AvanTi
CINA
04.08.20 - 07:530

Produrre energia elettrica dalle gocce di pioggia

Un team di ricercatori dell’Università di Hong Kong è riuscito a generare 140 V da ogni singola goccia d’acqua

I cambiamenti climatici stanno imponendo in maniera quasi impellente di trovare nuove forme di energia rinnovabili. Oggi, grazie a un rivoluzionario studio condotto da alcuni ricercatori della City University di Hong Kong, anche la pioggia potrebbe aiutarci ad affrontare il problema.

La ricerca, pubblicata su Nature, mostra come il team di ingegneri, attraverso l’utilizzo di materiali all’avanguardia e di soluzioni innovative, sia riuscito a sviluppare un nuovo tipo di generatore a gocce, cioè un Droplet-based Electricity Generator (DEG), molto più efficiente di tutti i suoi predecessori. Il nuovo dispositivo, infatti, è in grado di produrre oltre 140 V da una sola goccia d’acqua da 100 microlitri, l’equivalente energia per accendere per breve tempo 100 piccoli LED.

I generatori a gocce convenzionali sfruttano il cosiddetto effetto triboelettrico, un fenomeno in cui l’elettricità viene generata quando determinati materiali entrano in contatto tra loro e l’attrito li induce a scambiare elettroni. Tuttavia, i materiali utilizzati fino ad ora non consentivano di accumulare molta energia. Il nuovo dispositivo, invece, supera queste limitazioni grazie a due fondamentali elementi.

Il primo è il politetrafluoroetilene (o PTFE), comunemente conosciuto col nome di Teflon, che è un materiale dotato di una carica elettrica statica quasi permanente. L’energia cinetica derivante dalla caduta dell’acqua provoca un passaggio di elettroni dall’acqua al Teflon, tramite appunto l’effetto triboelettrico. Inoltre, la superficie in Teflon funziona anche da accumulatore, potendo conservare una quantità elevata di energia grazie alle sue caratteristiche intrinseche.

Il secondo fattore è legato al design del dispositivo. Infatti, scorrendo sulla superficie in Teflon, l’acqua accumulatasi forma un ponte tra l’elettrodo in alluminio e quello in ossido di indio-stagno sottostante allo strato sottile di PTFE. In questo modo il sistema svolge allo stesso tempo le funzioni di generazione, accumulazione e induzione della carica elettrica, con un’efficienza mai raggiunta prima.

«La nostra ricerca mostra che una goccia di 100 microlitri di acqua rilasciata da un’altezza di 15 cm può generare una tensione di oltre 140 V. E la potenza generata può illuminare 100 piccole lampadine a LED», ha dichiarato il Professor Wang Zuankai del Dipartimento di Ingegneria Meccanica della City University. Insomma, si tratta del risultato più alto mai raggiunto finora.

Come è facilmente intuibile, una volta messo a punto, il potenziale del sistema di produrre energia elettrica pulita e rinnovabile dalla pioggia è enorme. Gli stessi ingegneri però ammettono che c’è ancora molto lavoro da fare prima di passare dal prototipo utilizzato nella ricerca a un prodotto commercializzabile sul mercato.

Ad ogni modo, l’innovativo generatore potrebbe essere utilizzato su varie superfici in cui i liquidi vengono a contatto con i solidi, per sfruttare appieno l’energia cinetica a bassa frequenza dell’acqua. Ad esempio, è possibile immaginarne l’applicazione sullo scafo di una nave o su strutture costiere, su ombrelloni oppure su semplici pannelli con cui ricoprire i tetti delle case.

AvanTi
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
ISRAELE
3 gior
La prima fabbrica al mondo di carne coltivata in laboratorio
La start-up israeliana Future Meat ha aperto un impianto in grado di produrre 500 kg di carne coltivata al giorno.
LUGANO
5 gior
Camillo Vismara SA aderisce al progetto sostenibiliTi in qualità di Heroes League Partner
L’azienda di Cadro sceglie di farsi promotrice di un cambio di passo dettato dall’amore per la propria terra
SVIZZERA
1 sett
I corsi della School of Disruption: l’e-learning per i lavori del futuro
L’iniziativa del SIDI consente di acquisire le competenze utili per cogliere nuove opportunità di lavoro e di business.
STATI UNITI
1 sett
Oggetti stampati in 3D che percepiscono l’interazione con l’utente
I ricercatori hanno integrato le capacità di rilevamento in metamateriali per creare dispositivi di input interattivi
ITALIA
1 sett
E se la realtà fosse un gioco di specchi quantistici?
Una nuova teoria del fisico italiano Rovelli suggerisce che la realtà potrebbe essere un gioco di specchi quantistici
MONDO
2 sett
Celle solari trasparenti che durano 30 anni
Dotate di una buona efficienza si potranno integrare in vetrate e infissi per trasformare le case in centrali elettriche
FOTO
STATI UNITI
2 sett
Una mano robotica gonfiabile con senso tattile
Creata una protesi che offre agli amputati un controllo tattile in tempo reale e consente una vasta gamma di attività.
STATI UNITI
2 sett
Google ha utilizzato l’Intelligenza Artificiale per disegnare i suoi chip
L’AI di Google ha auto-progettato i suoi chip impiegando solo 6 ore invece di mesi di lavoro da parte degli ingegneri.
FOTO
ISLANDA
3 sett
Entrato in funzione Orca, il più grande impianto al mondo per la cattura della CO2
Realizzato in Islanda, potrà assorbire circa 4.000 tonnellate di CO2 ogni anno, pari alle emissioni di 870 auto.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Elon Musk svela il robot umanoide Tesla Bot
L’automa funzionerà con l’AI dei veicoli e affiancherà l’uomo per svolgere compiti pericolosi, ripetitivi e noiosi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile