Keystone - foto d'archivio
STATI UNITI
11.07.19 - 14:230

I coloni di Marte muteranno molto velocemente

Dopo circa due generazioni le loro ossa saranno più robuste, avranno bisogno di occhiali per correggere la miopia, il sistema immunitario non funzionerà bene e la gravidanza sarà più pericolosa

HOUSTON - La colonizzazione umana del Pianeta Rosso ormai non è più solo fantascienza. Elon Musk prevede di inviare esseri umani su Marte entro il 2024 e la NASA intende andarci dopo essere tornata sulla Luna. A prescindere dai propositi e dalle tempistiche, sembra comunque opportuno porsi alcune domande: cosa accadrà ai futuri abitanti di Marte? Quali saranno le possibili implicazioni evolutive sul corpo umano?

Il biologo evoluzionista e professore della Rice University Scott Solomon, in un’intervista pubblicata su Inverse, spiega che vale la pena interrogarsi su che cosa accadrà ai futuri coloni di Marte, soprattutto nel lungo termine, perché i nostri geni potrebbero iniziare a mutare rapidamente per adattarsi al nuovo ambiente.

Nel gennaio 2018, durante un discorso tenuto al TEDx di Houston, Solomon esponeva i possibili cambiamenti evolutivi che i primi coloni marziani potrebbero sperimentare. Dopo circa due generazioni, le loro ossa saranno più robuste, avranno bisogno di occhiali per correggere la miopia dovuta alla deformazione dei bulbi oculari, il sistema immunitario non funzionerà correttamente, la gravidanza e il parto saranno più pericolosi, l’esposizione alle radiazioni, che sono 5.000 volte maggiori di quelle a cui siamo sottoposti sulla terra, potrebbe portare ad un aumento dei tumori.

Ma soprattutto, Solomon sostiene che i coloni marziani non dovrebbero riprodursi con gli esseri umani terrestri. «L’evoluzione è più veloce o più lenta a seconda di quanto sia vantaggioso avere una determinata mutazione», spiega Solomon. «Quindi, se gli umani su Marte svilupperanno mutazioni che aumenteranno le loro probabilità di sopravvivenza sarà positivo, ma allo stesso tempo – continua Solomon – quei geni avranno più importanza di quella che avrebbero altrimenti».

Il contatto con i terrestri potrebbe persino diventare mortale per i marziani, e viceversa, in quanto su Marte non ci sono microrganismi che trasportano le malattie e quindi i coloni saranno sprovvisti di difese immunitarie.

Bisogna comunque dire che non tutte le mutazioni genetiche sono negative e che i coloni marziani potrebbero ottenere benefici essenziali per far fronte alle condizioni ostili del Pianeta Rosso. Ad esempio, potrebbero svilupparsi diversi colori della pelle per proteggere meglio le persone dalle radiazioni, una minore dipendenza dall’ossigeno per adattarsi all’atmosfera, ossa più dense per contrastare la perdita di calcio durante la gravidanza.

Ovviamente al momento si tratta solo di supposizioni. Nel frattempo Solomon suggerisce di usare il progetto CRISP per cercare di simulare scientificamente eventuali mutazioni genetiche.

La conclusione di Solomon sull’argomento è tristemente ironica in quanto egli afferma che se la Terra diventerà inabitabile e dovremo trovare casa su un altro pianeta, l’unico modo per garantire la sopravvivenza a lungo termine della specie umana potrebbe essere quella di diventare una specie completamente diversa.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
2 gior
Costruito il primo acceleratore di particelle in miniatura
Un team di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di accelerare fasci di elettroni in un canale nanoscopiche ricavato in un
STATI UNITI
5 gior
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
1 sett
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
2 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
3 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
3 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
4 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile