MONDO
25.10.19 - 15:240

Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati

Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri

Della storia dell’Universo, in realtà, non si sa moltissimo e, dato che non è possibile viaggiare miliardi di anni indietro nel tempo, uno dei modi migliori per capire come si è formato il cosmo è creare simulazioni al computer sulla base di ciò che al momento conosciamo. Sino ad oggi, però, il problema con queste simulazioni era che o erano accurate, ma molto lente, oppure veloci, ma molto meno precise.
Adesso, per la prima volta, un team internazionale di ricercatori ha creato un'intelligenza artificiale in grado di generare rapidamente simulazioni tridimensionali altamente accurate dell'universo.
Inoltre, sembra che questo software sappia persino fare cose che non erano state previste. Infatti, il computer ha iniziato a generare simulazioni tridimensionali dell'universo anche quando si modificano i parametri e li si porta a valori su cui il sistema non è stato addestrato.
Shirley Ho, ricercatore del Flatiron Institute e della Carnegie Mellon University, ha spiegato nel comunicato stampa: «È come addestrare un software di riconoscimento delle immagini mostrandogli cani e gatti, ma poi quello è in grado di riconoscere gli elefanti». Ha poi concluso affermando: «Nessuno al momento sa come funziona, ed è un grande mistero da risolvere».
Gli scienziati, in uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, descrivono in dettaglio come hanno creato questo simulatore dell'universo, che hanno chiamato Deep Density Displacement Model (D3M). L’obiettivo iniziale era insegnare a D3M come la gravità va a modellare l'universo. A tale scopo, hanno iniziato alimentando il sistema con 8000 diverse simulazioni focalizzate sulla gravità create da un simulatore di universi già esistente ed estremamente accurato. Il sistema precedente, però, aveva bisogno di 300 ore di calcolo per creare solo una delle sue simulazioni.
Dopo l’addestramento sui dati, D3M è stato in grado di produrre le proprie simulazioni di un universo cubico di 600 milioni di anni luce in soli 30 millisecondi. Queste simulazioni erano poi molto più accurate di quelle dei sistemi “veloci” esistenti, che richiedono un paio di minuti per creare una simulazione. Ma la velocità non è l’aspetto più notevole di D3M.
I ricercatori hanno infatti notato che il programma sapeva creare modelli accurati anche se si cambiavano i parametri e se ne inserivano altri non inclusi nei dati di addestramento. Ad esempio, andando a modificare la quantità di materia oscura presente nell'universo simulato, il software lavorava normalmente, anche se in teoria non avrebbe dovuto saperlo fare.
Shirley Ho ha quindi spiegato che, oltre ad aiutare i fisici nella comprensione dell'universo e della sua formazione, questo innovativo software sarà utilissimo anche per studiare “l'apprendimento profondo” e il funzionamento delle intelligenze artificiali.

Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
2 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 mese
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile