Avanti
SVIZZERA
26.11.19 - 08:000

Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe

Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare

Gregoire Courtine e Jocelyne Bloch, due scienziati svizzeri del Centro ospedaliero universitario vodese e dell’École Polytechnique Fédérale di Losanna, hanno condotto alcune ricerche che consentono alle persone che hanno subito lesioni al midollo spinale di controllare nuovamente i muscoli delle gambe grazie a un impianto di stimolazione elettrica.
Il nome dello studio che ha permesso a tre paraplegici di tornare a camminare da soli con l’aiuto di stampelle o di un deambulatore è STIMO ed è stato descritto in due articoli pubblicati sulle riviste Nature e Nature Neuroscience. Consiste in una tecnica specializzata di elettrostimolazione epidurale del midollo spinale (Epidural Electrical Stimulation) che ha aiutato i pazienti paraplegici coinvolti nella sperimentazione a recuperare il movimento volontario delle gambe anche in assenza di stimolazione.
«Dopo oltre 10 anni di ricerche siamo riusciti a capire con esattezza in che modo il cervello attiva il midollo spinale», ha spiegato il neuroscienziato Gregoire Courtine. «Per la prima volta è stato dimostrato che un topo con una lesione paralizzante può recuperare l’uso volontario degli arti paralizzati. Abbiamo poi ripetuto l’esperimento su un primate. È un risultato rivoluzionario perché questo aspetto non era mai stato dimostrato prima. È proprio la forza di volontà, il voler camminare di nuovo, a far sì che il cervello sviluppi delle vie di comunicazione con la zona lombare danneggiata». Grazie a questi risultati promettenti sugli animali, il team di ricercatori è stato successivamente autorizzato a condurre uno studio clinico su persone paraplegiche.
Affinché le gambe possano essere ricollegate al cervello è necessario un intervento chirurgico attraverso cui alcuni elettrodi vengono impiantati sopra la lesione nel midollo spinale. «Per noi è molto importante che gli ultimi sei centimetri del midollo spinale siano intatti, perché saranno proprio quei centimetri ad attivare le gambe ed è lì che impiantiamo gli elettrodi», ha dichiarato Jocelyne Bloch, la neurochirurga che ha operato i pazienti. Gli elettrodi applicati nella zona lombare inviano stimoli elettrici che rendono possibile una riconnessione con il cervello.
Questa rivoluzionaria innovazione ha prodotto risultati quasi istantanei durante i test. I tre pazienti hanno riacquistato la capacità di camminare con l’aiuto di un sistema BWS (body weight support) dopo una sola settimana di calibrazione con la neurotecnologia e nonostante diversi anni di paralisi cronica. Dopo 5 mesi di riabilitazione intensiva, con almeno quattro sedute a settimana, i pazienti sono stati in grado di camminare su un tapis roulant con l’elettrostimolazione spazio-temporale senza accusare affaticamento muscolare o un cedimento dell’andatura. In questa fase della riabilitazione, poi, gli uomini hanno mostrato un movimento delle gambe volontario anche in assenza di stimolazione.

Il prossimo obiettivo del progetto, secondo gli scienziati svizzeri, è fare in modo che la comunicazione tra il cervello e il midollo spinale sia memorizzata dal corpo del paziente e venga quindi ristabilita naturalmente senza stimolazione elettrica, permettendo alla persona di camminare senza l’aiuto dell’impianto. I due ricercatori sperano anche che lo studio, in futuro, diventi un trattamento riconosciuto nelle cliniche e negli ospedali.

Avanti
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 ora
Provato a New York il primo servizio di navette a guida autonoma
La start-up Optimus Ride ha sperimentato l’utilizzo di sei veicoli a guida autonoma nel distretto industriale di Brooklyn Navy Yard
STATI UNITI
3 gior
Costruito il primo acceleratore di particelle in miniatura
Un team di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di accelerare fasci di elettroni in un canale nanoscopiche ricavato in un
STATI UNITI
6 gior
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
1 sett
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
2 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
3 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
3 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
4 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile