Bethesda
+2
GAMES
21.08.19 - 10:000
Aggiornamento : 23.01.20 - 14:56

Due sorelle davvero bellicose all'assalto del Terzo Reich

Ambientato un 1980 alternativo e in mano ai nazisti, “Wolfenstein: Youngblood” prova a cambiare la sua formula in maniera coraggiosa

UPPSALA - Innovare al giorno d'oggi è più difficile che mai. Ne sanno qualcosa i colossi dell'hi-tech che – fra hardware e software – ormai a stupire veramente non ci riescono quasi più. La stessa cosa, soprattutto dopo il botto di “Fortnite”, è capitata un po' anche al videogioco che ormai deve lottare per l'attenzione di platee sempre più distratte.

L'online nel sangue - Gioca un po' in questo senso, tentando di cambiare le carte in tavola fornendo un'esperienza di gioco dinamica e fresca, l'innovazione apportata da Bethesda a una delle sue saghe-culto. “Wolfenstein: Youngblood” è, infatti, uno sparatutto (e per forza) da giocare esclusivamente in due in cooperativa.

1980: il Reich regna - Missioni da affrontare (e riaffrontare) per potenziare i nostri avatar in stile gioco di ruolo, con modifiche per le armi, abilità ed equipaggiamenti vari. La trama c'è – anche se è un po' un pretesto – e vede le due figlie gemelle dell'ex-protagonista B.J. imbarcarsi in una guerra contro il Reich in un 1980 alternativo.

Mordi, spara e fuggi - Se da una parte l'azione rimane fedele ai canoni già sperimentati nel più che discreto “The New Colossus”, quello che cambia è proprio l'approccio al gioco. Le missioni, infatti, possono essere giocate in sequenza ma – più probabilmente – finirete per giocarli (più e più volte) in maniera casuale e sparsa, attraverso il matchmaking. Il ché non garantisce per forza di cosa un'esperienza ottimale. “Youngblood”, secondo noi, dà il meglio se giocato da cima a fondo in compagnia di un amico e solo dopo esplorato nella sua natura online mordi-e-fuggi in stile “Destiny”. 

Coraggioso, ma forse non per tutti - Consigliato oppure no? Diciamo che i fan degli shooter troveranno pane per i loro denti ma potrebbero anche non apprezzare la nuova e coraggiosa “piega” adottata dal doppio team di MachineGames e Arkane Studios. Vero è che il prezzo budget potrebbe essere un incentivo ad osare.

VOTO: 8

"Wolfenstein II: Youngblood" è disponibile per Playstation 4 (versione provata), Xbox One, Pc Windows e Nintendo Switch. Lo abbiamo recensito con una copia gentilmente messa a disposizione da Bethesda.

Nota importante: come altri giochi della serie fate attenzione a quali lingue sono incluse nella versione che comprate e/o scaricate. Soprattutto in Svizzera il rischio di acquistare una versione in lingua tedesca (senza svastiche per motivi legali) - che è diversa da quella multilingua italiano, francese, spagnolo, inglese - è reale. Assicuratevi quindi di leggere bene il retro della confezione o la descrizione della piattaforma di download.

 

Bethesda
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Games
GAMES
1 sett
“Holly & Benji” in versione game: il tiro della tigre basta solo a metà
"Captain Tsubasa: Rise of New Champions", da poco disponibile, è bellissimo da vedere ma ha i suoi difettucci
FOTO E VIDEO
GAMES
2 sett
La serie Netflix sui games un po' ci azzecca, un po' no
“High Score”, che racconta la storia dei videogiochi, ha inventiva ma problemi di ritmo. Ai nostalgici però piacerà molto
FOTO
GAMES
1 mese
In “Mortal Shell” morire non è poi la fine del mondo
L'omaggio indipendente a “Dark Souls” di un mini-team di veterani è un mostriciattolo bonsai con qualcosa da dire
FOTO
GAMES
1 mese
“Fall Guys”, la corsa deficiente che (a sorpresa) è diventata un fenomeno
È il titolo dell'estate in grado di rivaleggiare con roba tipo “GTA Online” e altri colossi, e voi ci state giocando?
GAMES
1 mese
Sword Art Online, e il videogame ti imprigiona... in un videogioco
La celebre meta-serie giapponese torna con un colossale nuovo episodio che divertirà parecchio i fan
FOTO
STATI UNITI
1 mese
Né Sekiro, né Tenchu: Ghost of Tsushima è una storia a sé
L'ultima esclusiva per la console Sony, targata Sucker Punch, convince per design e azione. La narrazione però si rivela
FOTO
GAMES
2 mesi
Deadly Premonition 2: così il gioco si fa ancora più strano
Un dei titoli più improbabili della storia dei games ha ottenuto un ancor più improbabile seguito. Ma ne vale la pena?
FOTO
GAMES
2 mesi
“The Last of Us - Part II” porta il videogioco là dove non è mai andato
Il titolo più atteso di questa generazione non delude le attese ma potrebbe non essere per tutti
GAMES
3 mesi
Il ritorno a Skyrim è tutto online, “Greymoor” dolce nostalgia
L'espansione a tema per “The Elder Scrolls Online” è un bel viaggio che però non c'entra (quasi) niente con l'originale
FOTO E VIDEO
GIAPPONE
3 mesi
Dite buongiorno alla nuova Playstation 5
La macchina da gioco di Sony annunciata in pompa magna ieri in serata con un paio di novità molto accattivanti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile