AVANTI
12.09.19 - 08:000

Creato dalla tossina di un ragno un fungo transgenico che uccide le zanzare

Un fungo modificato geneticamente per uccidere la zanzara anofele, responsabile della trasmissione della malaria, causa di morte per mezzo milione di persone all’anno

Una ricerca condotta da esperti dell’Università del Maryland e dell’IRSS (Institut de Recherche en Sciences de la Santé) del Burkina Faso ha prodotto un fungo che si è rivelato molto efficace nella lotta contro la malaria grazie all’aggiunta di un gene che produce una specifica tossina derivata dal veleno di un ragno. Lo studio è stato pubblicato su Science e secondo i ricercatori dimostra che il fungo transgenico, innocuo per altre specie di insetti, potrebbe essere la soluzione all’aumento delle zanzare resistenti agli insetticidi.
Il fungo usato dagli scienziati è il Metarhizium pingshaense, un fungo presente in natura parassita di alcuni insetti e perciò già adoperato come bio-pesticida. Per aumentarne l’efficacia i ricercatori hanno modificato geneticamente il fungo, rendendolo capace di produrre una tossina velenosa presente in uno dei ragni più letali del mondo, il ragno dei cunicoli australiano. Per testarne gli effetti poi, i ricercatori hanno creato un finto villaggio di circa 600 metri quadrati, con capanne, piante, piccole pozze d’acqua e un vitello, il tutto sotto grandi tende. Hanno quindi popolato il villaggio con una delle specie di zanzare maggiormente responsabili della trasmissione della malaria, l’Anopheles coluzzii.
A questo punto, i ricercatori hanno spalmato le spore del fungo miste a olio di sesamo su lenzuoli di cotone neri, capaci di attirare gli insetti che, posandosi, entrano in contatto con le spore. In altre due parti divise del villaggio, invece, sono stati organizzati degli esperimenti di controllo con il fungo non modificato o senza nessun veleno. Gli studiosi hanno così osservato che le spore del fungo geneticamente modificato sono capaci di uccidere la zanzara in 5 giorni, quasi la metà del tempo rispetto al fungo naturale. E sono molto più efficaci perché Il fungo transgenico fa collassare la popolazione di zanzare in sole due generazioni.
Dai risultati dell’esperimento è quindi emerso che delle 1500 zanzare iniziali ne sono rimaste in vita solo 13. Ciò significa che il fungo ha sterminato il 99% degli esemplari in soli 45 giorni di esposizione. Inoltre, il fungo modificato geneticamente, rispetto a quello naturale, uccide con meno spore e, soprattutto, non ha effetto su altri insetti come le api. Per questo motivo i ricercatori hanno affermato che il fungo rappresenta una nuova arma, particolarmente incoraggiante, nella lotta contro la malaria, malattia ampiamente diffusa nelle aree più povere del mondo e capace di uccidere circa 400 mila persone l’anno.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
1 gior
Titanato di litio per batterie a ricarica ultrarapida
Uno studio ha registrato il movimento esatto degli ioni di litio nel titanato aprendo nuove prospettive in questo campo
GIAPPONE
3 gior
Azienda giapponese testa un’auto volante con conducente
La giapponese SkyDrive ha condotto il primo test pubblico di un’auto volante con a bordo un pilota umano
MONDO
5 gior
Le incredibili piante modificate geneticamente che si illuminano
Un team di ricercatori ha creato delle piante luminose grazie al DNA di un fungo bioluminescente
ITALIA
1 sett
Scienziati decodificano il modo in cui il cervello distingue gli odori
Uno studio ha permesso di decodificare il linguaggio neurale degli odori riuscendo ad ingannare il cervello dei topi
FINLANDIA
1 sett
Idrogeno a basso costo grazie a un nuovo catalizzatore in nanotubi di grafene
Sviluppato un catalizzatore che consente le reazioni chimiche alla base della produzione dell’idrogeno a prezzi ridotti
STATI UNITI
1 sett
Elon Musk ha presentato i progressi di Neuralink
Mostrato su un maiale il funzionamento dell’impianto cerebrale in grado di connettere il cervello ad un computer
STATI UNITI
2 sett
Micrashell, la tuta tecnologica per proteggerci dai virus
Dagli Stati Uniti un progetto futuristico per tornare a socializzare senza distanziamento e al sicuro dal coronavirus
SINGAPORE
2 sett
Le batterie al litio-zolfo ora sono più stabili e performanti
Un team di ricercatori ha creato un elettrolita semisolido per batterie litio-zolfo più sicure e ad alte prestazioni
REPUBBLICA CECA
2 sett
Ecco la prima casa galleggiante stampata in 3D
Si chiama Prvok, si realizza in 48 ore, ha una superficie di 43 mq, è parzialmente autosufficiente e durerà 100 anni
STATI UNITI
3 sett
Impianto cerebrale all’avanguardia permette ad un uomo paralizzato di muovere di nuovo le braccia
Grazie a un chip impiantato nel cervello un uomo affetto da paralisi riesce a usare le mani e percepire gli oggetti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile