AvanTi
CINA
04.08.20 - 07:530

Produrre energia elettrica dalle gocce di pioggia

Un team di ricercatori dell’Università di Hong Kong è riuscito a generare 140 V da ogni singola goccia d’acqua

I cambiamenti climatici stanno imponendo in maniera quasi impellente di trovare nuove forme di energia rinnovabili. Oggi, grazie a un rivoluzionario studio condotto da alcuni ricercatori della City University di Hong Kong, anche la pioggia potrebbe aiutarci ad affrontare il problema.

La ricerca, pubblicata su Nature, mostra come il team di ingegneri, attraverso l’utilizzo di materiali all’avanguardia e di soluzioni innovative, sia riuscito a sviluppare un nuovo tipo di generatore a gocce, cioè un Droplet-based Electricity Generator (DEG), molto più efficiente di tutti i suoi predecessori. Il nuovo dispositivo, infatti, è in grado di produrre oltre 140 V da una sola goccia d’acqua da 100 microlitri, l’equivalente energia per accendere per breve tempo 100 piccoli LED.

I generatori a gocce convenzionali sfruttano il cosiddetto effetto triboelettrico, un fenomeno in cui l’elettricità viene generata quando determinati materiali entrano in contatto tra loro e l’attrito li induce a scambiare elettroni. Tuttavia, i materiali utilizzati fino ad ora non consentivano di accumulare molta energia. Il nuovo dispositivo, invece, supera queste limitazioni grazie a due fondamentali elementi.

Il primo è il politetrafluoroetilene (o PTFE), comunemente conosciuto col nome di Teflon, che è un materiale dotato di una carica elettrica statica quasi permanente. L’energia cinetica derivante dalla caduta dell’acqua provoca un passaggio di elettroni dall’acqua al Teflon, tramite appunto l’effetto triboelettrico. Inoltre, la superficie in Teflon funziona anche da accumulatore, potendo conservare una quantità elevata di energia grazie alle sue caratteristiche intrinseche.

Il secondo fattore è legato al design del dispositivo. Infatti, scorrendo sulla superficie in Teflon, l’acqua accumulatasi forma un ponte tra l’elettrodo in alluminio e quello in ossido di indio-stagno sottostante allo strato sottile di PTFE. In questo modo il sistema svolge allo stesso tempo le funzioni di generazione, accumulazione e induzione della carica elettrica, con un’efficienza mai raggiunta prima.

«La nostra ricerca mostra che una goccia di 100 microlitri di acqua rilasciata da un’altezza di 15 cm può generare una tensione di oltre 140 V. E la potenza generata può illuminare 100 piccole lampadine a LED», ha dichiarato il Professor Wang Zuankai del Dipartimento di Ingegneria Meccanica della City University. Insomma, si tratta del risultato più alto mai raggiunto finora.

Come è facilmente intuibile, una volta messo a punto, il potenziale del sistema di produrre energia elettrica pulita e rinnovabile dalla pioggia è enorme. Gli stessi ingegneri però ammettono che c’è ancora molto lavoro da fare prima di passare dal prototipo utilizzato nella ricerca a un prodotto commercializzabile sul mercato.

Ad ogni modo, l’innovativo generatore potrebbe essere utilizzato su varie superfici in cui i liquidi vengono a contatto con i solidi, per sfruttare appieno l’energia cinetica a bassa frequenza dell’acqua. Ad esempio, è possibile immaginarne l’applicazione sullo scafo di una nave o su strutture costiere, su ombrelloni oppure su semplici pannelli con cui ricoprire i tetti delle case.

AvanTi
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Una “fionda orbitale” per osservare gli oggetti interstellari
Scienziati del MIT stanno sviluppando insieme alla NASA un’idea innovativa per studiare gli oggetti interstellari
STATI UNITI
3 gior
Titanato di litio per batterie a ricarica ultrarapida
Uno studio ha registrato il movimento esatto degli ioni di litio nel titanato aprendo nuove prospettive in questo campo
GIAPPONE
5 gior
Azienda giapponese testa un’auto volante con conducente
La giapponese SkyDrive ha condotto il primo test pubblico di un’auto volante con a bordo un pilota umano
MONDO
1 sett
Le incredibili piante modificate geneticamente che si illuminano
Un team di ricercatori ha creato delle piante luminose grazie al DNA di un fungo bioluminescente
ITALIA
1 sett
Scienziati decodificano il modo in cui il cervello distingue gli odori
Uno studio ha permesso di decodificare il linguaggio neurale degli odori riuscendo ad ingannare il cervello dei topi
FINLANDIA
1 sett
Idrogeno a basso costo grazie a un nuovo catalizzatore in nanotubi di grafene
Sviluppato un catalizzatore che consente le reazioni chimiche alla base della produzione dell’idrogeno a prezzi ridotti
STATI UNITI
2 sett
Elon Musk ha presentato i progressi di Neuralink
Mostrato su un maiale il funzionamento dell’impianto cerebrale in grado di connettere il cervello ad un computer
STATI UNITI
2 sett
Micrashell, la tuta tecnologica per proteggerci dai virus
Dagli Stati Uniti un progetto futuristico per tornare a socializzare senza distanziamento e al sicuro dal coronavirus
SINGAPORE
2 sett
Le batterie al litio-zolfo ora sono più stabili e performanti
Un team di ricercatori ha creato un elettrolita semisolido per batterie litio-zolfo più sicure e ad alte prestazioni
REPUBBLICA CECA
3 sett
Ecco la prima casa galleggiante stampata in 3D
Si chiama Prvok, si realizza in 48 ore, ha una superficie di 43 mq, è parzialmente autosufficiente e durerà 100 anni
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile