Immobili
Veicoli
AvanTi
GIAPPONE
08.12.20 - 10:590

Una nuova soluzione per la batteria allo stato solido del futuro

Toyota e Panasonic annunciano la creazione della prima batteria allo stato solido che garantirà un’autonomia di 1.000 km

Negli ultimi anni sono molte le innovazioni scientifiche e tecnologiche che hanno interessato il settore delle auto elettriche. Questo mercato potrebbe a breve arricchirsi di un’altra rivoluzionaria invenzione. I due colossi giapponesi Toyota e Panasonic, infatti, hanno annunciato di aver dato vita a una joint venture chiamata Prime Planet Energy Solutions con lo scopo di realizzare la prima batteria allo stato solido entro il 2025.
Si tratta di un obiettivo davvero ambizioso, da raggiungere in soli 5 anni, tenendo anche conto che nelle intenzioni delle due case produttrici la loro batteria allo stato solito dovrebbe garantire un’autonomia di circa 1.000 chilometri. La batteria, inoltre, sarà distribuita a livello industriale, presenterà uno standard di sicurezza elevato e, soprattutto, un costo economico.
A dire il vero, è già da svariato tempo che si parla di batterie allo stato solido e sono diversi i laboratori in tutto il mondo al lavoro per tentare di crearne una versione a livello industriale, ma nessuno è ancora riuscito a fabbricarle a causa di molte difficoltà riscontrate. La principale è sicuramente quella legata al rischio di rompere l’elettrolita solido, perdendo così il contatto con gli elettrodi. In compenso, le batterie allo stato solito presentano numerosi vantaggi, fra cui quello di favorire il passaggio quanto più veloce possibile del più alto numero di elettroni, in modo da aumentare al tempo stesso la densità energetica e la velocità di ricarica della batteria.
Per realizzare la loro batteria allo stato solido, Toyota e Panasonic stanno collaborando con un team di ricercatori dell’Università di Kyoto. Uno dei materiali innovativi che verrà utilizzato è l’elettrolita solido a base di solfuro, un materiale che favorisce il passaggio di elettroni da un elettrodo all’altro, che andrà a sostituire quello liquido. Al posto del litio, che veniva adoperato sia nell’anodo che nel catodo, sarà invece impiegato un composto di fluoruro, rame, cobalto e lantanio, un metallo leggero.
Queste due soluzioni combinate insieme dovrebbero assicurare una densità energetica otto volte maggiore rispetto a quella delle normali batterie. In effetti, la batteria allo stato solido delle due aziende giapponesi dovrebbe garantire un’autonomia di circa 1.000 chilometri e una ricarica completa in appena 15 minuti. Ne è convinto anche il vice presidente di Toyota e numero uno della divisione Powertrain, Keiji Kaita, che è sicuro di poter rispettare la timeline del 2025.
Insomma, si tratta di un’invenzione davvero importante in arrivo nel settore delle auto elettriche, che ne rivoluzionerà il mercato garantendo con la nuova batteria delle prestazioni davvero straordinarie con una sola ricarica. Questo dovrebbe finalmente incentivare gli automobilisti di tutto il mondo ad acquistare auto elettrice, senza più il timore di restare per strada con la batteria scarica o di aspettare un’ora per avere energia sufficiente per rimettersi in cammino.

AvanTi
Guarda le 2 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
AvanTI
1 gior
L’Intelligenza Artificiale discute di etica all’università di Oxford
I ricercatori della Oxford Union hanno invitato l’AI a riflettere sull’etica che riguarda la sua stessa esistenza.
AvanTI
3 gior
Una nave sostenibile per la transizione energetica del trasporto marittimo
La nave MS Porrima funziona con energia solare, eolica e idrogeno, un mix più che competitivo con i combustibili fossili
CINA
6 gior
Una futuristica auto volante che va anche su strada
Xpeng ha presentato il concept di un’avveniristica supercar elettrica in grado sia di volare che di circolare su strada
STATI UNITI
1 sett
Stampare in 3D con materiali viventi
Creato un inchiostro microbico per la stampa 3D che ha caratteristiche funzionali e programmabili
ZURIGO
1 sett
Estrarre carburante sostenibile dall’aria grazie all’energia solare
I ricercatori del Politecnico di Zurigo hanno prodotto carburante a impatto zero a partire dall’aria e dalla luce solare
AvanTI
1 sett
Starlab, una nuova stazione spaziale privata in orbita entro il 2027
Presentato il progetto di una stazione spaziale concepita per essere una destinazione turistica e un centro di ricerca.
AvanTI
2 sett
L’ESA al lavoro sul “gemello digitale” della Terra
Il programma Digital Twin Earth permetterà di monitorare gli effetti del cambiamento climatico prevedendone l’evoluzione
FOTO
AvanTI
2 sett
Il primo robot umanoide in grado di volare
iRonCub dell’IIT potrà raggiungere i luoghi più difficili e salvare vite umane nei disastri naturali.
AvanTI
2 sett
Microreattori nucleari per sostituire i generatori a diesel
La società americana Radiant sta sviluppando un microreattore nucleare compatto, portatile e a basso costo.
AvanTI
3 sett
Il futuro dei computer sono gli switch ottici
Creato un nuovo interruttore ottico che è fino a 1.000 volte più veloce dei tradizionali transistor al silicio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile