AvanTi
STATI UNITI
28.03.20 - 08:000

Droni controllati dai soldati tramite le onde cerebrali

Il Pentagono vuole costruire una tecnologia che dia ai soldati la possibilità di guidare con la mente i droni militari

La Difesa degli Stati Uniti d’America sta tentando di sviluppare una tecnologia che darebbe ai soldati la possibilità di controllare droni militari letali con le loro menti.

A tal proposito, il nuovo programma di ricerca della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), l’agenzia governativa per i progetti di ricerca avanzata del Pentagono, sta sviluppando interfacce cervello-computer (BCI) che potrebbero controllare “sciami di droni, operando alla velocità del pensiero”, almeno in base a quanto ha spiegato il neuroscienziato Al Emondi del DARPA al MIT Tech Review.

Emondi dirige il programma Next-Generation Nonsurgical Neurotechnology (N 3 ), lanciato dall’Agenzia nel marzo del 2018 nella speranza di realizzare un’interfaccia cervello-computer che non debba essere impiantata chirurgicamente. A maggio dello scorso anno Emondi ha assegnato a sei team di ricercatori una somma di 104 milioni di dollari di finanziamenti, stanziati dagli Stati Uniti appunto per perseguire tale obiettivo.

Ogni squadra si approccia al problema da una prospettiva diversa. Ad esempio, il team della Carnegie Mellon University sta testando se i segnali elettrici ed ecografici possano supportare un BCI non invasivo, mentre il gruppo  della Johns Hopkins University sta esplorando la fattibilità della luce nel vicino infrarosso.

La stessa Agenzia ad ottobre ha annunciato di aver selezionato otto squadre per competere nelle prove “Alpha Dogfight”, una competizione virtuale progettata per dimostrare algoritmi avanzati di Intelligenza Artificiale in grado di eseguire manovre simulate di combattimento aereo all’interno del raggio visivo, conosciute appunto come “dogfight”.

La creazione di un dispositivo che consenta ai soldati di controllare i droni militari con le onde cerebrali solleva ovviamente forti dubbi di natura etica e politica. Basti pensare a cosa accadrebbe se tale strumento finisse in mani nemiche o se un soldato sbagliasse ad inviare i comandi. Tuttavia, non bisogna nemmeno sottovalutare le potenzialità di alcune tecnologie sviluppate in ambito militare e il loro impatto sulla società civile.

In effetti, un dispositivo di lettura della mente che non richieda alcun intervento chirurgico aprirebbe un mondo di possibilità. Ognuno di noi, ad esempio, potrebbe utilizzarlo per controllare all’istante con il solo pensiero qualsiasi strumento hi-tech collegato ad internet, che sia lo smartphone o l’impianto domotico della nostra casa. Ancora più importanti sarebbero le applicazioni in ambito sanitario. Con un tale dispositivo, infatti, le persone con arti mancanti o paralisi potrebbero controllare le protesi, o persino gli esoscheletri, usando solo le loro menti e tutto senza subire interventi chirurgici.

Ad ogni modo, il primo passo sarebbe quello di sviluppare tale innovativa tecnologia e cercare di farla funzionare. I sei team che lavorano per il DARPA stanno facendo sicuramente grandi progressi su questo fronte, ma hanno ancora molta strada da fare prima di avere un BCI non invasivo pronto per essere indossato da chiunque, civile o soldato che sia.

AvanTi
Guarda le 4 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
REGNO UNITO
1 gior
Creato il primo robot-scienziato
Si tratta di un robot chimico che in una settimana ha fatto già oltre 600 esperimenti e impara dal proprio lavoro
RUSSIA
3 gior
L’Intelligenza Artificiale che analizza la personalità in base alle foto
Un team di ricercatori ha sviluppato un’AI che identifica i tratti psicologici di una persona a partire dai selfie
STATI UNITI
5 gior
E-Skin, il dispositivo indossabile del futuro
Si tratta di una “pelle elettronica” che misura i parametri vitali e usa il sudore come biocarburante
PAESI BASSI
1 sett
Airbus punta sul primo aereo ad idrogeno
La compagnia ha presentato tre concept di aerei commerciali alimentati ad idrogeno che solcheranno i cieli entro il 2035
SPAZIO
1 sett
Le incredibili immagini della nascita di un pianeta
Grazie allo strumento Sphere gli astronomi hanno fotografato per la prima volta nella storia la nascita di un pianeta
AvanTI
1 sett
Omaggi aziendali per Natale: dal Ticino un'idea originale e intelligente
Per ogni regalo verrà piantato un albero nella foresta amazzonica. Ma non solo…
STATI UNITI
2 sett
Dal PET agli elettrodi per batterie: scoperta una nuova tecnica per il riciclo della plastica
Sviluppata una tecnologia che sfrutta le microonde per trasformare il PET in materiali utili all’accumulo energetico
STATI UNITI
2 sett
Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale
Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere
STATI UNITI
2 sett
Speciali pinzette ottiche per afferrare singole molecole
Ingegneri costruiscono pinzette così piccole da poter raccogliere singole molecole e proteine senza danneggiarle
UNIONE EUROPEA
2 sett
Eco-pannelli in aerogel per abbattere le emissioni di CO2 degli edifici
L’Unione Europea ha finanziato un progetto che ha portato allo sviluppo di pannelli ecologici per edifici green
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile