Ated
ATED
24.03.20 - 08:420

L’analisi dei dati per prevedere i contagi da Coronavirus

www.solidarietadigitaleated.ch abbraccia il progetto no-profit www.Data4Covid19.com

www.Data4Covid19.com è un progetto di grande valore che appare da qualche giorno sulla piattaforma www.solidarietadigitaleated.ch. È un’iniziativa no-profit creata con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sull’andamento del Coronavirus all’interno della Svizzera e dell’Italia, attraverso l’utilizzo dei dati. Si tratta di un esempio virtuosissimo di applicazione dei BIG DATA, per cercare di orientarsi in uno scenario in continua evoluzione, come quello imposto dalla pandemia che conosciamo appunto come Coronavirus.
Parliamo di un progetto senza scopo di lucro che è stato realizzato ed è costantemente aggiornato da volontari con estrazione matematica, ingegneristica e informatica. In sintesi, utilizza dati provenienti da fonti pubbliche svizzere e italiane, per dare la possibilità a qualsiasi cittadino di avere una visione oggettiva e comprensibile del fenomeno attuale.

Per capirne di più abbiamo raggiunto Marco Farina, CEO di Logol AG, che coordina questa iniziativa solidale fondamentale per diffondere numeri e dati corretti e gli abbiamo chiesto di raccontarci il progetto.
«Abbiamo creato il sito no-profit data4covid19.com con lo scopo di dare uno strumento di facile comprensione ai cittadini, al fine di comprendere la diffusione del Coronavirus e rispondere ad alcune domande per sensibilizzare la gente a stare in casa. Dato il successo del sito in termini di visualizzazioni e avendo sviluppato un modello di previsione di contagi, decessi, ricoveri in terapia intensiva, che ha una precisione molto accurata, reputo utile per la collettività un confronto su come mettere a disposizione questo strumento anche in Svizzera. E per questa ragione siamo particolarmente onorati di essere nella piattaforma www.solidarietadigitaleated.ch».

Ma si tratta di un progetto che viene regalato alla collettività?
«Non serve dirlo, ma ovviamente tutto è no-profit e realizzato in modo assolutamente volontario e gratuito. Il modello è stato sviluppato da ricercatori di eccellenza. Sono matematici, ingegneri e informatici volontari, che hanno strutturato una piattaforma che utilizza dati provenienti da fonti accreditate e pubbliche per dare la possibilità a qualsiasi cittadino di avere una visione oggettiva e comprensibile del fenomeno attuale. Noi pensiamo che l’unico modo che abbiamo per aiutare medici e infermieri, che quotidianamente combattono questa battaglia negli ospedali, è sensibilizzare la gente al rispetto delle misure intraprese dai vari Governi, al fine di ridurre i contagi e di conseguenza la pressione sul sistema sanitario».

Ma come funziona il sito?
«Nel sito è possibile trovare molte dashboard o pannelli di controllo con grafici aggiornati quotidianamente, che riportano i dati sulla diffusione del virus per ogni Cantone (mentre in Italia è su ogni Regione e Provincia). A questo si aggiunge un “simulatore” con la probabilità di incontrare il virus uscendo di casa, a seconda di dove ci si trovi ad abitare. Infine, si trovano altri grafici che tracciano l’andamento del numero di decessi e alcuni modelli matematici che stimano l’andamento del virus.
Nel realizzare questo progetto abbiamo immaginato che si possa affermare un principio fondamentale, ovvero che oggi è cruciale potersi informare in modo corretto, imparando a leggere i dati certi e autorevoli, che noi abbiamo raccolto e messo a disposizione di tutti!
Quindi, mi permetto di chiedere a chi ci legge di aiutarci a diffondere il sito www.data4covid19.com».
 
Leggo che avete appena lanciato una campagna per sensibilizzare anche le imprese. Di cosa si tratta?
«È vero abbiamo lanciato la campagna “Let’s fight Covid-19 together”. Sostanzialmente inviamo un PDF informativo e un social media kit alle aziende che vogliono contribuire al progetto.
Quello che chiediamo è semplicemente di condividere con i loro dipendenti il materiale informativo invitandoli a fare un post sui loro canali social, comunicando così l’adesione alla campagna “Let’s fight Covid-19 together” di www.data4covid19.com. Questo consente loro di comparire nella nuova sezione “Friends” del sito www.data4covid19.com.

***

CHI È ated – ICT Ticino
ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. 
Dal suo esordio, ated - ICT Ticino ha organizzato oltre 1.000 manifestazioni e promosso innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all'innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell'attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino è riconosciuta come un'associazione di riferimento nell'ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids.

Per ulteriori informazioni
ated – ICT Ticino
CP 1261 – 6502 Bellinzona 
Email: cristina.giotto@ated.ch
Phone: +41 79 253 79 52

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ICT ATED TICINO
17 ore
I primi 40 anni di Pac Man
Lanciato sul mercato in Giappone nel maggio 1980 è il videogame più popolare di tutti i tempi insieme a Super Mario
ATED
2 gior
I Bachelor SUPSI in Ingegneria gestionale e informatica PAP anche in modalità blended learning
Da settembre una nuova opportunità di formazione universitaria professionale che coniuga studio e lavoro
ATED
4 gior
Da Apple un nuovo aggiornamento IOS contro il Covid-19
Dal contact-tracing al miglioramento del FaceId quando si indossa la mascherina, ecco le novità del sistema operativo Ap
ICT ATED TICINO
1 sett
Google Maps ha compiuto 15 anni
Oltre 1 miliardo di persone gli utilizzatori mensili delle mappe di Google (preCovid), nate a inizio 2005
ATED
1 sett
L’obbligo di comunicazione delle violazioni di sicurezza: da FINMA alla futura Legge federale sulla protezione dei dati
Contributo dell’avv. Gianni Cattaneo, Studio legale CBM (www.cbm-lex.ch)
FOTO
ICT ATED TICINO
1 sett
#Coronavirus: terreno fertile per le mail di phishing
Quali sono gli attacchi più diffusi, come riconoscerli e arginarli?
ATED
2 sett
Introduzione allo sviluppo di videogiochi con Construct 3
Vuoi costruirti da solo un tuo videogame? Trovi nella guida di Michel Palucci le fasi per realizzarlo in autonomia
CANTONE
2 sett
Il #coronavirus spopola sui social
Un'analisi di intarget ha fotografato da dicembre a fine aprile come sui social svizzeri si è parlato della pandemia.
ICT ATED TICINO
2 sett
La tecnologia al servizio del post pandemia
Con DOS Group soluzioni di business complete e affidabili per rinnovare strumenti e processi aziendali
ATED ICT TICINO
3 sett
RSI tra tecnologia e informazione
Maurizio Canetta ci spiega come la pandemia abbia ridefinito il ruolo dei media e della comunicazione di qualità
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile