MONDO
29.09.17 - 18:450

Tabù: 5 cose che non tutti sanno sul sesso

Parlare di sesso è un tabù, ancora oggi. Eppure è una componente della quotidianità del genere umano, c’è chi ne fa di più e chi meno

Il sesso è un argomento caldo in tutti i sensi. Tuttavia rimane poco trattato, di solito in trasmissioni televisive che puntano a fare più spettacolo che informazione o nelle rubriche di riviste scientifiche che approcciano l’argomento in modo forse un po’ troppo freddino.Non parliamo poi del sesso completamente fuorviante interpretato da talentuosi attori e fruito attraverso piattaforme quali Youporn e Pronhub, per citare le più famose.
Parlare di sesso è un tabù, ancora oggi. Eppure è una componente della quotidianità del genere umano, c’è chi ne fa di più e chi meno. Anche se largamente diffuso, rimane una pratica poco approfondita nelle prime pagine e diversi aspetti sono purtroppo sconosciuti. Per porre rimedio a questa situazione, vediamo insieme 5 cose che non tutti sanno sul sesso:

1- Durata per le donne, frequenza per gli uomini
Partiamo dal semplice. Come qualcuno dei lettori avrà già intuito, l’orgasmo femminile dura circa 20 secondi, quello maschile da 3 a 10. A rimettere equilibrio sulla bilancia del piacere è la frequenza: una recente ricerca australiana ha dimostrato che gli uomini raggiungono l’orgasmo nel 95% dei rapporti mentre le donne soltanto nel 68%. Variante arcobaleno: le ragazze gay hanno il 12% in più di orgasmi rispetto alle amiche eterosessuali. Il motivo?
Pare che i rapporti saffici siano di durata maggiore (45 minuti contro i 15-30 delle coppie etero).

2- Per le donne l’immaginazione è fondamentale
Al contrario dei maschi, che si possono eccitare anche solo attraverso stimoli tattili o visivi, per una donna è necessario anche un potente stimolo mentale: per esempio una fantasia sessuale o una forte attrazione per il partner. Proprio in questa differenza si nasconde la capacità delle donne di controllare il piacere, ritardandone l’apice fino al culmine.

3- Eiaculazione femminile
Sembra impossibile crederlo ma non esiste ancora una spiegazione specifica sulla natura del liquido lubrificante prodotto dai genitali femminili durante un rapporto. Alcuni sostengono che, essendo maschi e femmine identici nello stato embrionale, abbia origine da un residuo di tessuto prostatico, altri che sia un trasudamento della parete mucosa della vagina. Tra l’altro, anche i genitali femminili, al pari del pene, presentano tessuti spugnosi che in fase di eccitazione si gonfiano per l’apporto di sangue.

4- Vince il clitoride
Secondo il Rapporto Hite, scritto da una nota sessuologa statunitense, solo 1 donna su 3 raggiunge l’orgasmo attraverso la penetrazione, mentre il 96% lo raggiunge in soli 4 minuti di stimolazione clitoridea.

5- Sogni bagnati e orgasmi multipli
Gli orgasmi notturni, una volta considerati prerogativa dell’universo maschile, sono in realtà unisex. Infatti, pare che il 37% delle donne li abbia sperimentati. Cambiando prospettiva, gli orgasmi multipli, solitamente appannaggio esclusivo delle donne, sono possibili anche negli uomini: senza eiaculazione, appena prima o appena dopo l’orgasmo “principale”.

Infine, non si è ancora trovato un accordo scientifico sull’esistenza del famoso punto “G”.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
6 gior
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
1 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
2 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
2 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
3 sett
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
1 mese
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile