AvanTi
STATI UNITI
10.10.20 - 08:000

Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale

Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere

Per aiutare le persone non vedenti, i ricercatori di tutto il mondo pensano da tempo a un dispositivo capace di inviare le immagini direttamente al cervello. Finora i progressi in questa direzione sono stati sempre piuttosto limitati. Oggi, però, un team di scienziati del Baylor College of Medicine di Houston ha fatto un passo avanti importante per raggiungere questo obbiettivo.
Come viene riportato in un nuovo articolo pubblicato sull’autorevole rivista Cell, il team ha sviluppato un impianto cerebrale che consente ai non vedenti e agli ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere. Il dispositivo non prende in considerazione gli occhi, ma trasmette informazioni visive da una telecamera direttamente agli elettrodi impiantati nel cervello. Potrebbe quindi trattarsi di un passo avanti verso una “protesi visiva” che consentirebbe ai non vedenti di riacquistare completamente la vista.
Nello specifico, i partecipanti allo studio sono stati in grado di “vedere” i contorni delle forme, grazie a complesse sequenze di impulsi elettrici inviati al loro cervello. «Quando abbiamo utilizzato la stimolazione elettrica per rintracciare dinamicamente le lettere direttamente sul cervello dei pazienti, sono stati in grado di "vedere" le forme delle lettere e di identificarle correttamente», ha affermato l'autore senior dello studio Daniel Yoshor.
Durante la sperimentazione i partecipanti hanno descritto di vedere punti luminosi o linee che formavano delle lettere. Questo dispositivo, quindi, potrebbe avere un impatto notevole sulla vita dei non vedenti. «La capacità di rilevare la forma di un membro della famiglia o di consentire una navigazione più indipendente sarebbe un progresso meraviglioso per molti pazienti non vedenti», ha dichiarato Yoshor a Live Science.
Lo sviluppo del dispositivo è comunque ancora nelle sue fasi iniziali e ci sono molte sfide da superare prima che questa tecnologia possa entrare nella pratica clinica. «La corteccia visiva primaria, dove sono stati impiantati gli elettrodi, contiene mezzo miliardo di neuroni. In questo studio abbiamo stimolato solo una piccola parte di questi neuroni con una manciata di elettrodi», ha spiegato il primo autore dello studio Michael Beauchamp.
«Un prossimo passo importante sarà lavorare con i neuroingegneri per sviluppare una rete di migliaia di elettrodi, in modo da avere una stimolazione più precisa. Insieme al nuovo hardware, degli algoritmi di stimolazione migliorati ci aiuteranno a realizzare il sogno di fornire informazioni visive utili ai non vedenti».

AvanTi
Ingrandisci l'immagine
ULTIME NOTIZIE AvanTI
SINGAPORE
24 min
Produrre energia solare dall’ombra
Sviluppato un prototipo in grado di sfruttare i contrasti tra le zone d’ombra e quelle illuminate per generare energia
REGNO UNITO
3 gior
Uno spettacolare jetpack per soccorsi rapidi in montagna
In Inghilterra un jetpack ha permesso a un paramedico di raggiungere il luogo dell’incidente in soli 90 secondi
STATI UNITI
5 gior
Hyperloop, effettuato il primo test con persone a bordo
Nel deserto del Nevada il treno supersonico della Virgin ha trasportato per la prima volta dei passeggeri umani
SPAZIO
6 gior
Impianti fotovoltaici spaziali: una possibile soluzione per il futuro?
Testata l’antenna PRAM per studiare la possibilità di trasmissione dell’energia solare sulla Terra tramite microonde
STATI UNITI
1 sett
Un super-enzima in grado di divorare la plastica
Gli scienziati hanno creato in laboratorio un super-enzima che degrada la plastica a una velocità incredibile
STATI UNITI
1 sett
Ecco Flippy Roar, lo chef robot
Una startup californiana ha sviluppato un efficiente robot da fast food per ottimizzare il lavoro in cucina
REGNO UNITO
2 sett
Il super-condensatore che potrebbe rivoluzionare il sistema di stoccaggio dell’energia
Un team di ricercatori ha usato un materiale polimerico che accumula quantità di energia fino a 10.000 volte superiori
STATI UNITI
2 sett
La startup che produce protesi 3D a un costo accessibile
La Unlimited Tomorrow, fondata dal 24enne Easton LaChappelle, ha di recente svelato la sua ultima innovativa protesi
STATI UNITI
2 sett
Scienziati creano le prime cellule umane trasparenti
Queste cellule possono modulare il modo in cui riflettono la luce grazie a un meccanismo molecolare usato dai calamari
CINA
3 sett
Air Plasma, il motore ecosostenibile per gli aerei del futuro
Sviluppato in Cina un prototipo di motore a propulsione al plasma che non utilizza carburanti fossili
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile