Depositphotos (AndreyPopov)
ARTICOLO SPONSOR
08.04.20 - 19:450

Il caso Zoom: le videoconferenze sono a rischio?

È di questi giorni la polemica sorta sull’accusa di insicurezza della piattaforma. Proviamo a chiarire la questione

LUGANO - La necessità di dover ricorrere alla misura del telelavoro a causa del COVID-19 ha obbligato diverse società in tutto il mondo a dover scegliere in breve tempo una piattaforma di videoconference aziendale, al fine di poter continuare a svolgere da remoto le normali attività lavorative quali riunioni interne, incontri con fornitori o clienti, lavori in team, ecc.

Tra le possibili opzioni disponibili all’interno del mercato dei prodotti di videoconference, la piattaforma Zoom di Eric Yuan, ex Lead Engineer della divisione WebEx di Cisco, ha osservato un impressionante successo nell’ultimo periodo. Le ultime statistiche parlano chiaro: nel 2020, Zoom ha registrato il nuovo record di 200 milioni di utenti attivi in un giorno, a fronte dei soli 10 milioni del 2019, ed il valore delle azioni della società Zoom Video Communications è letteralmente più che raddoppiato, passando dai 68 dollari del 1 gennaio 2020 ai 164 dollari registrati il 23 marzo.

L’ascesa apparentemente incontrastata della piattaforma, preferita rispetto alla concorrenza per semplicità d’uso, qualità del flusso audio/video e prezzi convenienti, è stata tuttavia messa a dura prova a causa delle pesanti accuse sulla sicurezza del prodotto. Condivisione di informazioni sensibili con Facebook e Cina, livello di cifratura delle trasmissioni sub-ottimale e bug di sicurezza nei client
Windows e MacOS hanno fortemente minato la fiducia riposta da alcune aziende su Zoom, al punto che alcune sono arrivate a bandirne l’uso (tra le più famose, la Città di New York e l’azienda di Elon Musk SpaceX) e lo stesso CEO Eric Yuan, scusandosi per la confusione, ha annunciato uno stop di 90 giorni agli sviluppi del prodotto per concentrarsi completamente sulla revisione della sua sicurezza.

Seppure innegabili le accuse tecniche mosse contro lo strumento da ricercatori di tutto il mondo, la piattaforma Zoom non sta altro che percorrendo un normale ciclo di vita di un prodotto software già descritto nei primi anni 2000 dai “Vulnerability Disclosure Model”, ossia i modelli che correlano la vita di un prodotto con il numero di vulnerabilità rilevate sulla base di molteplici fattori. In particolare, il modello AML, presentato nel 2005 alla conferenza IEEE ISSRE, si presta bene a descrivere le vulnerabilità scoperte di un software rispetto all’attenzione del mercato nei suoi confronti.

In sintesi, sono tre le fasi di un software secondo il modello:

  • Fase 1: il software è lanciato sul mercato. Con il graduale utilizzo ed attenzione sul prodotto, iniziano a rilevarsi le prime vulnerabilità di sicurezza;
  • Fase di Picco: il software raggiunge il massimo market-share. Il numero di vulnerabilità riportate cresce costantemente
  • Fase 2: il software è rimpiazzato da un concorrente e si avvia verso la fine-vita. Complice la minore attenzione verso il prodotto e la sua maggiore maturità, il numero di vulnerabilità riportate si riduce gradualmente, fino a raggiungere un valore nullo.

Di seguito, si riporta il grafico del numero cumulativo di vulnerabilità note (CVE) rilevate su Zoom dalla fondazione della società (2011) ad oggi (il numero per l’anno 2020 è una previsione sulla base dell’attuale trend).

Il medesimo grafico è stato tracciato anche per le vulnerabilità note di altre due famose soluzioni di videoconference, Skype e WebEx.

 

Confrontando i grafici, è possibile affermare come tutti e tre i prodotti stiano attraversando lo stesso ciclo di vita e si trovino semplicemente in fasi differenti della loro maturità.

Zoom, più recente, si posiziona intorno al punto di transizione 1 del modello AML, pertanto il rateo di vulnerabilità riportate per il prodotto tenderà a crescere nel prossimo futuro, al pari con la sua popolarità.

Skype e WebEx, più longevi, hanno già superato la Fase 1 del modello e si trovano nella Fase di Picco. Pertanto, il rateo di vulnerabilità riportate per entrambi si prevede rimarrà pressoché costante nel prossimo futuro.

In conclusione, il caso Zoom conferma ancora una volta come valutare la sicurezza complessiva di un software sulla base della singola notizia della nuova vulnerabilità rischi di essere del tutto fuorviante. Ogni software nell’arco della sua vita è stato oggetto di vulnerabilità di sicurezza, Zoom alla pari delle alternative Skype, WebEx e altre ancora. Seppure assolutamente da non trascurare le problematiche rilevate finora, l’azienda ha risposto ad ognuna di esse e sta lavorando per porre rimedio. 

Ormai dobbiamo imparare a convivere con le vulnerabilità che vengono rilevate se TUTTE le soluzioni e servizi durante il loro ciclo di vita. Le consuete raccomandazioni sul mantenere aggiornati i sistemi operativi delle nostre postazioni, mantenere aggiornati tutti i software utilizzati alle ultime versioni, criptare le postazioni di lavoro, utilizzare password complesse, non scaricare software e non accedere a servizi di dubbia reputazione e utilizzare sistemi di protezione commerciali e non gratuiti, ci consentiranno di operare con serenità.

Andrea Palanca
Senior Cyber Security Advisor
Security Lab SAGL
info@sec-lab.com
www.sec-lab.com

Andrea Palanca
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ATED
2 ore
Da Apple un nuovo aggiornamento IOS contro il Covid-19
ICT ATED TICINO
3 gior
Google Maps ha compiuto 15 anni
Oltre 1 miliardo di persone gli utilizzatori mensili delle mappe di Google (preCovid), nate a inizio 2005
ATED
5 gior
L’obbligo di comunicazione delle violazioni di sicurezza: da FINMA alla futura Legge federale sulla protezione dei dati
Contributo dell’avv. Gianni Cattaneo, Studio legale CBM (www.cbm-lex.ch)
FOTO
ICT ATED TICINO
1 sett
#Coronavirus: terreno fertile per le mail di phishing
Quali sono gli attacchi più diffusi, come riconoscerli e arginarli?
ATED
1 sett
Introduzione allo sviluppo di videogiochi con Construct 3
Vuoi costruirti da solo un tuo videogame? Trovi nella guida di Michel Palucci le fasi per realizzarlo in autonomia
CANTONE
1 sett
Il #coronavirus spopola sui social
Un'analisi di intarget ha fotografato da dicembre a fine aprile come sui social svizzeri si è parlato della pandemia.
ICT ATED TICINO
2 sett
La tecnologia al servizio del post pandemia
Con DOS Group soluzioni di business complete e affidabili per rinnovare strumenti e processi aziendali
ATED ICT TICINO
2 sett
RSI tra tecnologia e informazione
Maurizio Canetta ci spiega come la pandemia abbia ridefinito il ruolo dei media e della comunicazione di qualità
ATED
2 sett
Il lockdown triplica i nuovi consumatori online in Italia
Sono 2 milioni i nuovi consumatori online in Italia e l’ecommerce è il settore che crescerà di più a livello mondiale
ATED ICT TICINO
3 sett
La notte del racconto (anche) in veste digitale
Podcast per l’ascolto di audiostorie sul sito www.solidarietadigitaleated.ch e al via un concorso per bambini e ragazzi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile