Le auto a guida autonoma ora possono viaggiare anche con neve e nebbia
AvanTI
STATI UNITI
20.07.20 - 06:000

Le auto a guida autonoma ora possono viaggiare anche con neve e nebbia

Una nuova tecnologia del MIT consente alle auto autonome di cercare punti di riferimento sotto la superficie stradale

I veicoli a guida autonoma stanno diventando sempre più complessi e tecnologici. Tuttavia, ancora oggi, uno dei maggiori ostacoli alla completa automazione è costituito dalle condizioni meteo avverse, in particolare da neve e nebbia. Ora un team di scienziati del Computer Science and Artificial Intelligence Lab del MIT di Boston ha compiuto un passo avanti anche in questa direzione.

I ricercatori del MIT, infatti, stanno lavorando su una tecnologia a guida autonoma che consente alle auto di “vedere” attraverso il terreno fino a una profondità di dieci piedi sotto la superficie della strada. L’idea è quella di consentire ai veicoli autonomi di capire esattamente dove si trovano, specialmente quando neve, nebbia o altre intemperie oscurano i segnali stradali.

In genere, le auto a guida autonoma della generazione attuale si affidano a un mix di telecamere e sensori di rilevamento della luce (LIDAR) per decidere e mantenere la posizione sulla strada. Ma tali dispositivi possono appunto essere messi in difficoltà dalle scarse condizioni di visibilità o da segnali stradali coperti dalla neve. E ciò potrebbe causare degli incidenti.

Per tentare di risolvere tale inconveniente, il team del MIT ha ideato un nuovo sistema denominato “Localizing Ground Penetrating Radar” (LGPR) che è in grado di creare una mappa in tempo reale del terreno sotto la superficie della strada. Questo radar, infatti, invia impulsi elettromagnetici verso il terreno per stabilire l’esatta combinazione della superficie. I dati, poi, vengono trasformati in mappe operative per le centraline delle auto autonome che in questo modo riescono a “vedere” anche quando il resto della strumentazione non vede nulla o legge il contesto in maniera meno efficace.

«Se prendiamo una pala e scaviamo nel terreno, tutto ciò che vedremo è un mucchio di terra, ma l’LGPR può quantificare gli elementi specifici e confrontarli con la mappa che è già stata creata, in modo che sappia esattamente dove si trova, senza bisogno di telecamere o laser», ha spiegato Teddy Ort, PhD al CSAIL.

I ricercatori, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Ieee Robotics and Automation Letters, hanno effettuato un test sul terreno, provando il radar a velocità ridotte su strade chiuse di campagna. L’LGPR funziona sia quando la strada è ricoperta dalla neve sia in condizioni di scarsa visibilità a causa della nebbia.

Il team sta ora lavorando alla miniaturizzazione del loro sistema, in quanto l’impalcatura impiegata nel test è molto più grande dell’attuale set di telecamere e sensori LIDAR. Ad ogni modo, l’LGPR è certamente un’ottima soluzione che secondo i ricercatori potrebbe essere integrata in tutti i veicoli autonomi per garantire la massima sicurezza in situazioni meteorologicamente complicate.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
LUGANO
3 gior
Camillo Vismara SA aderisce al progetto sostenibiliTi in qualità di Heroes League Partner
L’azienda di Cadro sceglie di farsi promotrice di un cambio di passo dettato dall’amore per la propria terra
SVIZZERA
5 gior
I corsi della School of Disruption: l’e-learning per i lavori del futuro
L’iniziativa del SIDI consente di acquisire le competenze utili per cogliere nuove opportunità di lavoro e di business.
STATI UNITI
1 sett
Oggetti stampati in 3D che percepiscono l’interazione con l’utente
I ricercatori hanno integrato le capacità di rilevamento in metamateriali per creare dispositivi di input interattivi
ITALIA
1 sett
E se la realtà fosse un gioco di specchi quantistici?
Una nuova teoria del fisico italiano Rovelli suggerisce che la realtà potrebbe essere un gioco di specchi quantistici
MONDO
1 sett
Celle solari trasparenti che durano 30 anni
Dotate di una buona efficienza si potranno integrare in vetrate e infissi per trasformare le case in centrali elettriche
FOTO
STATI UNITI
2 sett
Una mano robotica gonfiabile con senso tattile
Creata una protesi che offre agli amputati un controllo tattile in tempo reale e consente una vasta gamma di attività.
STATI UNITI
2 sett
Google ha utilizzato l’Intelligenza Artificiale per disegnare i suoi chip
L’AI di Google ha auto-progettato i suoi chip impiegando solo 6 ore invece di mesi di lavoro da parte degli ingegneri.
FOTO
ISLANDA
2 sett
Entrato in funzione Orca, il più grande impianto al mondo per la cattura della CO2
Realizzato in Islanda, potrà assorbire circa 4.000 tonnellate di CO2 ogni anno, pari alle emissioni di 870 auto.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Elon Musk svela il robot umanoide Tesla Bot
L’automa funzionerà con l’AI dei veicoli e affiancherà l’uomo per svolgere compiti pericolosi, ripetitivi e noiosi.
FOTO
STATI UNITI
3 sett
In arrivo un futuristico drone-bus per collegamenti tra città
Una startup americana ha sviluppato un autobus volante in grado di trasportare 40 passeggeri da una città all’altra.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile