Immobili
Veicoli
Sensori per dispositivi indossabili più resistenti grazie al kirigami e al grafene
AvanTi
STATI UNITI
25.03.20 - 06:000

Sensori per dispositivi indossabili più resistenti grazie al kirigami e al grafene

La tecnica del kirigami applicata al grafene permette ai dispositivi di conformarsi meglio ai movimenti del corpo

Oggi sempre più persone utilizzano dispositivi indossabili per praticare sport o per svolgere altre attività. Tali utenti, tuttavia, sono spesso costretti a sperimentare una delle più grandi debolezze di questi apparecchi, ovvero il fatto che i sensori resistono poco allo stress e alle tensioni causate dal movimento naturale del corpo umano, e perciò sono suscettibili a guasti e rotture. Sta quindi diventando sempre più urgente la necessità di sviluppare materiali che siano resistenti ai danni e all’usura a cui sono sottoposti questi oggetti.

A tale scopo, i ricercatori del Grainger College of Engineering dell’Università dell’Illinois hanno utilizzato il kirigami, una tecnica simile all’origami, l’arte più conosciuta della piegatura della carta, che però ne prevede il taglio oltre alla piegatura. Sfruttando la struttura dei kirigami, infatti, gli ingegneri sono riusciti a far diventare i materiali più resistenti alle sollecitazioni e più adattabili ai movimenti.

Nello specifico, il team di ricercatori guidati da SungWoo Nam, professore associato di Ingegneria Meccanica e Scienze, e Keong Yong, ha applicato con successo la tecnica del kirigami al grafene, un materiale ultrasottile, per creare sensori adatti ai dispositivi indossabili. «Utilizziamo tagli di kirigami per fornire estensibilità oltre la normale deformabilità di un materiale, in modo da ottenere i migliori risultati di rilevamento», ha osservato Nam.

Tali risultati sono stati ottenuti eseguendo alcune simulazioni in collaborazione con Narayana Aluru, professore di Ingegneria Meccanica e Scienze, il quale ha sviluppato un software online, primo del suo genere, che consente ai ricercatori di eseguire simulazioni prima di creare dispositivi reali. Una volta individuato il design più funzionale, si è passati alla realizzazione pratica del prototipo. Il grafene è stato valutato il materiale più idoneo perché è sottile e resiste a deformazioni e rotture più dei metalli e di altri materiali convenzionali.

Il team di ricerca è stato in grado di incapsulare lo strato di grafene tra due strati di poliimmide (lo stesso materiale utilizzato per proteggere gli smartphone pieghevoli) e, successivamente, hanno ingegnerizzato tagli di kirigami per migliorare l’elasticità del materiale. «Poiché il grafene è sensibile ai cambiamenti esterni, ma è anche un conduttore flessibile, è interessante usarlo per creare sensori», ha affermato Nam. «Questa sensibilità è adatta per rilevare ciò che ti circonda, come i livelli di glucosio o di ioni nel sudore».

Gli ingegneri hanno scoperto che l’impiego del kirigami ha reso il grafene non solo estensibile, ma anche sensibile alla tensione e privo di artefatti causati dal movimento, il che significa che anche se viene deformato, non vi è alcun cambiamento nel suo stato elettrico. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che gli elettrodi di grafene presentano insensibilità fino al 240% della deformazione uniassiale o a 720 gradi di torsione. «La cosa interessante del kirigami è che quando lo allunghi crei un’inclinazione fuori dal piano», ha dichiarato Nam. «Ecco come la struttura può subire deformazioni così grandi».

I risultati completi di tale studio sono stati pubblicati su Materials Today. Nella sperimentazione i ricercatori hanno posizionato l’elemento di rilevamento attivo su un’isola tra due “ponti” realizzati con il grafene kirigami e, nonostante la flessione e l’inclinazione a cui è stato sottoposto, il grafene non ha perso alcun segnale elettrico. Inoltre, si è preso carico dall’allungamento e dalla tensione, consentendo all’elemento sensibile attivo di rimanere collegato alla superficie. Il kirigami, quindi, ha dimostrato la capacità unica di ridistribuire le concentrazioni di stress, ottenendo in tal modo attributi meccanici direzionali migliorati.

Ora il team di ricerca sta lavorando alla versione 2.0 e valutando la commercializzazione di questa innovativa tecnologia.

AvanTi
Guarda le 4 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
AvanTI
1 gior
L’Intelligenza Artificiale trasforma le immagini in oggetti 3D
La nuova tecnologia di NVIDIA converte in pochi istanti le foto in oggetti tridimensionali grazie alla rete neurale
GIAPPONE
3 gior
In Giappone un robot riparerà le linee elettriche delle ferrovie
Un robot pilotato da remoto grazie a un visore per la realtà virtuale aggiusterà le reti ferroviarie meno accessibili
FOTO E VIDEO
CINA
6 gior
AutoFlight ha testato il suo aerotaxi sostenibile
Il taxi a decollo verticale Prosperity I di AutoFlight ha effettuato con successo il suo primo volo di transizione.
REGNO UNITO
1 sett
Il Regno Unito mira all’energia solare spaziale
La Gran Bretagna potrebbe costruire una centrale solare orbitale in grado di fornire energia verde e illimitata.
CINA
1 sett
Superati i 100 km nella trasmissione di un segnale quantistico
Ricercatori cinesi hanno annunciato di aver trasmesso informazioni usando la fibra ottica e tecnologie quantistiche.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Un pesce bioibrido alimentato da cellule cardiache umane
Un team di ricercatori ha sviluppato un pesce cyborg usando cellule del muscolo cardiaco derivate da staminali umane
CINA
2 sett
Un transistor da record grazie alla tecnologia al grafene
Una ricerca sperimentale ha dimostrato la possibilità di produrre un gate spesso 0,34 nanometri, quanto un singolo atomo
VIDEO
STATI UNITI
2 sett
SpinLaunch: una nuova tecnologia per i lanci sub-orbitali
La NASA introdurrà un acceleratore suborbitale che gira a una velocità di 8.000 km/h per lanciare piccoli satelliti.
STATI UNITI
2 sett
Un nuovo robot morbido in grado di mutare forma utilizzando metallo liquido
Un team di scienziati ha creato un robot che si trasforma da veicolo terrestre a drone volante grazie al metallo liquido
FOTO
CINA
3 sett
La Cina produrrà 450 GW di energia rinnovabile nel deserto
La Cina ha annunciato la costruzione d'impianti eolici e fotovoltaici nel deserto del Gobi per 450 gigawatt.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile