AvanTi
REGNO UNITO
21.11.20 - 08:000

Uno spettacolare jetpack per soccorsi rapidi in montagna

In Inghilterra un jetpack ha permesso a un paramedico di raggiungere il luogo dell’incidente in soli 90 secondi

I soccorsi in ambito sanitario necessitano di tempi rapidi, e questo vale anche per i luoghi impervi e pericolosi. In questi contesti però, i paramedici, oltre ai mezzi più classici come ambulanze o elicotteri, non hanno altri metodi per raggiungere in fretta le persone bisognose di aiuto.
Per questa ragione, il Great North Air Ambulance Service (GNAAS), un ente di beneficenza del Regno Unito dedicato a fornire servizi di emergenza in elicottero, ha testato un jetpack realizzato dall’inventore Richard Browning, membro del team dell’azienda Gravity Industries, per consentire un giorno ai paramedici di volare su una montagna in modo da fornire il primo soccorso.
L’innovativo jetpack è composto da uno zaino con il propellente, quattro microjet (due per mano) con due tubi che li collegano e un display per mostrare dati come velocità e carburante residuo. Ha una potenza di 1050 cavalli. Una volta indossato, consente al paramedico di volare quasi ovunque, sopra terreni pianeggianti, accidentali o anche laghi e fiumi in maniera molto semplice e veloce.
Browning ha affermato che i rischi di incendi o guasti sono davvero minimi, soprattutto se si vola vicini al terreno. Serve comunque un allenamento specializzato perché sollevare l’intero dispositivo richiede abbastanza forza. Un ulteriore vantaggio di questo jetpack è il suo costo, pari a circa 372.000 Euro, decisamente meno di un elicottero.
Il volo di prova del mezzo di trasporto è stato realizzato dallo stesso Browning. In un video girato per mostrare le potenzialità di questa tecnologia, invece, un paramedico, aggirando laghi e ripide salite, è riuscito a percorrere in soli 90 secondi una distanza che a piedi avrebbe richiesto almeno 25 minuti. Il viaggio è stato effettuato dal fondo della valle di Langdale fino a Bowfell, nel parco nazionale del Lake District, dove alla fine è stato simulato un intervento di pronto soccorso.
«In un periodo come questo che stiamo vivendo a causa dell’emergenza Covid, è importante spingersi oltre i confini. Il nostro velivolo sarà parte vitale della risposta alle emergenze su questo territorio, in sinergia con le fantastiche squadre di soccorso alpino. Ma si tratta di cercare di integrare quelle risorse con qualcosa di completamente nuovo», ha dichiarato Andy Mawson, direttore delle operazioni e paramedico al GNAAS. «Riteniamo che questa tecnologia potrebbe consentire al nostro team di raggiungere alcuni pazienti molto più rapidamente che mai. In molti casi questo allevierebbe la sofferenza del paziente. In alcuni casi, salverebbe le loro vite».

AvanTi
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
1 gior
I robot della Boston Dynamics ora sanno addirittura ballare
In un video-spot l’azienda mostra l’evoluzione dei suoi robot che sono sempre più agili, versatili e cooperativi
CINA
2 gior
La Cina apre le porte del più grande radiotelescopio del mondo agli astronomi stranieri
Il gigantesco radiotelescopio FAST potrà essere utilizzato dai ricercatori di tutto il mondo prenotando dal primo aprile
NUOVA ZELANDA
4 gior
La Nuova Zelanda testerà la trasmissione di elettricità wireless a lungo raggio
Una startup neozelandese ha sviluppato una tecnologia per trasmettere energia elettrica senza fili su lunghe distanze
CINA
6 gior
Un chip per ricaricare le batterie con l’acqua calda
In Cina hanno sviluppato un chip in grado di convertire il calore dell’acqua calda di un thermos in energia elettrica
STATI UNITI
1 sett
Effettuati i primi test per i camion a guida completamente autonoma
Waymo ha iniziato a testare i suoi camion a guida autonoma in Texas e ha annunciato una partnership con Daimler
STATI UNITI
1 sett
La stimolazione elettrica del cervello può aumentare la capacità di imparare le lingue
I ricercatori hanno scoperto che la stimolazione non invasiva del nervo vago favorisce l’apprendimento delle lingue
SPAZIO
2 sett
Il primo piano europeo per rimuovere la spazzatura spaziale
Nel 2025 l’ESA avvierà la prima missione per la raccolta dei detriti rimasti in orbita intorno alla Terra
SINGAPORE
2 sett
Il nuovo chip fotonico che apre la strada al 6G
I ricercatori di Singapore hanno dimostrato che grazie al loro chip il 6G potrà essere 100 volte più veloce del 5G
MARTE
2 sett
Ingenuity, l’elicottero-drone che volerà su Marte
Il Mars Helicopter della Nasa partito con il rover Perseverance potrebbe cambiare il modo di studiare il Pianeta Rosso
ISRAELE
3 sett
Uno studio israeliano ha scoperto come rallentare l’invecchiamento
Secondo la ricerca sessioni di ossigenoterapia in una camera iperbarica riducono il numero delle cellule senescenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile