AvanTi
STATI UNITI
10.10.20 - 08:000

Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale

Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere

Per aiutare le persone non vedenti, i ricercatori di tutto il mondo pensano da tempo a un dispositivo capace di inviare le immagini direttamente al cervello. Finora i progressi in questa direzione sono stati sempre piuttosto limitati. Oggi, però, un team di scienziati del Baylor College of Medicine di Houston ha fatto un passo avanti importante per raggiungere questo obbiettivo.
Come viene riportato in un nuovo articolo pubblicato sull’autorevole rivista Cell, il team ha sviluppato un impianto cerebrale che consente ai non vedenti e agli ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere. Il dispositivo non prende in considerazione gli occhi, ma trasmette informazioni visive da una telecamera direttamente agli elettrodi impiantati nel cervello. Potrebbe quindi trattarsi di un passo avanti verso una “protesi visiva” che consentirebbe ai non vedenti di riacquistare completamente la vista.
Nello specifico, i partecipanti allo studio sono stati in grado di “vedere” i contorni delle forme, grazie a complesse sequenze di impulsi elettrici inviati al loro cervello. «Quando abbiamo utilizzato la stimolazione elettrica per rintracciare dinamicamente le lettere direttamente sul cervello dei pazienti, sono stati in grado di "vedere" le forme delle lettere e di identificarle correttamente», ha affermato l'autore senior dello studio Daniel Yoshor.
Durante la sperimentazione i partecipanti hanno descritto di vedere punti luminosi o linee che formavano delle lettere. Questo dispositivo, quindi, potrebbe avere un impatto notevole sulla vita dei non vedenti. «La capacità di rilevare la forma di un membro della famiglia o di consentire una navigazione più indipendente sarebbe un progresso meraviglioso per molti pazienti non vedenti», ha dichiarato Yoshor a Live Science.
Lo sviluppo del dispositivo è comunque ancora nelle sue fasi iniziali e ci sono molte sfide da superare prima che questa tecnologia possa entrare nella pratica clinica. «La corteccia visiva primaria, dove sono stati impiantati gli elettrodi, contiene mezzo miliardo di neuroni. In questo studio abbiamo stimolato solo una piccola parte di questi neuroni con una manciata di elettrodi», ha spiegato il primo autore dello studio Michael Beauchamp.
«Un prossimo passo importante sarà lavorare con i neuroingegneri per sviluppare una rete di migliaia di elettrodi, in modo da avere una stimolazione più precisa. Insieme al nuovo hardware, degli algoritmi di stimolazione migliorati ci aiuteranno a realizzare il sogno di fornire informazioni visive utili ai non vedenti».

AvanTi
Ingrandisci l'immagine
ULTIME NOTIZIE AvanTI
PAESI BASSI
1 gior
Nuova svolta verso il “cervello quantistico”
Gli scienziati hanno creato un materiale intelligente adattivo e mutevole che si comporta come il cervello umano
STATI UNITI
3 gior
La scimmia che gioca a Pong solo con il pensiero grazie al chip Neuralink
L’azienda di Elon Musk ha raggiunto un altro importante traguardo con un chip impiantato nel cranio di una scimmia
AvanTI
5 gior
La spugna che rende potabile l’acqua grazie al sole
Creata una spugna in grafite espansa che sfruttando l’energia solare può estrarre l’acqua potabile dall’aria e dal mare
STATI UNITI
1 sett
Voyager Station: il primo hotel nello spazio
Un’azienda americana vuole costruire una base per accogliere dal 2027 turisti spaziali, scienziati e astronauti
DANIMARCA
1 sett
Un’isola artificiale per produrre energia eolica
La Danimarca costruirà nel Mare del Nord un hub per 200 turbine eoliche che forniranno energia a 3 milioni di famiglie
MARTE
1 sett
Prodotto per la prima volta l’ossigeno su Marte
Uno dei dispositivi sul rover Perseverance ha convertito l’anidride carbonica dell’atmosfera marziana in ossigeno
STATI UNITI
2 sett
L’indossabile che trasforma il corpo umano in batteria
Un innovativo dispositivo indossabile può convertire il calore del corpo umano in energia elettrica
AvanTI
2 sett
SostenibiliTi: insieme per trasformare il Ticino nella prima regione a bilancio positivo del mondo
Lo Swiss Institute for Disruptive Innovation lancia un’importante iniziativa per compensare le emissioni di CO2
ITALIA
2 sett
La prima “casa alveare” stampata in 3D con la terra
Si chiama Tecla, la casa a zero emissioni simile ad un alveare interamente stampata in 3D con materiali riciclabili
SVEZIA
2 sett
Un nuovo prototipo di batteria strutturale
Dalla fibra di carbonio l’accumulo senza massa con risultati 10 volte migliori rispetto a tutte le precedenti versioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile