IL TRATTAMENTO
18.02.18 - 13:000

I vantaggi della crioelettroforesi

Ovvero come sciogliere il grasso con il freddo

Le varie tecniche che combattono la cellulite senza l’utilizzo del bisturi hanno tutte in comune un meccanismo: lo scioglimento degli accumuli di grasso. Tale risultato si può ottenere anche attraverso… il freddo. La crioelettroforesi, infatti, è una tecnologia che abbina l’utilizzo dell’elettricità a quello delle basse temperature per raggiungere ottimi risultati in tempi piuttosto brevi.

Con questa metodologia il medico estetico riesce a far transitare sotto l’epidermide dei farmaci in grado di sciogliere gli accumuli adiposi: tale passaggio avviene dopo una prima fase in cui la zona da trattare viene massaggiata molto energicamente da cilindri di ghiaccio. Successivamente i cilindri sprigionano il mix di farmaci selezionato dallo stesso medico, all’interno dei quali solitamente trovano spazio prodotti naturali come il limogene o la furosemide, in grado di agire sul metabolismo dei grassi.

L’efficacia della crioelettroforesi è dimostrata: bastano anche sole 5 sedute, della durata di 40 minuti l’una, per ottenere un visibile riduzione degli accumuli di grasso localizzato.  Il trattamento ideale, solitamente, prevede 8 sessioni concentrate in un paio di settimane. 

Visita Medi Jeunesse - La medicina estetica a Lugano

Potrebbe interessarti anche
Tags
crioelettroforesi
grasso
accumuli
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report