AVANTI
13.08.19 - 09:100

Per i robot del futuro una pelle artificiale più sensibile di quella umana

È stata creata grazie ad un uso innovativo del magnetismo una pelle sintetica ultrasensibile che può rilevare anche le pressioni più leggere

In Cina, all’Accademia delle Scienze di Ningbo, un team di ricercatori coordinati da Run-Wei Li ha sviluppato una pelle artificiale così sensibile da poter rilevare pressioni leggerissime, persino il tocco di un’antenna di una formica. Questa pelle segna un passaggio fondamentale negli studi sulle protesi ed è applicabile eventualmente anche ai futuri robot umanoidi.

Tale risultato è stato raggiunto grazie a nuovi sensori tattili integrati nel materiale di cui è composta la pelle in grado di percepire anche gli stimoli più piccoli. Montato su una mano robotica, infatti, questa pelle ha rilevato piccoli spostamenti d'aria, gocce d'acqua e addirittura il movimento di una formica tramite le vibrazioni delle sue antenne.

La pelle sintetica ha una sensibilità pari a 120 newton -1  con un limite di 10 micronewton e un carico minimo di 50 micronewton. In poche parole, è più sensibile della pelle umana. Run-Wei Li e il suo team l’hanno creata grazie all’uso della GMI (Giant magnetoimpedance), un effetto fisico che descrive la variazione di impedenza in un materiale soggetto a campi magnetici.

Il sensore è composto da una membrana polimerica che include particelle magnetiche in superficie e un sensore magnetico all’interno. Quando qualcosa sfiora dall’esterno il materiale, le particelle si avvicinano al sensore, il flusso magnetico aumenta e diminuisce l’impedenza magnetica. Nello stesso momento, un altro circuito rileva le variazioni e genera un segnale elettrico in modo simile a ciò che fa il nostro sistema nervoso. Per tale motivo vi è la concreta ipotesi di un collegamento tra il sensore e il sistema nervoso umano.

I ricercatori ritengono che questa pelle sintetica possa avere due campi di applicazione. Si potrebbe innanzitutto utilizzare in medicina, in particolare nella creazione di protesi, come ad esempio nella realizzazione di una mano sintetica dotata di un tatto evoluto, molto simile a quello reale. Tali protesi, nei prossimi decenni, potrebbero cambiare profondamente questo campo della medicina e persino influenzare l’idea che abbiamo del corpo umano.

In secondo luogo, la pelle sintetica potrebbe avere una facile applicazione nella robotica. Un robot dotato di questi sensori, infatti, potrebbe rispondere in modo più preciso all’ambiente circostante e agli stimoli fisici, potrebbe cioè essere in grado di “sentire” l’ambiente per svolgere al meglio le proprie funzioni. Ricerche sperimentali vanno proprio in questa direzione.

Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
3 gior
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
6 gior
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 sett
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
2 sett
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
AVANTI
2 sett
Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri
Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle
STATI UNITI
3 sett
Il computer quantistico di Google è realtà: risolve in 3 minuti un calcolo di migliaia di anni
Google ha annunciato di aver raggiunto la “supremazia quantistica”, risolvendo con il suo computer quantistico in 200 secondi un calcolo che un supercomputer tradizionale risolverebbe in 10.000 anni
MONDO
3 sett
Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati
Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
1 mese
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile