AvanTi
STATI UNITI
12.11.19 - 06:000

Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia

La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti

Il serpente robot progettato dagli ingegneri del Massachusetts Institute of Technology potrebbe davvero rivoluzionare alcuni interventi medici, in particolare quelli di neurochirurgia. Non si tratta di qualcosa di ingombrante, bensì di un filo che può scivolare attraverso percorsi stretti e tortuosi, proprio come i vasi sanguigni del cervello, e si controlla magneticamente. Appunto per tale motivo il suo utilizzo pratico è previsto nelle tecnologie endovascolari esistenti, cioè per trattare rapidamente blocchi e lesioni come quelli che si verificano in aneurismi e ictus.

Questa nuova sorprendente tecnologia, che si è guadagnata una pubblicazione sulla rivista Science Robotics, è stata sviluppata dal professore associato di ingegneria meccanica presso il MIT, Xuanhe Zhao, e dal suo team, fra cui l’autore principale dello studio, cioè il dottorando Yoonho Kim. Come ha spiegato lo stesso Zhao: “L’ictus è la quinta causa di morte e una delle principali cause di disabilità negli Stati Uniti. Se l’ictus acuto venisse curato entro i primi 90 minuti circa, i tassi di sopravvivenza dei pazienti potrebbero aumentare in modo significativo. Se disponessimo di un dispositivo capace di invertire il blocco dei vasi sanguigni in questo lasso di tempo, potremmo potenzialmente evitare danni cerebrali permanenti. Questa è la nostra speranza”.

Al giorno d’oggi, per eliminare i coaguli di sangue nel cervello, i medici molto spesso eseguono una procedura endovascolare, ovvero un intervento chirurgico minimamente invasivo in cui un chirurgo inserisce un filo sottile attraverso l’arteria principale del paziente e, assistito da un fluoroscopio, guida manualmente il filo nel vaso cerebrale danneggiato. Un catetere che scorre all’interno del filo eroga farmaci o dispositivi chirurgici direttamente nella regione interessata. Kim sostiene che questo intervento può rivelarsi fisicamente faticoso e presuppone che i chirurghi siano specificamente addestrati per eseguirla. Inoltre, l’operazione non è esente da rischi in quanto i medici vengono esposti ripetutamente alle radiazioni dalla fluoroscopia e perché i fili guida sono passivi, cioè devono essere manipolati manualmente. Dato poi che questi sono generalmente realizzati con un nucleo di leghe metalliche rivestite in polimero, potrebbero generare attrito e danneggiare i rivestimenti dei vasi nel caso in cui il filo si dovesse bloccare in uno spazio particolarmente stretto.

Per tutte queste ragioni, il serpente robot potrebbe rivelarsi una possibile soluzione per velocizzare la procedura, ridurre i rischi per i pazienti ed eliminare l’esposizione del personale medico alle radiazioni. Il serpente robot, infatti, consiste in un filo robotico orientabile magneticamente, rivestito di idrogel, il cui nucleo è realizzato in lega di nichel-titanio, o “nitinol”, un materiale che è sia flessibile che elastico. Gli ingegneri del MIT hanno ricoperto il nucleo con una pasta gommosa, arricchita di particelle magnetiche. Hanno poi adoperato un processo chimico sviluppato in precedenza per rivestire e legare la copertura magnetica con l’idrogel, un materiale che non influisce sulla reattività delle particelle magnetiche sottostanti, e allo stesso tempo fornisce al filo una superficie liscia, senza attriti e biocompatibile. Kim afferma che il filo robotico può anche essere funzionalizzato, cioè è possibile aggiungervi ulteriori funzionalità, ad esempio per fornire farmaci che riducono il coagulo o rompere i blocchi con la luce laser.

Per il momento, questo strumento è stato sperimentato solo in laboratorio, usando il filo in una replica in silicone a grandezza naturale dei principali vasi sanguigni del cervello, inclusi coaguli e aneurismi, modellato sulle scansioni TC del cervello di un paziente reale. Il team ha riempito i vasi di silicone con un liquido che simula la viscosità del sangue, ha quindi manipolato manualmente un grande magnete attorno al modello per guidare il robot attraverso i tortuosi percorsi dei vasi. I test hanno funzionato abbastanza bene e hanno dimostrato che l’idrogel rappresenta uno degli elementi chiave perché ha reso il filo particolarmente scivoloso, permettendogli di muoversi attraverso spazi molto stretti senza bloccarsi. Il tutto senza la necessità di utilizzare il fluoroscopio, in quanto ai medici non serve essere vicini al paziente per completare la procedura.

La fase successiva della ricerca sarà di sperimentare la tecnica dal vivo, anche se mancano ancora molti passaggi prima di poterla impiegare come procedura di routine sui pazienti.

Nonostante ciò, il serpente robot sembra molto promettente e, nel prossimo futuro, potrebbe realmente rivoluzionare molti degli interventi medici di neurochirurgia. Per tale ragione la ricerca sul serpente robot vanta già numerosi finanziatori, tra cui l’Office of Naval Research, il MIT Institute for Soldier Nanotechnologies e la National Science Foundation (NSF).

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
2 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
STATI UNITI
1 mese
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
1 mese
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile