Immobili
Veicoli
AvanTi
STATI UNITI
10.03.20 - 06:000

Contaminare Marte con microrganismi per dare avvio alla colonizzazione

Alcuni scienziati propongono di contaminare Marte con microbi terresti per creare l’ambiente adatto a colonizzarlo

Un’idea controversa

Dopo lo sbarco sulla Luna il prossimo obbiettivo delle esplorazioni spaziali è diventato senza dubbio Marte. Elon Musk e la sua compagnia SpaceX, ad esempio, hanno da poco presentato il prototipo di un missile chiamato Starship Mark 1, con cui si potrebbe sperimentare uno dei primi viaggi dell’uomo verso il Pianeta Rosso.

Per gli esseri umani, tuttavia, la sopravvivenza su un pianeta con un’atmosfera più sottile, una minore gravità e una quantità minima di ossigeno potrebbe risultare piena di sfide. Per non vivere quotidianamente in ambienti chiusi e sigillati, bisognerebbe cercare di trasformare Marte in un pianeta più simile alla Terra. Bisognerebbe cioè creare le condizioni affinché vi siano ossigeno e altri gas, temperature ottimali e una pressione dell’aria più consona alle abitudini terrestri.

A questo scopo, un gruppo di scienziati canadesi e brasiliani, in un recente articolo pubblicato sulla rivista FEMS Microbiology Ecology, ritiene che si potrebbe favorire questo processo grazie ai microbi terrestri, che aiuterebbero a preparare il Pianeta Rosso per la colonizzazione umana. Jose Lopez, della Nova Southeastern University e principale autore dello studio, ha sostenuto a tal proposito in un comunicato stampa che: «La vita come la conosciamo non può esistere senza microrganismi benefici. Per sopravvivere su un pianeta desolato e (per quanto ci dicono tutti i viaggi effettuati fino a oggi) sterile, dovremmo portare i microbi benefici con noi».

Quello che potrebbero fare i microbi su Marte

Miliardi di anni fa, la vita sulla Terra consisteva esclusivamente di microrganismi. Questi possono essere considerati i primi abitanti del nostro pianeta, in quanto vivevano in acqua in un periodo in cui la Terra era molto più calda e priva di ossigeno. «La vita sulla Terra è iniziata con microrganismi relativamente semplici che hanno la capacità di adattarsi ed evolvere nelle condizioni estreme che caratterizzavano l’ambiente terrestre nel passato antico», ha affermato Lopez.

Ancora oggi i microrganismi svolgono una funzione essenziale sulla Terra per il mantenimento della vita. Ad esempio, bilanciano i gas nell’atmosfera e decompongono sostanze animali e vegetali per creare le sostanze semplici usate nella parte bassa della catena alimentare. Oppure contribuiscono ai livelli delle precipitazioni e alla formazione delle nuvole sulla Terra, o ancora, depurano le acque nere e i rifiuti tossici.

Agli esordi della vita sulla Terra, i microbi unicellulari come i cianobatteri producevano il proprio cibo usando la fotosintesi, e per questo, ha detto ancora Lopez, «più di due miliardi di anni fa hanno fornito la maggior parte dell’ossigeno che respiriamo adesso». È per tale ragione che il team di scienziati che ha proposto lo studio ritiene che se si inviassero dei batteri del genere su Marte questi potrebbero funzionare in modo analogo, contribuendo a creare un’atmosfera di tipo terrestre e fungendo da base di una catena alimentare marziana.

«Se l’umanità è seriamente intenzionata a colonizzare Marte, un altro pianeta o una delle lune vicine in futuro, allora le persone dovrebbero identificare, comprendere e inviare i pionieri più competitivi e benefici», hanno scritto a proposito Lopez e i suoi collaboratori.

Microbi estremofili

Un altro importante vantaggio dell’inviare microrganismi su Marte prima dell’uomo, sempre secondo gli autori, è che alcuni dei batteri, virus e funghi che sostengono la vita sulla Terra sono capaci di resistere all’ambiente spaziale ostile. Tali batteri sono considerati “estremofili”, dato che possono prosperare negli ambienti più freddi, più caldi, o con elevate pressioni, del nostro pianeta.

Un esempio di specie estremofila, ad esempio, sono i tardigradi, che possono resistere senza acqua e ossigeno per periodi di tempo estremamente lunghi, oltre che sopravvivere a pressioni fino a 74.000 volte maggiori rispetto a quella che si sperimenta al livello del mare.

Lopez e i suoi colleghi, comunque, non propongono di mandare su Marte qualunque microbo presente sulla Terra, bensì di effettuare prima un’accurata selezione. Suggeriscono, infatti, di svolgere dei test rigorosi sulla Terra per determinare quali estremofili avrebbero le migliori possibilità di arrivare su Marte e sopravvivervi. Questa ricerca, secondo gli scienziati, dovrebbe precedere ogni sforzo di mandare l’uomo su Marte, dato che non avrebbe alcun senso cercare di colonizzare un altro pianeta se non si hanno gli strumenti per una sua terraformazione.

Violare uno dei principi basilari della NASA

Il problema forse più importante di questa bizzarra idea è rappresentato dal fatto che andrebbe contro uno dei principi basilari della politica della NASA, violerebbe cioè le sue rigide linee guida sulla contaminazione interplanetaria.

La politica di protezione planetaria dell’agenzia spaziale, in effetti, si propone di evitare che il nostro pianeta venga infettato da forme di vita extraterrestre, e allo stesso modo intende proteggere gli altri pianeti e oggetti spaziali da contaminazione da parte di vita terrestre. Per tale motivo tutte le attrezzature e i missili mandati nello spazio sono attentamente sterilizzati prima che abbandonino la Terra. Precauzioni simili, spiega la Nasa, «preservano la nostra capacità di studiare altri mondi nel loro stato naturale; evitano la contaminazione che intralcerebbe la nostra capacità di trovare la vita altrove, se esiste».

Gli autori dello studio, a questo proposito, sono ben consapevoli del fatto che la loro idea potrebbe sollevare alcune obiezioni di ordine etico. «Si potrebbe giustamente sostenere che i microbi liberati su Marte rappresenteranno specie invasive introdotte in un ecosistema inesplorato e possibilmente incontaminato», hanno scritto. Tuttavia, secondo Lopez e i suoi collaboratori, gli esseri umani in futuro contamineranno inevitabilmente altri luoghi nella galassia.

Pertanto, affermano, sarebbe più opportuno scegliere deliberatamente e sistematicamente con quali batteri infettare Marte. Propongono, dunque, di pensare a tali organismi terrestri come un “asset” fondamentale per innescare la vita su Marte, piuttosto che come invasori da temere.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
FOTO E VIDEO
CINA
3 gior
AutoFlight ha testato il suo aerotaxi sostenibile
Il taxi a decollo verticale Prosperity I di AutoFlight ha effettuato con successo il suo primo volo di transizione.
REGNO UNITO
5 gior
Il Regno Unito mira all’energia solare spaziale
La Gran Bretagna potrebbe costruire una centrale solare orbitale in grado di fornire energia verde e illimitata.
CINA
1 sett
Superati i 100 km nella trasmissione di un segnale quantistico
Ricercatori cinesi hanno annunciato di aver trasmesso informazioni usando la fibra ottica e tecnologie quantistiche.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Un pesce bioibrido alimentato da cellule cardiache umane
Un team di ricercatori ha sviluppato un pesce cyborg usando cellule del muscolo cardiaco derivate da staminali umane
CINA
1 sett
Un transistor da record grazie alla tecnologia al grafene
Una ricerca sperimentale ha dimostrato la possibilità di produrre un gate spesso 0,34 nanometri, quanto un singolo atomo
VIDEO
STATI UNITI
2 sett
SpinLaunch: una nuova tecnologia per i lanci sub-orbitali
La NASA introdurrà un acceleratore suborbitale che gira a una velocità di 8.000 km/h per lanciare piccoli satelliti.
STATI UNITI
2 sett
Un nuovo robot morbido in grado di mutare forma utilizzando metallo liquido
Un team di scienziati ha creato un robot che si trasforma da veicolo terrestre a drone volante grazie al metallo liquido
FOTO
CINA
2 sett
La Cina produrrà 450 GW di energia rinnovabile nel deserto
La Cina ha annunciato la costruzione d'impianti eolici e fotovoltaici nel deserto del Gobi per 450 gigawatt.
FOTO
CINA
3 sett
Una stampante 3D velocissima, precisa ed economica
AnkerMake M5 è la prima stampante 3D da casa con prestazioni di livello superiore alla media a un prezzo competitivo.
AvanTI
3 sett
Un robot ha effettuato il primo intervento chirurgico senza l’aiuto dell’uomo
Il robot STAR ha eseguito per la prima volta in autonomia un anastomosi intestinale in laparoscopia su quattro animali.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile