AvanTi
STATI UNITI
13.01.21 - 08:000

La stimolazione elettrica del cervello può aumentare la capacità di imparare le lingue

I ricercatori hanno scoperto che la stimolazione non invasiva del nervo vago favorisce l’apprendimento delle lingue

Le lingue parlate nel mondo sono considerevolmente tante, tra le 6.000 e le 7.000, e restano più o meno incomprensibili l’una dall’altra. In futuro, tuttavia, l’apprendimento delle lingue straniere potrà essere facilitato dall’uso di tecnologie sempre più innovative.
A questo proposito, ad esempio, un nuovo interessante studio condotto dai neuroscienziati dell’Università di Pittsburgh e dell’Università della California di San Francisco (UCSF) ha rivelato che la stimolazione a livello nervoso del cervello, anche in maniera non invasiva, aumenta le capacità di apprendimento delle lingue straniere, in particolare dei suoni e delle pronunce.
La ricerca, pubblicata sulla rivista Science of Learning e condotta su un campione di 36 adulti di lingua madre inglese intenti ad imparare il mandarino, l’idioma più diffuso sulla Terra e fra i più difficili, ha dimostrato che la stimolazione del nervo vago con uno strumento simile a un auricolare messo a punto dagli stessi ricercatori ha migliorato del 13% la loro abilità di riconoscerne i suoni.
Gli scienziati, nello specifico, hanno utilizzato una tecnica non invasiva chiamata stimolazione transcutanea del nervo vago (Tvns), in cui un piccolo dispositivo viene posizionato nell’orecchio esterno e può attivare uno dei rami vicini al nervo vago adoperando impulsi elettrici non visibili e impercettibili. I partecipanti sono stati addestrati ad identificare quattro toni del cinese mandarino e i ricercatori hanno osservato che le performances di chi era sottoposto a un impulso elettrico durante l’apprendimento erano migliori rispetto a quelle di chi non aveva ricevuto stimolazioni.
«Questa è una delle prime dimostrazioni che la stimolazione del nervo vago non invasivo può migliorare una complessa abilità cognitiva come l’apprendimento delle lingue in persone sane», ha dichiarato il ricercatore dell’UCSF Matthew Leonard, il cui team ha sviluppato il dispositivo di stimolazione nervosa. «Le persone tendono a scoraggiarsi di fronte alle difficoltà di apprendere una nuova lingua, ma se si potessero dar loro risultati migliori del 13-15% dopo una sessione avrebbero più probabilità di continuare».
In effetti, come ha spiegato Bharath Chandrasekaran, direttore del Sound Brain Lab di Pittsburgh e tra gli autori della ricerca: «In genere si crede che le persone non possano imparare gli schemi sonori di una nuova lingua in età adulta ma il nostro lavoro ha dimostrato che non è per tutti vero. In questo studio, stiamo vedendo che la Tvns riduce quelle differenze individuali più di qualsiasi altro intervento che ho visto».
I ricercatori hanno ora intenzione di capire il meccanismo neurale dietro questi risultati e scoprire se cambiando i parametri della stimolazione si può ulteriormente massimizzare la plasticità cerebrale. In questo modo, la Tvns potrebbe risultare uno strumento potente e utile soprattutto nelle persone che soffrono di danni cerebrali. «Mostrare che la stimolazione del nervo periferico non invasivo può rendere più facile l’apprendimento delle lingue apre potenzialmente le porte al miglioramento delle prestazioni cognitive in una vasta gamma di domini», ha affermato Fernando Llanos, autore principale dello studio e ricercatore post dottorato al Sound Brain Lab.

AvanTi
Guarda le 2 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
SVIZZERA
3 gior
Microrobot in grado di muoversi all’interno del corpo umano e somministrare farmaci in loco
I ricercatori dell’ETH di Zurigo hanno sviluppato dei nanobot che si ispirano alle larve di stalla marina per spostarsi
STATI UNITI
5 gior
Il futuro delle interfacce cervello-computer: i “neurograni”
I ricercatori della Brown University hanno ideato un sistema di BCI basato su sensori minuscoli come granelli di sale
STATI UNITI
1 sett
IBM pronta per la supremazia quantistica
Svelato Eagle, il processore da 127 qubit che batte tutti i supercomputer e porta il quantum computing nel mondo reale
AvanTI
1 sett
Una batteria ferro-aria economica e ricaricabile in grado di fornire energia per 100 ore
Sviluppata una nuova batteria per l’accumulo di rete che produce elettricità a un decimo del costo degli ioni di litio.
VIDEO
AvanTI
1 sett
Mini-eolico da parete per muri che producono energia
Piccoli generatori eolici incorporati nelle pareti degli edifici potrebbero sfruttare l’energia del vento nelle città.
AvanTI
2 sett
La presentazione dei regali aziendali proposti da sostenibiliTi per Natale 2021
Iscrivendosi al webinar del 23 novembre si potranno scoprire tutti i dettagli dell’iniziativa smart e sostenibile.
AvanTI
2 sett
Airbus svela la prossima generazione di CityAirbus
Il produttore europeo ha presentato la sua nuova soluzione di mobilità aerea urbana elettrica, sicura e sostenibile
AvanTI
2 sett
Un nuovo chip di plastica flessibile per “l’Internet of Everything”
Realizzato il primo processore non in silicio che potrebbe aggiungere funzionalità di elaborazione a qualsiasi prodotto.
FOTO
AvanTI
3 sett
Batterie allo stato solido grazie al legno
Un team di scienziati ha testato un elettrolita a base di cellulosa al posto dei ceramici con risultati super efficienti
AvanTI
3 sett
Un nuovo sistema di refrigerazione che non usa l’elettricità
Gli scienziati del KAUST stanno lavorando a un metodo di raffreddamento che utilizza solo luce solare e acqua salata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile