STATI UNITI
23.09.19 - 06:000

Presto i medici potrebbero prescrivere ai pazienti robot sessuali

I robot potrebbero aiutare le persone a superare le disfunzioni sessuali, ma la preoccupazione è che possano rappresentare un rischio per chi non ne sia affetto

 

Un giorno i robot sessuali non solo saranno realtà, ma potrebbero essere addirittura coperti dall’assicurazione sanitaria. Ne è convinta la dottoressa Marianne Brandon, esperta psicologa clinica e terapista sessuale, la quale al Simposio della Società di Psicologia Evoluzionistica Applicata, tenutosi a giugno di quest’anno, ha sostenuto che presto i medici potrebbero prescrivere robot sessuali iperrealistici a pazienti con diagnosi di “disfunzioni sessuali”.

Ma mentre ciò potrebbe risultare una soluzione abbastanza innocua a un tragico problema, l'impatto sulla società potrebbe essere abbastanza preoccupante.

Brandon, durante la sua presentazione, ha osservato che i robot sessuali sono in fase di sviluppo e che quelli estremamente sofisticati arriveranno probabilmente entro il prossimo decennio. Questi robot, verosimilmente, saranno in grado di compiere quasi ogni atto sessuale immaginabile e potrebbero anche avere una personalità tale da apparire intelligenti e spiritosi. Brandon crede inoltre che la maggioranza maschile al Congresso sosterrà e approverà la legislazione che consente ai medici di prescrivere questi robot ai pazienti, con le compagnie assicurative a pagare il conto.

Tuttavia, Brandon ha anche condiviso un elenco di potenziali problemi che ritiene possano accompagnare l'avvento dei robot sessuali. Questi robot umanoidi iperrealistici, ad esempio, potrebbero essere presi di mira da alcune persone allo stesso modo in cui avviene attualmente con la pornografia. E il danno che potrebbero arrecare alle relazioni umane e sentimentali potrebbe essere decisamente catastrofico.

Questo perché i robot sessuali rappresenteranno essenzialmente il partner sessuale “perfetto”, attraente, conforme, conveniente, e oltre a essere sempre disponibili saranno anche in grado di produrre un intenso coinvolgimento nell’attività sessuale. Non sarà quindi così raro assistere a qualche infatuazione verso questi robot e all’insorgere di problemi di “dipendenza” sessuale. Inoltre, secondo la Brandon, la qualità relazionale tra esseri umani diminuirà e le persone saranno meno motivate a lavorare sui problemi con i loro compagni. Alcune persone potrebbero infatti rinunciare completamente alle relazioni tradizionali a favore dei robot, con il rischio concreto di una diminuzione dei matrimoni e persino dei tassi di natalità.

I robot sessuali, insomma, se da un lato verranno usati per aiutare le persone con disfunzioni sessuali, dall’altro potrebbero finire per provocare disfunzioni affettive. Una prospettiva alquanto pessimistica che potrebbe inaugurare la fine della società umana così come la conosciamo e sulla quale bisognerebbe riflettere attentamente.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
16 ore
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
3 gior
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
1 sett
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
AVANTI
1 sett
Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri
Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle
STATI UNITI
2 sett
Il computer quantistico di Google è realtà: risolve in 3 minuti un calcolo di migliaia di anni
Google ha annunciato di aver raggiunto la “supremazia quantistica”, risolvendo con il suo computer quantistico in 200 secondi un calcolo che un supercomputer tradizionale risolverebbe in 10.000 anni
MONDO
2 sett
Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati
Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
3 sett
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
STATI UNITI
4 sett
Secondo gli scienziati di Harvard le radiazioni emesse dai buchi neri potrebbero creare la vita
In base a un recente studio i ricercatori di Harvard hanno scoperto che alcune zone intorno ai buchi neri potrebbero essere in grado di supportare la vita
AvanTI
1 mese
IBM partner di Fraunhofer per promuovere la ricerca sul quantum computing in Europa
La Germania ha stanziato un budget biennale di 650 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca nel campo del calcolo quantistico e realizzare il super computer Q System One
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile