invecchiamento funzionale ed estetico pre e post menopausa ripristinando l’elasticità e il tono della cute. Alla base di questa tecnica c’è una luce LED con funzione biostimolante: si tratta di lampade a diodo che emettono infrarossi in grado di causare un ringiovanimento dei tessuti cutanei ad esse esposte.

Tale processo aiuta la pelle recuperare tono e turgidità, causando un domino di effetti benefici per tutta l’area vulvare. Il trattamento con biostimolazione LED è piuttosto rapido - dura più o meno 15 minuti - e totalmente non invasivo: la zona genitale, infatti, viene solamente esposta alla luce emessa dalla lampada. 

Visita Medi Jeunesse - La medicina estetica a Lugano   

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
led
area vulvare
area
trattamento
biostimolazione led
biostimolazione
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report