STATI UNITI
26.07.19 - 07:000

Elon Musk e Neuralink verso la prima interfaccia neurale capace di far parlare cervello umano e IA

È intervenuto anche Elon Musk alla presentazione di Neuralink, la startup che intende creare una interfaccia neurale che in futuro permetterà di far dialogare l’uomo con la macchina

Neuralink, una startup americana con 150 milioni di dollari di finanziamento, 100 dei quali controfirmati direttamente da Elon Musk, prevede di interfacciare il cervello umano con un’Intelligenza Artificiale entro il 2020.
Come hanno spiegato i tecnici Neuralink, e sulla base di esperimenti precedentemente condotti, lo scopo è quello di innestare alcuni sensori all’interno del cervello umano attraverso piccoli fori nel cranio. I sensori, più sottili di un capello ed estremamente flessibili, sono studiati per penetrare nel cervello seguendo le villosità naturali e senza ferire i tessuti, in modo da non creare rigetti o effetti collaterali che ne possano pregiudicare il funzionamento nel tempo.
I sensori saranno in grado di leggere le informazioni trasmesse dal cervello e passarle ad una piastra interna posizionata dietro l’orecchio che, a sua volta, le dovrebbe passare a un piccolo apparato posizionato all’esterno. Questo apparato potrà poi dialogare con una macchina esterna, andando così a completare la comunicazione tra cervello ed intelligenza artificiale.
Tutto ciò potrebbe essere possibile già entro il 2020, al termine dei test con altri primati e quando si sarà sicuri di non arrecare danni all’uomo. Al momento, infatti, i sensori non sono stati sperimentati su nessun essere umano e quindi le potenzialità di input esterno, e anche di output, saranno verificate solo negli anni. Ma i primi esperimenti con le scimmie hanno rivelato già grandissime potenzialità.
Far dialogare uomo e macchina sarà significativo non solo per correggere alcuni problemi cerebrali, ma anche per creare un’entità cyborg che permetta di generare sinergie nell’interscambio tra uomo e intelligenza artificiale. L’idea principale, infatti, è quella di permettere alla macchina di correggere il pensiero nei casi di problemi di memorizzazione o mobilità (si pensi alle persone paralizzate per lesioni spinali). Ma in seguito si potrebbe arrivare addirittura ad un potenziamento delle capacità naturali.
Ovviamente tutto ciò porterebbe a una ridiscussione filosofica ed etica sul limite con il quale dovremmo definire la parola “umano”. Perché una tecnologia in grado di guarire e migliorare la vita umana è sicuramente ben accetta, ma un software in grado di riscrivere il pensiero potrebbe rappresentare anche qualcosa di estremamente pericoloso.

Ingrandisci l'immagine
ULTIME NOTIZIE AvanTI
UNIONE EUROPEA
10 ore
SuperTwin, l’innovativo microscopio che sfrutta la fisica quantistica per osservare i virus
Il progetto finanziato dall’UE intende superare il limite di risoluzione di 250 nanometri dei microscopi ottici attuali
REGNO UNITO
1 gior
Creato il primo robot-scienziato
Si tratta di un robot chimico che in una settimana ha fatto già oltre 600 esperimenti e impara dal proprio lavoro
RUSSIA
3 gior
L’Intelligenza Artificiale che analizza la personalità in base alle foto
Un team di ricercatori ha sviluppato un’AI che identifica i tratti psicologici di una persona a partire dai selfie
STATI UNITI
6 gior
E-Skin, il dispositivo indossabile del futuro
Si tratta di una “pelle elettronica” che misura i parametri vitali e usa il sudore come biocarburante
PAESI BASSI
1 sett
Airbus punta sul primo aereo ad idrogeno
La compagnia ha presentato tre concept di aerei commerciali alimentati ad idrogeno che solcheranno i cieli entro il 2035
SPAZIO
1 sett
Le incredibili immagini della nascita di un pianeta
Grazie allo strumento Sphere gli astronomi hanno fotografato per la prima volta nella storia la nascita di un pianeta
AvanTI
1 sett
Omaggi aziendali per Natale: dal Ticino un'idea originale e intelligente
Per ogni regalo verrà piantato un albero nella foresta amazzonica. Ma non solo…
STATI UNITI
2 sett
Dal PET agli elettrodi per batterie: scoperta una nuova tecnica per il riciclo della plastica
Sviluppata una tecnologia che sfrutta le microonde per trasformare il PET in materiali utili all’accumulo energetico
STATI UNITI
2 sett
Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale
Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere
STATI UNITI
2 sett
Speciali pinzette ottiche per afferrare singole molecole
Ingegneri costruiscono pinzette così piccole da poter raccogliere singole molecole e proteine senza danneggiarle
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile