STATI UNITI
15.10.19 - 08:000

Secondo gli scienziati di Harvard le radiazioni emesse dai buchi neri potrebbero creare la vita

In base a un recente studio i ricercatori di Harvard hanno scoperto che alcune zone intorno ai buchi neri potrebbero essere in grado di supportare la vita

 

Solitamente, nella caccia alla vita aliena, gli scienziati si concentrano sulla fascia abitabile intorno a una stella, chiamata “Goldilocks zone”, cioè una regione in cui la temperatura del pianeta permette la presenza di acqua allo stato liquido sulla sua superficie, che rappresenta quindi il primo presupposto per la vita. Ora, però, un recente studio pubblicato su The Astrophysical Journal da un team di ricercatori di Harvard potrebbe rivoluzionare la ricerca della vita aliena in quanto suggerisce che dovremmo considerare non solo la fascia abitabile attorno alle stelle, ma anche quella dei buchi neri.
I buchi neri supermassicci sono circondati da dischi vorticosi formati da gas e polvere chiamati “nuclei galattici attivi” (AGN). Questi dischi emettono una quantità incredibile di radiazioni e luce che per molti ricercatori sarebbero in grado di distruggere le atmosfere di tutti i pianeti vicini, creando una “zona morta” attorno al buco nero. Tuttavia, il ricercatore Manasvi Lingam ha dichiarato a Live Science: «La maggior parte delle persone parla degli effetti dannosi dei buchi neri, ma il nostro team voleva riesaminare quanto fossero effettivamente dannose le radiazioni e volevamo chiederci se ci fossero dei lati positivi».
Per verificare se i nuclei galattici attivi potessero avere concretamente degli effetti positivi sulle zone circostanti ad un buco nero, i ricercatori hanno creato dei modelli computerizzati di AGN. In questo modo hanno identificato alcune ipotetiche Goldilocks zone attorno ad un buco nero. Se vi fossero dei pianeti posizionati all’interno di questa regione, scrivono nel loro studio, la loro atmosfera rimarrebbe intatta. Inoltre, le molecole prodotte dal nucleo galattico attivo potrebbero rompersi formando alcuni composti in grado di supportare la vita. La luce dell’AGN, ad esempio, potrebbe facilitare la fotosintesi.
Gli scienziati hanno anche rivisto i presunti effetti negativi delle radiazioni AGN su un pianeta vicino e hanno concluso che sono stati notevolmente esagerati. Infatti, mentre studi precedenti avevano suggerito che gli effetti dannosi di un buco nero delle dimensioni di Sagittarius A* della Via Lattea avrebbero potuto spogliare l'atmosfera di qualsiasi pianeta simile alla Terra entro i 3.200 anni luce, il team di ricercatori ipotizza invece che il danno si possa esaurire a una distanza di soli 100 anni luce.
«Osservando ciò che sappiamo della Terra, suggerisce che forse gli effetti positivi sembrano essere estesi su una regione più ampia rispetto agli effetti negativi», ha detto Lingam a Live Science. «È stato sicuramente sorprendente».

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
3 gior
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
1 sett
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
AVANTI
1 sett
Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri
Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle
STATI UNITI
2 sett
Il computer quantistico di Google è realtà: risolve in 3 minuti un calcolo di migliaia di anni
Google ha annunciato di aver raggiunto la “supremazia quantistica”, risolvendo con il suo computer quantistico in 200 secondi un calcolo che un supercomputer tradizionale risolverebbe in 10.000 anni
MONDO
2 sett
Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati
Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
3 sett
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
AvanTI
1 mese
IBM partner di Fraunhofer per promuovere la ricerca sul quantum computing in Europa
La Germania ha stanziato un budget biennale di 650 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca nel campo del calcolo quantistico e realizzare il super computer Q System One
GIAPPONE
1 mese
In arrivo Arque, la coda robotica utile per migliorare l’equilibrio e gestire carichi pesanti
Alcuni ricercatori giapponesi hanno creato un’appendice robotica che promette di aumentare le capacità di chi la indossa, migliorandone l’equilibrio e l’agilità
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile