Ated ICT Ticino
CANTONE
04.08.21 - 08:420

Tutto e subito! Arriva il quick commerce

I prodotti venduti tramite e-commerce devono trovarsi vicino ai consumatori: da qui nasce il fenomeno quick commerce.

Siamo diventati consumatori sempre più compulsivi. Non si capisce bene se per effetto della pandemia o semplicemente come tendenza che anche senza Covid si sarebbe potuta affermare. Ma un nuovo trend in atto è quello del quick commerce (o q-commerce, per essere ancora più… veloci), per cui possiamo ordinare un prodotto online e riceverlo a casa non in giornata ma in meno di un’ora o, addirittura, in una manciata di minuti.

Secondo le analisi di Economyup, ad aver aperto la via, a livello mondiale, è stata Delivery Hero. Una startup con base a Berlino, quotata al DAX dallo scorso anno e presente in oltre 50 Paesi. Dopo avere attraversato un momento di difficoltà, Delivery Hero ha ritrovato nuova linfa a partire da aprile 2020, grazie anche alla nuova formula di consegna. Formula che non si sostituisce al commercio tradizionale e neanche alla grande distribuzione, ma si propone come un suo complemento ideale: «Piuttosto che sostituire un negozio di alimentari settimanale, q-commerce è lì per completare quando c’è bisogno di un particolare set di articoli, in modo comodo e rapido», spiega il sito.

Il Ceo e cofondatore, Niklas Östberg, ha dichiarato recentemente: «Siamo ormai entrati nell’era del commercio veloce. Questa categoria offre enormi opportunità rimaste finora in gran parte inutilizzate. Noi possiamo guidare la leadership globale in questo segmento emergente».

Delivery Hero, per assicurare il servizio, utilizza magazzini urbani denominati Dmarts (delivery-only local warehouses). Chiamati anche dark store o negozi cloud, sono proprio questi spazi – movimentatissimi ma non aperti al pubblico – a costituire la chiave di volta dell’impianto q-commerce. Sono il loro numero e la loro distribuzione capillare a rendere possibile il servizio. Devono essere “centrali” e posizionati in modo strategico. L’appetibilità del servizio si gioca invece sulla capacità d'indovinare cosa mettere in stock.

Delivery Hero dichiara di gestire oltre 600 dmarts in 35 Paesi. Nel primo trimestre del 2021, complice anche la pandemia, ha registrato un balzo in avanti negli ordini di oltre il 400 per cento e prevede un’ulteriore crescita nel corso dell’anno.

Che il q-commerce sia la nuova frontiera del retail è molto chiaro anche al cofondatore di Glovo. «Il trend per il futuro è evidente: i prodotti venduti tramite e-commerce devono trovarsi vicino ai consumatori, e questo si traduce in pratica nei dark store, i magazzini in città», ha spiegato il cofondatore, Oscar Pierre, al sito specializzato Sifted. La startup spagnola ai inizio aprile ha chiuso con 450 milioni di euro un round di serie F guidato da Lugard Road Capital e Luxor Capital Group, al quale ha partecipato anche Delivery Hero. E conta di utilizzare queste risorse per rafforzare i suoi servizi nei mercati in cui è attualmente operativa, con una particolare attenzione al q-commerce, ossia all’ampliamento della rete dei dark store, che al momento sono una ventina. L’obiettivo dichiarato è arrivare ad averne 200 nel mondo a fine 2021.

Tra le società che hanno scelto di cavalcare questa nuova tendenza in atto c’è anche la turca Getir, che in patria “copre” sette città, a febbraio è sbarcata a Londra e sta pianificando lanci anche a Berlino, Parigi e Amsterdam. Un altro nome da tenere d’occhio è Wolt. La startup finlandese, presente con il suo servizio di delivery davvero in mezzo mondo, sta progettando investimenti consistenti nel quick commerce e nell’avvio di dark store. FoodPanda, che fa base a Singapore e ha fatto da apripista al q-commerce in Asia, ha stretto accordi con Muji, Ikea, Tesco e altri marchi globali, proprio per proporre alla sua clientela anche alcune referenze firmate in prontissima consegna.

Come commenta ancora Economyup: «In altre parole, il movimento c’è, è intenso e rivolto a un’utenza eterogenea e potenzialmente in crescita. Non riguarda solo gli algoritmi ma anche gli assetti urbani. I big dell’e-commerce – Amazon in primo luogo – e i proprietari dei grandi magazzini di stockaggio fuori città sono avvisati».

CHI È ated – ICT Ticino - ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico e istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

Per ulteriori informazioni:

ated – ICT Ticino
Email: media@ated.ch
T. +41(0)91 8575880

 

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
16 ore
Un progetto “made in Ticino” per monitorare da remoto i pazienti cardiaci
Si tratta di un'idea dell’Istituto MeDiTech della SUPSI, che intende sviluppare un prodotto unico e innovativo
CANTONE
2 gior
Cornèr Banca sale a bordo di Swiss Virtual Expo
Anche Cornèr Banca partecipa a Swiss Virtual Expo, aderendo a un format di evento che è sulla frontiera dell’innovazione
LUGANO
4 gior
Arrivano i Ray-Ban Stories
Dalla partnership tra Facebook e EssilorLuxottica, nasce la prossima generazione di occhiali intelligenti o smart.
CANTONE
1 sett
Digital twin: cos'è e come funziona
CANTONE
1 sett
EOC diventa il primo ospedale virtuale
Al Swiss Virtual Expo lancerà un ecosistema ospedaliero per valorizzare ancora di più il ruolo centrale del paziente
ated ICT Ticino
1 sett
Dati personali e salute: come tutelarsi
I dati sono il vero “petrolio” dei giorni nostri.
Stati Uniti
2 sett
Arriva il Tesla Bot di Elon Musk
Scende in campo anche Elon Musk nello sviluppo e ricerca di robot umanoidi
CANTONE
2 sett
La pagina contatti del sito: perché non trascurarla
La pagina dei contatti è una delle più strategiche per il sito internet.
FOTO
ated ICT Ticino
2 sett
Hack4Learning: vince FormiDabile
All’iniziativa promossa da SUFFP hanno partecipato 20 persone con 4 progetti pensati per risolvere le sfide educative.
ATED - ICT TICINO
3 sett
Security lab: e-learning in formato virtuale
Anche Security Lab partecipa a Swiss Virtual Expo dentro il padiglione di ated virtual network
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile