ated
CANTONE
22.04.20 - 11:570

Sviluppatori al tempo di Covid-19

Le community dei programmatori si riscoprono fondamentali in questa difficile situazione

LUGANO - Sentiamo sempre più spesso parlare di programmatori, sviluppatori o developer. Si tratta di figure professionali che mai come oggi ricoprono un ruolo cruciale nella trasformazione digitale.

Infatti, è soprattutto grazie a loro se possiamo lavorare da casa, comprare su canali e-commerce, organizzare riunioni virtuali o comunque rimanere in contatto con i nostri amici e parenti per il tramite di piattaforme collaborative e sociali. Sono professionisti che spesso sfuggono alle luci della ribalta, perché sono più impegnati a costruire le infrastrutture digitali del futuro o a far funzionare le applicazioni del nostro presente. Ma si raccolgono in community, come per esempio Voxxed con cui ated-ICT Ticino collabora da alcuni anni in eventi come quello atteso per il prossimo 9 ottobre.

Ma l’interesse verso le reti di sviluppatori attira l’interesse anche di investitori e fondi. Lo dimostra un’altra community di programmatori, Codemotion, che ha recentemente chiuso un round da 6 mln di euro con venture capitalist come P101, Primomiglio e CDP Venture Capital SGR (in precedenza Invitalia Ventures).  E ha svolto, proprio in queste settimane di Coronavirus, la sua prima survey rivolta alla community dev, a cui ha chiesto come si sta affrontando questo periodo di remote working, quali sono i benefici e quali prospettive ci sono nel loro futuro.
Fra i risultati più interessanti, emerge che il lavoro non sta venendo meno per gli sviluppatori in azienda: anzi per il 69% le commesse sono rimaste invariate, il 21% delle imprese ha visto i propri lavori diminuiti e solo il 10% aumentati. In generale, il 55% sostiene che l’emergenza Coronavirus ha già avuto effetti sui progetti aziendali. Anche tra i freelance la situazione è simile: per il 25% il lavoro è diminuito, tra progetti cancellati o riprogrammati, per il 64% il lavoro è rimasto invariato, mentre per l’11% è aumentato.

In entrambi i casi, sia per i developer in azienda che per i freelance, gli scenari e le commesse potrebbero ulteriormente cambiare e volgere al peggio con l’aggravarsi della emergenza Covid-19 e la conseguente situazione di instabilità economica mondiale.

Sotto il profilo delle assunzioni, c'è speranza. Infatti, nel mercato del lavoro con l’attuale emergenza Covid-19 assisteremo ad una maggiore richiesta di sviluppatori software (37%), mentre il 35% crede che tutto rimarrà invariato e il 23% non lo sa. Solo il 5% pensa che ci sarà minor richiesta.

Lo smart working (ops, remote working) ha molti vantaggi... e per la community che ha risposto all’indagine con l’emergenza Covid-19 assisteremo a un cambiamento delle logiche del mercato del lavoro e dei consumi. Il potenziamento e la diffusione del remote working porteranno a un'importante competitività internazionale, a nuovi valori, a una nuova audience, nuovi limiti e nuove necessità infrastrutturali (dal 5G alla cybersecurity). L’immobilismo fisico non sarà più un ostacolo, ma un'opportunità che porterà a un maggiore utilizzo dell’outsourcing e ad un effetto globale nella formazione e nel recruiting.  Per l’85% - tra developer freelance e sviluppatori d’azienda - il potenziamento dei servizi di remote working sarà la priorità nei prossimi mesi e si augura che il lavoro da remoto rimanga una scelta permanente, intesa come un bene necessario e non come un social benefit. Infine, Il 95% degli sviluppatori che hanno risposto all’indagine è pronto a servire il proprio Paese, mettendo a disposizione le proprie competenze per sviluppare progetti e fronteggiare l’emergenza Covid-19, in particolare nei seguenti ambiti: sanità (21%), istruzione (20%), ricerca e innovazione (20%), impatto sociale (17%), piattaforme di collaborazione (10%), infrastrutture (6%), nuovi strumenti finanziari (2%), trasporti (2%).

CHI È ated – ICT Ticino
ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. 

Dal suo esordio, ated - ICT Ticino ha organizzato oltre 1.000 manifestazioni e promosso innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all'innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell'attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino è riconosciuta come un'associazione di riferimento nell'ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids.

 

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile