AvanTi
STATI UNITI
01.10.20 - 08:000

Un nuovo record di efficienza per le celle solari

L’uso di materiali adoperati per i satelliti ha permesso di realizzare una cella solare dall’efficienza vicina al 50%

Un team di scienziati e ricercatori americani del National Renewable Energy Laboratory (NREL) sostiene, in un recente studio pubblicato su Nature Energy, di aver messo a punto una nuova cella solare con un’efficienza del 47,1%. Questo valore la rende la cella solare più efficiente al mondo a prescindere dal tipo di materiale impiegato. Le celle a giunzione singola oggi più diffuse, infatti, di solito non superano un’efficienza del 30%.
Per costruire queste particolari celle, i ricercatori del NREL hanno fatto affidamento su una soluzione nota come cella solare III-V a sei giunzioni, realizzata cioè con sei diversi tipi di strati foto-attivi. Ciascuno di questi è composto da vari materiali III-V, ovvero del 3° e del 5° gruppo della tavola periodica, in grado di sfruttare differenti porzioni dello spettro luminoso per raccogliere l’energia. Il dispositivo contiene in totale 140 strati di vari materiali III-V per supportare le prestazioni di queste sei giunzioni e ha uno spessore tre volte inferiore a quello di un capello.
«Questo dispositivo dimostra davvero lo straordinario potenziale dei pannelli solari multigiunzione», ha dichiarato John Geisz, scienziato presso il NREL e uno dei principali autori della ricerca. Va comunque notato che il record è stato ottenuto adoperando speciali lenti capaci di focalizzare la luce solare aumentandone l’intensità di 143 volte, ma nonostante ciò l’efficienza di questo tipo di celle resta comunque molto elevata. I test effettuati con la luce naturale diretta hanno infatti evidenziato un’efficienza pari al 39,2%.
Le celle solari III-V sono molto efficienti ma a causa dell’elevato costo di realizzazione vengono utilizzate per applicazioni particolari come l’alimentazione dei satelliti. «Un modo per ridurre i costi è quello di ridurre l’area richiesta», ha spiegato Geisz. Per fare ciò è utile sfruttare un concentratore solare così da focalizzare la luce in un solo punto. Questo permette di ridurre le dimensioni fino a un centesimo, o anche un millesimo, rispetto ad una cella di silicio a piastra piatta. Un ulteriore vantaggio è che concentrando la luce aumenta l’efficienza della cella.
Secondo Geisz, il principale ostacolo da superare per oltrepassare il 50% di efficienza sono le barriere resistive interne alla cella che ostacolano il flusso di corrente. Certo si può migliorare ulteriormente, ma questo risultato è di per sé già straordinario. Nel frattempo, il NREL è costantemente al lavoro per ridurre i costi di fabbricazione di queste celle solari III-V, che possono comunque aprire un nuovo mercato e nuove applicazioni per l’uso dell’energia solare.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
MARTE
19 ore
La prima Starship su Marte entro il 2024
Elon Musk vuole inviare su Marte la sua navicella senza equipaggio e costruire il primo avamposto umano permanente
UNIONE EUROPEA
3 gior
SuperTwin, l’innovativo microscopio che sfrutta la fisica quantistica per osservare i virus
Il progetto finanziato dall’UE intende superare il limite di risoluzione di 250 nanometri dei microscopi ottici attuali
REGNO UNITO
4 gior
Creato il primo robot-scienziato
Si tratta di un robot chimico che in una settimana ha fatto già oltre 600 esperimenti e impara dal proprio lavoro
RUSSIA
6 gior
L’Intelligenza Artificiale che analizza la personalità in base alle foto
Un team di ricercatori ha sviluppato un’AI che identifica i tratti psicologici di una persona a partire dai selfie
STATI UNITI
1 sett
E-Skin, il dispositivo indossabile del futuro
Si tratta di una “pelle elettronica” che misura i parametri vitali e usa il sudore come biocarburante
PAESI BASSI
1 sett
Airbus punta sul primo aereo ad idrogeno
La compagnia ha presentato tre concept di aerei commerciali alimentati ad idrogeno che solcheranno i cieli entro il 2035
SPAZIO
1 sett
Le incredibili immagini della nascita di un pianeta
Grazie allo strumento Sphere gli astronomi hanno fotografato per la prima volta nella storia la nascita di un pianeta
AvanTI
2 sett
Omaggi aziendali per Natale: dal Ticino un'idea originale e intelligente
Per ogni regalo verrà piantato un albero nella foresta amazzonica. Ma non solo…
STATI UNITI
2 sett
Dal PET agli elettrodi per batterie: scoperta una nuova tecnica per il riciclo della plastica
Sviluppata una tecnologia che sfrutta le microonde per trasformare il PET in materiali utili all’accumulo energetico
STATI UNITI
2 sett
Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale
Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile