Immobili
Veicoli
AvanTi
AUSTRALIA
15.07.20 - 08:000

La fusione nucleare per un’energia illimitata potrebbe essere già realtà

Grazie a un rivoluzionario reattore idrogeno-boro si potrà produrre energia pulita e illimitata in modo sicuro

La fusione nucleare, che è il meccanismo base delle stelle, è una reazione attraverso cui i nuclei di due o più atomi si uniscono tra loro e danno come risultato il nucleo di un nuovo elemento chimico. Questa forma di energia rappresenta al giorno d’oggi la tanto attesa soluzione teorica pulita e sicura ai bisogni energetici dell’umanità. In effetti, sono state effettuate numerose ricerche per cercare di sfruttare tale processo e alcune di esse hanno dato buoni risultati.
A questo proposito, una startup australiana chiamata HB11 Energy dell’Università del Nuovo Galles del Sud afferma di aver trovato il modo di rivoluzionare l’attuale tecnologia di fusione nucleare, gettando le basi per una nuova era basata su un’energia affidabile, sicura, a basso costo e senza possibilità di un crollo radioattivo.
La società ha infatti annunciato una serie di brevetti in Giappone, Cina e Stati Uniti a protezione del suo approccio unico idrogeno-boro alla generazione di energia da fusione nucleare. «Stiamo eludendo tutte le sfide scientifiche che hanno trattenuto l’energia di fusione per oltre mezzo secolo», ha dichiarato Warren McKenzie, direttore generale di HB11.
La maggior parte delle soluzioni di reattore a fusione nucleare che sono state studiate fino ad oggi si basano su un approccio di fusione termonucleare deuterio-trizio che richiede la creazione di temperature incredibilmente alte, molto più calde della superficie del Sole, cioè fino a 15 milioni di gradi Celsius. Ed è qui che la tecnologia di HB11 promette di rivoluzionare le cose.
Grazie a decenni di ricerche da parte del professor Eminito Heinrich Hora, infatti, l’approccio di HB11 alla fusione elimina sia i carburanti rari, radioattivi e difficili come il trizio, sia le temperature eccezionalmente alte. Al loro posto, la startup utilizzerebbe una tecnica basata sull’idrogeno e un isotopo B-11 al boro, impiegando l’applicazione precisa di alcuni laser molto speciali per innescare la reazione di fusione.
Nello specifico, tale metodo utilizza una sfera metallica vuota, con al centro il pellet di HB11, con aperture di diverse dimensioni sui suoi lati per i laser. Un laser stabilisce il campo di contenimento magnetico per il plasma e un secondo laser innesca la reazione di fusione a catena. Le particelle alfa generate dalla reazione producono un flusso elettrico che può essere convogliato in una griglia senza la necessità di dover usare scambiatori di calore o turbine a vapore.
«Molti esperimenti di fusione stanno usando i laser per riscaldare le cose fino a temperature folli. Noi non siamo folli. Stiamo usando il laser per accelerare massicciamente l’idrogeno attraverso il campione di boro», ha spiegato McKenzie. «Potremmo dire che usiamo l’idrogeno come una freccia per colpire un atomo di boro, e se ne colpiamo uno, possiamo iniziare una reazione di fusione. Questa è l’essenza».
HB11 sostiene che i suoi generatori sarebbero compatti, puliti e così sicuri da poter essere costruiti in ambienti urbani. Non ci sono infatti scorie nucleari coinvolte, nessun vapore surriscaldato e nessuna possibilità di incidenti. Ad ogni modo, per ora si tratta solo di teoria e bisogna ancora riuscire ad ottenere una reazione che dia più energia di quella necessaria per crearla. La stessa McKenzie non sa tra quanto tempo il reattore idrogeno-boro entrerà in commercio, né vuole fare previsioni troppo azzardate. Fatto sta che la realizzazione di un reattore di questo genere potrebbe assicurare all’umanità millenni di energia pulita.

AvanTi
Guarda le 2 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
AvanTI
1 gior
Una nave sostenibile per la transizione energetica del trasporto marittimo
La nave MS Porrima funziona con energia solare, eolica e idrogeno, un mix più che competitivo con i combustibili fossili
CINA
4 gior
Una futuristica auto volante che va anche su strada
Xpeng ha presentato il concept di un’avveniristica supercar elettrica in grado sia di volare che di circolare su strada
STATI UNITI
6 gior
Stampare in 3D con materiali viventi
Creato un inchiostro microbico per la stampa 3D che ha caratteristiche funzionali e programmabili
ZURIGO
1 sett
Estrarre carburante sostenibile dall’aria grazie all’energia solare
I ricercatori del Politecnico di Zurigo hanno prodotto carburante a impatto zero a partire dall’aria e dalla luce solare
AvanTI
1 sett
Starlab, una nuova stazione spaziale privata in orbita entro il 2027
Presentato il progetto di una stazione spaziale concepita per essere una destinazione turistica e un centro di ricerca.
AvanTI
1 sett
L’ESA al lavoro sul “gemello digitale” della Terra
Il programma Digital Twin Earth permetterà di monitorare gli effetti del cambiamento climatico prevedendone l’evoluzione
FOTO
AvanTI
2 sett
Il primo robot umanoide in grado di volare
iRonCub dell’IIT potrà raggiungere i luoghi più difficili e salvare vite umane nei disastri naturali.
AvanTI
2 sett
Microreattori nucleari per sostituire i generatori a diesel
La società americana Radiant sta sviluppando un microreattore nucleare compatto, portatile e a basso costo.
AvanTI
2 sett
Il futuro dei computer sono gli switch ottici
Creato un nuovo interruttore ottico che è fino a 1.000 volte più veloce dei tradizionali transistor al silicio.
AvanTI
3 sett
Il James Webb Space Telescope è in viaggio
Il telescopio spaziale più grande e potente mai creato guarderà indietro nel tempo per studiare le origini dell’universo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile