LUGANO
20.08.19 - 09:300

La visione? «È la formula del successo»

Silvio Ghiggi di Securiton, sponsor del Visionary Day: con i sogni possiamo cambiare il mondo

 

Impianti d’allarme, sistemi di protezione antincendio e antieffrazione, controllo accessi, videosorveglianza e tutto ciò che abbia a che fare con la “sicurezza”. Parola fondamentale, quando si diventa marito e padre di tre figli. Anche per questo - o per loro - Silvio Ghiggi, ingegnere elettrotecnico con oltre quindici anni di esperienza nel settore, si descrive come «una persona ordinata e affidabile, sicura e pragmatica». La chiave, forse, del suo successo, che l’ha portato ai vertici di Securiton. Direttore regionale dal 2016, l’anno scorso è riuscito pure a trovare il tempo di conseguire un Executive Master Business Administration.

Come si fa a mettere tante cose assieme, e bene?
«Mi piacciono le sfide che affronto con umiltà e tenacia». Come quella, in fondo, del Visionary Day, che ha subito deciso di abbracciare e sostenere.

Signor Ghiggi: perché? Si sente forse un visionario?
«Nel mio piccolo, un po’ visionario lo sono, in quanto sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e mi piace immaginare come saranno nel nostro settore le nuove tecnologie».

A che scopo?
«Le nuove tecnologie possono aiutarci a migliorare i processi della nostra vita, cercando di darci più tempo per fare altre cose. Inoltre, generano esperienza e danno supporto per ridurre gli sforzi, per esempio nello studio».

Sta parlando di sé?
«Anche di me. Sì, mi aiutano molto mio lavoro quotidiano come nella vita privata».

Solo benefici o anche qualche lato negativo?
«Diciamo che non bisogna esagerare, per non rischiare di perdere il controllo. Ma questo vale per tutte le cose».

Lei ci riesce, a “non esagerare”?
«Cerco di limitarne l’uso. La predisposizione personale mi viene in soccorso. Amo l’aria aperta, mi piace fare anche dei lavori manuali, che mi aiutano molto a rilassarmi».

A proposito: in questa realtà, l’uomo dove va a finire? Non rischia di diventare secondario?
«In futuro, i profili professionali saranno sempre più legati all’informatica e specialistici. Per come la vedo io, le nuove tecnologie eseguiranno per noi tutti i lavori più pesanti, ci aiuteranno nella vita quotidiana, ma ci sarà sempre e comunque un’interazione tra uomo e macchina. L’uomo sarà sempre fondamentale per tutto quello che riguarda la nostra vita sociale, fin quando ce ne sarà bisogno».

E se un giorno non ce ne fosse più? Delle nuove tecnologie non dovemmo avere anche un po’ paura?
«Di solito la paura è dovuta alla poca conoscenza oppure alla falsa informazione. Einstein diceva che l’informazione non è conoscenza».

Einstein, il visionario per eccellenza. Che cosa ci ha insegnato? Signor Ghiggi, per lei che cos’è una “visione”?
«La visione per me è un’idea o un concetto nati da un sogno».

Dove porta?
«Una visione, con una strategia ed una pianificazione, è la formula del successo. Le persone che hanno delle visioni riescono a cambiare addirittura il mondo. Pensiamo a Steve Jobs: quando ha lanciato sul mercato la sua visione, il mondo è cambiato totalmente».

Perché Visionary Day? Che cosa vuole o può ottenere una sola giornata di “chiacchiere”?
«Ci troviamo in un mondo in cui ogni cosa è automatizzata e interconnessa, in cui tutto è basato sule tecnologie digitali dove uomo e macchina collaborano in ogni settore. Non saranno a mio avviso solo chiacchiere. Il Visionary Day darà l’opportunità si sentire e vedere in che direzione ci stiamo muovendo e dove in futuro dovremo passare».

La gente è pronta o rischia di restare delusa?
Già da una decina d’anni la gente è confrontata con nuove e rivoluzionarie tecnologie. Dunque, se la giornata proporrà delle tecnologie o soluzioni mai viste prima, sono sicuro che le persone non rimarranno deluse. Anzi, si stupiranno.

Si dice che il Ticino sia sempre un po’ più indietro degli altri. È d’accordo?
«Confrontandoci con i vicini svizzero-tedeschi, mi accorgo che siamo leggermente indietro; ma il gap da colmare non è così grande e a breve potremo superarlo».

Un motivo per partecipare al Visionary Day.
«Visionary Day ci permette di vedere le cose da altri punti di vista, aiutandoci a capirle da altre prospettive».

Maggiori informazioni e iscrizioni www.visionaryswiss.ch

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ATED
5 ore
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
ATED
1 gior
L'app della vita? Ci pensa "Progettare Informatica"
Il servizio di InformatiCH si prefigge di ovviare alle problematiche più o meno frequenti, proponendosi come intermediario fra committenti e sviluppatori
LOCARNO
4 gior
E-learning: parte il primo corso ticinese di Moodle
Security Lab, società leader nell’e-Learning e nella Cyber Security, presenta in Ticino la piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
LUGANO
5 gior
#STEM, #Crowfunding, #FakeNews, #Networking
Giovedì 28 novembre all'Hotel Lugano Dante Center, Maria Francesca Corrado, Alex Orlowsky e Paolo Gasperi
LUGANO
6 gior
USI Hackathon 2019
Dal 15 al 17 novembre si terrà il primo USI Hackathon all'Università della Svizzera italiana a Lugano
ICT TICINO
1 sett
Tranquillo Cloud, di nome e di fatto
Anche i dati sono in cerca di adeguata protezione
LUGANO
1 sett
Minecraft4Switzerland debutta a Lugano all’Hackathon dell’USI
Si tiene presso il Campus universitario dal 15 al 17 novembre il primo Hackathon promosso da Code Lounge in collaborazione con ated4kids e la Città di Lugano per il tramite di Lugano Living Lab
ATED
1 sett
Progetto «Estage»: al via la quarta edizione
Forte dell’ottimo e crescente riscontro ottenuto nelle prima tre edizioni, la piattaforma sarà attiva per il quarto anno di fila
ATED
2 sett
A Lugano è Robotmania
La passione per la robotica diventa sempre più contagiosa e anno dopo anno le sfide internazionali si fanno più ambiziose
CANTONE
3 sett
Convertita con riserva
Elena Cavadini è traduttrice diplomata in inglese e tedesco della Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Milano e responsabile del settore traduzioni della ditta SayIT SA di Novazzano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile