AvanTi
STATI UNITI
16.11.19 - 08:000

Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro

I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità

Finora, per creare un’Intelligenza Artificiale è sempre stato necessario l’utilizzo di un computer. Da oggi le cose potrebbe cambiare. Infatti, in uno studio pubblicato sulla rivista Photonics Research, gli scienziati dell’Università del Wisconsin-Madison hanno descritto la maniera in cui sono riusciti a sviluppare una lastra di vetro “intelligente” in grado di riconoscere le immagini e che non ha bisogno di circuiti e sensori, né tantomeno di una fonte di alimentazione. Nello specifico, la lastra di vetro è stata capace di identificare alcune cifre scritte a mano.

Per realizzare questa impresa i ricercatori hanno iniziato posizionando bolle d’aria di diverse forme e dimensioni in punti specifici all’interno del vetro. Vi hanno poi aggiunto pezzi di materiali in grado di assorbire la luce, posizionati strategicamente. Uno dei materiali scelti è il grafene.

Quando gli scienziati scrivono un numero a mano, la luce che si riflette sulla cifra entra da un lato del vetro. Il team ha appurato che le bolle e le impurità disperderebbero le onde luminose in maniera diversa a seconda del numero fino a raggiungere uno dei 10 punti designati sul lato opposto del vetro, ciascuno corrispondente a una cifra diversa.

La lastra di vetro, in sostanza, potrebbe dire al ricercatore quale numero ha visto, facendolo alla velocità della luce e senza la necessità di alcuna fonte di alimentazione come per i tradizionali strumenti informatici. “Siamo abituati al calcolo digitale, ma questo ha ampliato la nostra visione”, ha affermato Zongfu Yu, uno dei ricercatori dello studio. “La dinamica ondulatoria della propagazione della luce offre un nuovo modo di eseguire il calcolo neurale artificiale analogico”.

Insegnare alle macchine questo modo accurato di “vedere” sarà la chiave per raggiungere gli obiettivi dell’intelligenza artificiale del futuro, poiché la visione artificiale gioca un ruolo importante in tutto, dalle auto a guida autonoma fino ai robot. Anche se bisogna dire che questo vetro “intelligente” potrebbe non essere in grado di completare calcoli abbastanza complessi per tali scopi. Tuttavia, il team ha già ben in mente una possibile applicazione, ovvero la sicurezza degli smartphone.

Attualmente, infatti, quando si tenta di sbloccare un telefono tramite Face ID, un'intelligenza artificiale all'interno del dispositivo deve eseguire un calcolo, consumando inevitabilmente la batteria durante il processo. Applicando invece un foglio di vetro intelligente sulla parte anteriore del dispositivo, questo sarà in grado di eseguire l’operazione senza estrarre energia dalla batteria del telefono.

“Potremmo potenzialmente usare il vetro come una serratura biometrica, regolato per riconoscere il volto di una sola persona”, ha detto Yu. “Una volta costruito, durerebbe per sempre senza bisogno di energia o di internet, il che significa che potrebbe mantenere qualcosa di sicuro per te anche dopo migliaia di anni”.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
14 min
Una “fionda orbitale” per osservare gli oggetti interstellari
Scienziati del MIT stanno sviluppando insieme alla NASA un’idea innovativa per studiare gli oggetti interstellari
STATI UNITI
2 gior
Titanato di litio per batterie a ricarica ultrarapida
Uno studio ha registrato il movimento esatto degli ioni di litio nel titanato aprendo nuove prospettive in questo campo
GIAPPONE
3 gior
Azienda giapponese testa un’auto volante con conducente
La giapponese SkyDrive ha condotto il primo test pubblico di un’auto volante con a bordo un pilota umano
MONDO
5 gior
Le incredibili piante modificate geneticamente che si illuminano
Un team di ricercatori ha creato delle piante luminose grazie al DNA di un fungo bioluminescente
ITALIA
1 sett
Scienziati decodificano il modo in cui il cervello distingue gli odori
Uno studio ha permesso di decodificare il linguaggio neurale degli odori riuscendo ad ingannare il cervello dei topi
FINLANDIA
1 sett
Idrogeno a basso costo grazie a un nuovo catalizzatore in nanotubi di grafene
Sviluppato un catalizzatore che consente le reazioni chimiche alla base della produzione dell’idrogeno a prezzi ridotti
STATI UNITI
1 sett
Elon Musk ha presentato i progressi di Neuralink
Mostrato su un maiale il funzionamento dell’impianto cerebrale in grado di connettere il cervello ad un computer
STATI UNITI
2 sett
Micrashell, la tuta tecnologica per proteggerci dai virus
Dagli Stati Uniti un progetto futuristico per tornare a socializzare senza distanziamento e al sicuro dal coronavirus
SINGAPORE
2 sett
Le batterie al litio-zolfo ora sono più stabili e performanti
Un team di ricercatori ha creato un elettrolita semisolido per batterie litio-zolfo più sicure e ad alte prestazioni
REPUBBLICA CECA
2 sett
Ecco la prima casa galleggiante stampata in 3D
Si chiama Prvok, si realizza in 48 ore, ha una superficie di 43 mq, è parzialmente autosufficiente e durerà 100 anni
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile