Avanti
+1
BELGIO
24.11.19 - 15:280

Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti

Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone

Thomas è il nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea per creare le officine industriali del futuro, in cui vi saranno robot autonomi, mobili, in grado di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e anche con gli esseri umani tramite il ragionamento.
Il presupposto di tale progetto è che nelle fabbriche e nei poli produttivi la presenza di bracci robotici e sistemi automatizzati di produzione sarà sempre più massiva, ma ad oggi i robot industriali sono abbastanza limitati nelle loro capacità e non sono in grado di collaborare tra loro.
Per questa ragione, i ricercatori di Grecia, Francia, Germania, Spagna e Lussemburgo stanno lavorando per concretizzare entro il 2020 un’idea che sarà indispensabile nel medio periodo, cioè fare in modo che i robot collaborino.
Nello specifico, con il progetto Thomas i ricercatori stanno cercando di creare un ambiente di lavoro dinamicamente riconfigurabile, utilizzando robot autonomi, mobili, a due bracci. Questi robot dovranno essere estremamente precisi e coerenti nel tempo come la maggior parte di quelli attuali, ma in più dovranno saper gestire eventi imprevisti, come l’introduzione nella linea produttiva di prodotti nuovi o modificati, mantenendo la stessa efficienza.
Proprio in questo senso dovrà essere applicato il concetto di dinamicità riconfigurabile. I robot, infatti, non dovranno essere ogni volta modificati, riassemblati o sostituiti. L’idea sembra certamente fantasiosa, ma concretamente realizzabile se si pensa alle Intelligenze Artificiali, alle reti neurali e all’apprendimento profondo che già oggi stanno portando avanti un nuovo concetto di robot e di sistemi automatizzati.
Un altro obbiettivo importante che il progetto Thomas intende perseguire riguarda la mobilità, una caratteristica fondamentale per i siti produttivi. Si sta infatti cercando di creare robot che possano muoversi, e possano farlo automaticamente, usando i propri sensori e quelli degli altri robot per percepire l’ambiente circostante e muoversi senza recare danni. Ciò permetterebbe loro anche di eseguire più operazioni. Inoltre, se tutti questi robot sapessero regolare automaticamente il loro comportamento per condividere o riallocare le attività, si potrebbe ottenere un’efficienza altissima.
Infine, ma non meno importante, si sta lavorando affinché questi robot siano in grado di collaborare con gli esseri umani. In effetti, se i robot avessero vere e proprie capacità cognitive potrebbero rilevare il personale umano presente nello spazio di lavoro e comprendere le loro intenzioni. Questo nuovo modello di officine industriali sarebbe l’ideale per alcuni settori produttivi molto redditizi come ad esempio quello automobilistico e aeronautico.

Avanti
Guarda le 4 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
MONDO
1 gior
Quanto tempo rimane ancora alla civiltà prima che si giunga al collasso?
Secondo alcuni fisici teorici al 90% il crollo della civiltà umana avverrà entro pochi decenni
CINA
3 gior
Produrre energia elettrica dalle gocce di pioggia
Un team di ricercatori dell’Università di Hong Kong è riuscito a generare 140 V da ogni singola goccia d’acqua
STATI UNITI
6 gior
Guanti Hi-Tech traducono il linguaggio dei segni in lingua parlata
I sensori convertono i movimenti della mano in segnali elettrici che un algoritmo e uno smartphone traducono in parlato
STATI UNITI
1 sett
Il teletrasporto quantistico potrebbe essere presto realtà
Un team di scienziati sta costruendo un teletrasporto quantistico basato su due buchi neri
STATI UNITI
1 sett
Verso il computing del futuro basato sull’interazione “intelligente” tra luce e materia
Alcuni ricercatori stanno sviluppando un materiale che potrebbe portare a sistemi di calcolo senza circuiti e silicio
STATI UNITI
2 sett
Un chip per l’Intelligenza Artificiale più piccolo di un coriandolo
I ricercatori del MIT hanno creato un chip potente come un supercomputer ma di dimensioni ridottissime
STATI UNITI
2 sett
Ecco i pannelli anti-solari che producono energia anche di notte
Alcuni ricercatori hanno creato innovativi pannelli che trasformano in energia il calore radiato di sera dalla Terra
VIDEO
STATI UNITI
2 sett
Le auto a guida autonoma ora possono viaggiare anche con neve e nebbia
Una nuova tecnologia del MIT consente alle auto autonome di cercare punti di riferimento sotto la superficie stradale
AVANTI
3 sett
Stampato con la luce un orecchio in 3D all’interno di un topo
Alcuni scienziati sono riusciti a stampare un orecchio in 3D sotto la pelle di un topo usando solo luce e bioinchiostro
AUSTRALIA
3 sett
La fusione nucleare per un’energia illimitata potrebbe essere già realtà
Grazie a un rivoluzionario reattore idrogeno-boro si potrà produrre energia pulita e illimitata in modo sicuro
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile