CANTONE
01.06.18 - 20:050

La scienza del bacio: tutti i segreti dell’apostrofo rosa

Baciare è una di quelle cose che si possono imparare solo facendo pratica. Anche se in pochi lo sanno, la scienza compie numerose ricerche su questo gesto tipicamente umano…

Il bacio non è solo l’apostrofo rosa tra le parole “ti” e “amo” ma è anche un gesto che misura il livello generale della relazione tra partner. Il famoso quotidiano “Time” ha recentemente riportato uno studio che riferisce che il 59% degli uomini e il 66% delle donne ha interrotto una relazione perché il partner era un pessimo baciatore. Non siamo riusciti a trattenere la tentazione di analizzare il bacio dal punto di vista scientifico, per carpirne tutti i segreti. Abbiamo scoperto che…

Perché baciamo

Prima di tutto è importante capire il significato biologico dell’atto del baciarsi. Perché ci baciamo e a che cosa serve? Il bacio è un vero e proprio test che ci dice se la persona che stiamo baciando è compatibile con noi attraverso lo scambio di informazioni chimiche, olfattive e tattili. Il bacio sollecita meccanismi biologici che consegnano al nostro inconscio numerosi dati. Nelle relazioni stabili, i baci prolungati servono a scambiarsi milioni di batteri e a costruire un microbioma simile all’interno della coppia e della famiglia.

Cosa significa per lei VS cosa significa per lui

Le donne tendono a vedere nel bacio un modo per valutare un possibile candidato per partner o per monitorare lo stato di salute della relazione. Consiglio per i maschietti: curate l’igiene orale perché le donne prestano particolare attenzione alla salute dei denti e alla qualità dell’alito. Il 53% delle donne preferisce baciare un uomo ben rasato.

Al contrario, gli uomini sono meno schizzinosi e più attenti alle caratteristiche fisiche del corpo della donna. Per loro il bacio è soprattutto un preludio all’atto sessuale.

Come capire se qualcuno sta per baciarci?

Domandona da un milione di dollari. Quante volte ci è capitato al termine di un appuntamento di non sapere se scatterà il fatidico bacio? Capirlo è una questione di spazi. Il gesto del bacio comporta sempre un’irruzione nello spazio personale di un’altra persona. Se qualcuno prova ad entrarci anche prima di baciarvi, allora è molto probabile che abbia l’intenzione di farlo. Se invece siete voi ad essere indecisi se prendere l’iniziativa, una buona tattica è sondare il terreno aggiustando una ciocca di capelli dietro l’orecchio della/del partner: è un modo tenero e delicato per entrare nello spazio altrui e testare le reazioni.

Cosa piace a lei

Le signore detestano la ripetitività nel gesto del bacio: il famoso effetto “centrifuga” è sconsigliatissimo. Molto meglio baciare in diversi modi. Il 96% delle donne adora i baci sul collo ma solo il 10% degli uomini lo fa.

Cosa piace a lui

Gli uomini invece preferiscono i baci con più scambio di saliva, probabilmente per ricevere più informazioni sul livello ormonale della partner.

Il contesto

Chiudiamo con una parentesi dedicata al primo bacio. Trovarsi in un contesto romantico aumenta molto le probabilità di non essere respinti. Inoltre, la maggior parte di noi ricorda fino al 90% dei dettagli inerenti al primo bacio, considerato molto più importante del primo rapporto sessuale.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 mese
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile