AvanTi
STATI UNITI
18.02.21 - 08:000

L’intero universo potrebbe essere una rete neurale

Una nuova teoria tenta di ridefinire la realtà fisica ipotizzando che tutto l’universo sia una rete neurale

Un professore di fisica presso l’Università del Minnesota Duluth di nome Vitaly Vanchurin ha di recente tentato di riformulare la realtà in un modo particolarmente geniale. In un paper caricato in prestampa su arXiv, infatti, ha proposto una nuova teoria secondo la quale vivremmo all’interno di una massiccia rete neurale che governa tutto attorno a noi. In altre parole, è scritto nel documento, c’è una «possibilità che l’intero universo al suo livello più fondamentale sia una rete neurale».
Le reti neurali artificiali, come quelle create dagli scienziati informatici, sono costituite da vari nodi, equivalenti a neuroni biologici, che elaborano e trasmettono segnali. La rete può cambiare man mano che viene utilizzata, ad esempio aumentando il peso assegnato a determinati nodi e connessioni, riuscendo ad “apprendere” durante la sua attività. Per esempio, data una serie di immagini da studiare, una rete può imparare a individuare da sola le caratteristiche dell’oggetto presente nell’immagine e quindi distinguerlo da tutti gli altri oggetti.
L’idea alquanto illuminante di Vanchurin, allora, è che tutto l’universo non sia altro che una di queste reti, cioè un sistema computazionale interconnesso simile nella struttura al cervello umano o ai sistemi di machine learning. Tale nozione è stata proposta dal fisico del Minnesota Duluth nel tentativo di conciliare la cosiddetta fisica classica con la meccanica quantistica.
Nel suo articolo, infatti, Vanchurin ha spiegato che le reti neurali artificiali possono «esibire comportamenti approssimativi» di entrambe le teorie universali. Siccome la meccanica quantistica «è un paradigma di notevole successo per modellare fenomeni fisici su un’ampia gamma di scale, è opinione diffusa che al livello più fondamentale l’intero universo sia governato dalle regole della meccanica quantistica e anche la gravità dovrebbe in qualche modo emergere da essa».
In questo senso, Vanchurin non solo vuole affermare che le reti neurali artificiali possono essere utili per analizzare sistemi fisici o per scoprire leggi fisiche, ma che «questo è il modo in cui funziona effettivamente il mondo che ci circonda». Egli, quindi, dichiara nel suo paper che la teoria dell’universo come una rete neurale «potrebbe essere considerata come una proposta per la teoria del tutto, e come tale dovrebbe essere facile dimostrare che è sbagliata».
Il concetto è così audace che molti fisici ed esperti di machine learning sono abbastanza scettici sulle conclusioni dell’articolo. Vanchurin ha dichiarato in un’intervista che la sua intenzione era di capire meglio il funzionamento del deep learning, volendo inizialmente applicare i metodi della meccanica statistica per studiare il comportamento delle reti neurali. Tuttavia, la scoperta che in certi limiti la dinamica di apprendimento delle reti neurali è molto simile alla dinamica quantistica che vediamo in fisica, lo ha portato ad «esplorare l’idea che il mondo fisico sia in realtà una rete neurale».

ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
14 ore
Il futuro delle interfacce cervello-computer: i “neurograni”
I ricercatori della Brown University hanno ideato un sistema di BCI basato su sensori minuscoli come granelli di sale
STATI UNITI
2 gior
IBM pronta per la supremazia quantistica
Svelato Eagle, il processore da 127 qubit che batte tutti i supercomputer e porta il quantum computing nel mondo reale
AvanTI
5 gior
Una batteria ferro-aria economica e ricaricabile in grado di fornire energia per 100 ore
Sviluppata una nuova batteria per l’accumulo di rete che produce elettricità a un decimo del costo degli ioni di litio.
VIDEO
AvanTI
1 sett
Mini-eolico da parete per muri che producono energia
Piccoli generatori eolici incorporati nelle pareti degli edifici potrebbero sfruttare l’energia del vento nelle città.
AvanTI
1 sett
La presentazione dei regali aziendali proposti da sostenibiliTi per Natale 2021
Iscrivendosi al webinar del 23 novembre si potranno scoprire tutti i dettagli dell’iniziativa smart e sostenibile.
AvanTI
1 sett
Airbus svela la prossima generazione di CityAirbus
Il produttore europeo ha presentato la sua nuova soluzione di mobilità aerea urbana elettrica, sicura e sostenibile
AvanTI
2 sett
Un nuovo chip di plastica flessibile per “l’Internet of Everything”
Realizzato il primo processore non in silicio che potrebbe aggiungere funzionalità di elaborazione a qualsiasi prodotto.
FOTO
AvanTI
2 sett
Batterie allo stato solido grazie al legno
Un team di scienziati ha testato un elettrolita a base di cellulosa al posto dei ceramici con risultati super efficienti
AvanTI
2 sett
Un nuovo sistema di refrigerazione che non usa l’elettricità
Gli scienziati del KAUST stanno lavorando a un metodo di raffreddamento che utilizza solo luce solare e acqua salata.
AvanTI
3 sett
La coscienza potrebbe essere spiegata dalla fisica quantistica
Un nuovo studio sui frattali potrebbe fornire le basi per testare sperimentalmente la teoria della coscienza quantistica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile