AvanTi
UNIONE EUROPEA
30.11.20 - 16:250

Una tecnologia laser per proteggere dai fulmini le strutture sensibili

Un progetto dell’UE intende impiegare un parafulmine laser per controllare i punti colpiti dai fulmini

I fulmini sono causa di numerose morti ogni anno e provocano anche interruzioni di corrente, incendi boschivi e danni strutturali. Quando poi colpiscono infrastrutture importanti o luoghi sensibili, come ad esempio gli aeroporti, possono causare danni da milioni di euro. Per proteggerci da tali rischi, l’Unione Europea ha finanziato un progetto chiamato LLR (Laser Lighnting Rod) allo scopo di trovare soluzioni tecnologicamente avanzate ed efficaci per controllare i fulmini.
«I sistemi di protezione odierni contro i fulmini sono ancora basati sul parafulmine sviluppato da Benjamin Franklin più o meno 300 anni fa», ha affermato Aurélien Houard, ricercatore presso l’Ecole Polytechnique in Francia e coordinatore del progetto LLR. «L’obbiettivo del nostro progetto è aggiornare questo concetto impiegando un laser di elevata potenza».
Il progetto si basa sempre sul meccanismo del parafulmine, cioè incanalare e guidare la potenza distruttiva dei fulmini lontano dagli obiettivi sensibili, ma in questo caso verrebbe utilizzata una tecnologia all’avanguardia basata su un nuovo tipo di laser con un fascio caratterizzato da un’elevata potenza che fungerà da percorso preferenziale per il fulmine.
Questa sorta di parafulmine laser, una volta installato ad esempio presso un aeroporto, è concepito per operare congiuntamente a un sistema radar di allarme preventivo. «In seguito allo sviluppo di condizioni temporalesche, il laser verrebbe puntato verso la nuvola per allontanare il fulmine dall’aeromobile durante le fasi di decollo, atterraggio e rullaggio, nonché nel corso delle operazioni terrestri», ha spiegato Houard. «In effetti, così facendo si creerebbe un corridoio sicuro circondato, oltre che protetto, dai laser».
Il progetto adopera una serie di tecnologie davvero innovative, come il CPA (Chirped Pulse Amplification), ovvero l’amplificazione a impulsi cinguettati, una tecnica che serve ad amplificare un impulso laser estremamente breve e per cui nel 2018 è stato assegnato il premio Nobel per la fisica. Per realizzare i brevi impulsi laser all’elevata frequenza di ripetizione di 1.000 impulsi per secondo, è stata impiegata un’avanzata tecnologia di amplificazione sviluppata dalla Trumpf, un’azienda tedesca che produce macchinari industriali.
Il dispositivo utilizza numerosi diodi di emissione, la cui energia viene poi concentrata attraverso l’uso di un particolare disco di cristallo molto sottile e raffreddato ad acqua, che permette un incremento nella potenza del laser ultracorto pari a un ordine di grandezza. Inoltre, il progetto ha sviluppato un innovativo sistema per la previsione dell’attività dei fulmini che va dai 10 ai 30 minuti in un raggio di 30 chilometri, grazie all’impiego di una combinazione di intelligenza artificiale e di dati standard raccolti dalle stazioni meteorologiche.
Il team di LLR sta attualmente collaudando il laser a Parigi con l’obiettivo di convalidare il concetto che consente di guidare un fulmine a terra in modo sicuro proiettando un fascio a lungo raggio nell’atmosfera. La dimostrazione finale si terrà invece nel 2021 sul monte Säntis, in Svizzera, su cui è situata una torre di proprietà della Swisscom che viene colpita dai fulmini più di 100 volte l’anno.
Se il test dovesse andare bene, il sistema potrebbe arrivare sul mercato entro pochi anni.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
4 ore
I robot della Boston Dynamics ora sanno addirittura ballare
In un video-spot l’azienda mostra l’evoluzione dei suoi robot che sono sempre più agili, versatili e cooperativi
CINA
1 gior
La Cina apre le porte del più grande radiotelescopio del mondo agli astronomi stranieri
Il gigantesco radiotelescopio FAST potrà essere utilizzato dai ricercatori di tutto il mondo prenotando dal primo aprile
NUOVA ZELANDA
3 gior
La Nuova Zelanda testerà la trasmissione di elettricità wireless a lungo raggio
Una startup neozelandese ha sviluppato una tecnologia per trasmettere energia elettrica senza fili su lunghe distanze
CINA
5 gior
Un chip per ricaricare le batterie con l’acqua calda
In Cina hanno sviluppato un chip in grado di convertire il calore dell’acqua calda di un thermos in energia elettrica
STATI UNITI
1 sett
Effettuati i primi test per i camion a guida completamente autonoma
Waymo ha iniziato a testare i suoi camion a guida autonoma in Texas e ha annunciato una partnership con Daimler
STATI UNITI
1 sett
La stimolazione elettrica del cervello può aumentare la capacità di imparare le lingue
I ricercatori hanno scoperto che la stimolazione non invasiva del nervo vago favorisce l’apprendimento delle lingue
SPAZIO
2 sett
Il primo piano europeo per rimuovere la spazzatura spaziale
Nel 2025 l’ESA avvierà la prima missione per la raccolta dei detriti rimasti in orbita intorno alla Terra
SINGAPORE
2 sett
Il nuovo chip fotonico che apre la strada al 6G
I ricercatori di Singapore hanno dimostrato che grazie al loro chip il 6G potrà essere 100 volte più veloce del 5G
MARTE
2 sett
Ingenuity, l’elicottero-drone che volerà su Marte
Il Mars Helicopter della Nasa partito con il rover Perseverance potrebbe cambiare il modo di studiare il Pianeta Rosso
ISRAELE
3 sett
Uno studio israeliano ha scoperto come rallentare l’invecchiamento
Secondo la ricerca sessioni di ossigenoterapia in una camera iperbarica riducono il numero delle cellule senescenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile