Nintendo
+ 8
GAMES
27.12.17 - 06:000
Aggiornamento : 16.05.18 - 22:34

Xenoblade Chronicles 2: samurai steampunk nell'azzurro infinito

Come un manga, ma da giocare. L'ultimo giocone di Monolith per la Switch è un pasticcio coloratissimo ma con un gran cuore

 

TOKYO - Giochi di ruolo giapponesi, o li ami oppure li odi. Le vie di mezzo proprio non ci sono. Il motivo? Almeno per quanto riguarda meccaniche di gioco, latmosfere e ambientazioni parlano una lingua tutta loro e - malgrado siano passati gli anni - tendono sempre un po' a restare fuori dal tempo.

Compromessi? No, grazie - Se questa cosa è vera per l'ultimo "Final Fantasy", uscito un annetto fa e probabilmente l'esponente più moderno e "globale" del genere, lo è altrettanto per "Xenoblade Chronicles 2" realizzato da Monolith Soft per Nintendo Switch che questa sua nipponicità nemmeno ci prova a nasconderla, anzi. Seguito del titolone omonimo per Wii esce giusto dopo il coraggioso spin-off fantascientifico "Xenoblade Chronicles X" pubblicato per WiiU (e recensito anche da noi) è un titolo che sceglie di non scendere minimamente a compromessi, e questa è una cosa buona ma anche meno buona.

Per salvare l'umanità - In un mondo un po' steampunk avvolto nella nebbia, quel poco che resta dell'umanità vive sopra le nubi, sul dorso di giganteschi e mostruosi animali chiamati titani che però stanno lentamente morendo. Il giovane e ottimista ragazzino Rex partirà quindi in una ricerca cavalleresca per l'Elisio, vero e proprio paradiso di terraferma. Ad accompagnarlo (e osteggiarlo) un nutrito cast di comprimari in stile assolutamente anime, come la rossa Pyra, la ferina Nia e il tamarrissimo Zeke.

Come un cartone animato - Malgrado le diverse tribolazioni durante lo sviluppo - il gioco era già in lavorazione per Switch anche prima che le caratteristiche hardware fossero decise in maniera definitiva - il titolo di Monolith si comporta bene e sembra in tutto e per tutto un cartone animato. Alla grande cura per la resa dei personaggi e ambientazione si aggiunge un'abile scelta delle tavolozze dei colori. Strepitosa la colonna sonora, tutta un'orchestrazione, diretta dal veterano Yasunori Mitsuda.

Xenoblade Doc - Per quanto riguarda il gameplay, invece, il secondo episodio segue pedissequamente quanto già fatto dai predecessori: ovverosia un mondo aperto decisamente sterminato (e anche un po' disordinato) da esplorare in lungo e in largo. Condiscono il tutto tutto quello vi aspettereste da un gioco di ruolo giapponese: una montagna di sottoquest, finestre di dialoghi testuali, statistiche e strategie. Preparatevi già a centinaia di ore di roba da fare.

Non tutto per il verso giusto - Il combattimento è un mix fra il tempo reale e i turni che a noi è sembrato abbastanza riuscito anche se non dinamicissimo né spettacolare. Delude parecchio, invece, l'interfaccia quasi amatoriale con molte mancanze. Prima fra tutte una mappa scomodissima e frammentaria come non se ne vedevano da tempo. Ci ha fatto un po' alzare il sopracciglio il design di alcuni personaggi, primo fra tutti quello delle ragazze - soprattutto gli spiriti-guida-arma, le Gladius - spesso e volentieri in déshabillé assai aggressivo. Basti la co-protagonista e arma vivente Pyra su tutti, dal seno esplosivo e collant a mezza coscia.

Quindi, da prendere, oppure no? Intendiamoci questo "Chronicles" ha un cuore grande così e si vede che è frutto di fatica, dedizione e pure di talento. Vero è che ha molti difetti in grado di far scappare spaventati i meno avvezzi ma che verranno facilmente superati da chi di pane e ruolismo orientale ci vive. 

VOTO: 7,5 per il gamer casuale, 8 per l'appassionato di Jrpg

"Xenoblade Chronicles 2" è un'escluisva per Nintendo Switch.

Nintendo
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ULTIME NOTIZIE Games
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile