AVANTI
12.09.19 - 08:000

Creato dalla tossina di un ragno un fungo transgenico che uccide le zanzare

Un fungo modificato geneticamente per uccidere la zanzara anofele, responsabile della trasmissione della malaria, causa di morte per mezzo milione di persone all’anno

Una ricerca condotta da esperti dell’Università del Maryland e dell’IRSS (Institut de Recherche en Sciences de la Santé) del Burkina Faso ha prodotto un fungo che si è rivelato molto efficace nella lotta contro la malaria grazie all’aggiunta di un gene che produce una specifica tossina derivata dal veleno di un ragno. Lo studio è stato pubblicato su Science e secondo i ricercatori dimostra che il fungo transgenico, innocuo per altre specie di insetti, potrebbe essere la soluzione all’aumento delle zanzare resistenti agli insetticidi.
Il fungo usato dagli scienziati è il Metarhizium pingshaense, un fungo presente in natura parassita di alcuni insetti e perciò già adoperato come bio-pesticida. Per aumentarne l’efficacia i ricercatori hanno modificato geneticamente il fungo, rendendolo capace di produrre una tossina velenosa presente in uno dei ragni più letali del mondo, il ragno dei cunicoli australiano. Per testarne gli effetti poi, i ricercatori hanno creato un finto villaggio di circa 600 metri quadrati, con capanne, piante, piccole pozze d’acqua e un vitello, il tutto sotto grandi tende. Hanno quindi popolato il villaggio con una delle specie di zanzare maggiormente responsabili della trasmissione della malaria, l’Anopheles coluzzii.
A questo punto, i ricercatori hanno spalmato le spore del fungo miste a olio di sesamo su lenzuoli di cotone neri, capaci di attirare gli insetti che, posandosi, entrano in contatto con le spore. In altre due parti divise del villaggio, invece, sono stati organizzati degli esperimenti di controllo con il fungo non modificato o senza nessun veleno. Gli studiosi hanno così osservato che le spore del fungo geneticamente modificato sono capaci di uccidere la zanzara in 5 giorni, quasi la metà del tempo rispetto al fungo naturale. E sono molto più efficaci perché Il fungo transgenico fa collassare la popolazione di zanzare in sole due generazioni.
Dai risultati dell’esperimento è quindi emerso che delle 1500 zanzare iniziali ne sono rimaste in vita solo 13. Ciò significa che il fungo ha sterminato il 99% degli esemplari in soli 45 giorni di esposizione. Inoltre, il fungo modificato geneticamente, rispetto a quello naturale, uccide con meno spore e, soprattutto, non ha effetto su altri insetti come le api. Per questo motivo i ricercatori hanno affermato che il fungo rappresenta una nuova arma, particolarmente incoraggiante, nella lotta contro la malaria, malattia ampiamente diffusa nelle aree più povere del mondo e capace di uccidere circa 400 mila persone l’anno.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 mese
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile