MONDO
07.11.17 - 08:000

Oltre le tre dimensioni: arriva la stampa 4d

Non siamo ancora del tutto entrati nel mondo della stampa in tre dimensioni che già nasce l’evoluzione che promette di rivoluzionare, e migliorare, il mondo: il 4D printing

Negli ultimi anni si è parlato molto di stampa 3d e delle sue possibili applicazioni. In effetti, questa tecnologia è ad oggi applicata con successo in diversi settori, dal design alla gioielleria, dall’edilizia innovativa alla produzione di componenti estremamente complessi. Qualcuno si è avvicinato come non professionista comprando le economiche stampanti 3d che si possono trovare nei negozi e dilettandosi a realizzare oggetti tridimensionali fatti, o meglio stampati, in casa.

In questo scenario arriva la naturale evoluzione, ovvero la stampa in 4d. Superate le tre dimensioni dello spazio, la tecnologia entra nella quarta: il tempo.

Materiali con memoria - Tempo, flessibilità e adattamento a condizioni variabili sono le caratteristiche principali della stampa in 4d: prodotti stampati saranno capaci di reagire ad uno stimolo esterno. Non più (o non solo) materiali plastici o metallici ma con filamenti organici o compositi in grado di mutare, deformarsi. Aumentare le dimensioni da 3 a 4 significa rivoluzionare potenzialmente la vita di tutti i giorni, infatti le applicazioni sono davvero numerose, alcune fino a poco tempo fa erano limitate al campo della fantascienza. A quanto pare, il famoso “futuro” è finalmente arrivato.

Quali sono le possibili applicazioni della stampa 4d? - In molti si staranno chiedendo se questa innovazione avrà delle applicazioni concrete o rimarrà l’ennesima tecnologia limitata a specifiche aree. Vediamo insieme qualche esempio, partendo dal semplice. Immaginate di comprare una poltrona attraverso un e-commerce che dopo essere stata bagnata si monterà da sola. Oppure di non aver più bisogno di un idraulico quando si rompe un tubo in casa perché sarà in grado di rigenerarsi da solo in quanto stampato in un materiale più simile a un’epidermide che a un polimero.

Probabilmente però, l’impatto più dirompente avverrà nella biomedicina. Materiale organico stampato capace di deformarsi da solo quando entra in contatto con il sangue per velocizzare i processi di cicatrizzazione di una ferita, o ancora polimeri elettroattivi come sensori, attuatori e muscoli che potranno cambiare la vita di chi ha subito un trauma e magari è costretto su una sedia a rotelle, sono solo alcune delle possibili attuazioni.

Ancora oltre: stampa 5d - Questa sì sembra uscita da un film. Si tratta di un sistema che supera i tradizionali metodi di archiviazione. All’università di Southampton, in Inghilterra, nei laboratori dell’Optoelectronics Research Centre hanno lavorato sulla necessità di archiviare l’enorme massa di dati che incrementiamo ogni giorno: con una stampante laser a 5 dimensioni e un supporto di vetro è stato possibile registrare fino a 360 terabyte (più o meno 360 hard disk di ultima generazione) di dati all’interno di nanostrutture. In un sistema 5d la capacità di storage è migliaia di volte superiore a quella di CD e Dvd. Inoltre, siccome il vetro è un materiale molto duraturo e resistente all’usura, le informazioni possono essere conservate in ottimo stato per secoli.

Alcuni visionari già intravedono la possibilità di unire la stampa 5d alla mente umana attraverso qualche sorta di neural lace (esiste già). Stampare i pensieri? Sembra proprio che un giorno si potrà fare.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 mese
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile