LUGANO
25.06.19 - 06:000

Al Visionary Day sono protagonisti i Centennials

Mercoledì 18 settembre dalle 08:00 alle 22:00 presso il Palazzo dei Congressi

 

Generazione Z, Centennials, iGen, Post-Millennials o Plurals; questi e altri sono i modi con cui vengono classificate le persone nate tra la fine degli anni `90 e la prima decade del nuovo millennio.

Indipendentemente dell’etichetta che vogliamo attribuirgli, anche questa generazione è legata alla precedente in una logica di causa-effetto, presupposti e conseguenze, contaminazione e ribellione, differenti Visioni del mondo e del futuro.

I primi sono stati i baby boomers, nati nel secondo dopoguerra, figli del conflitto mondiale.

Il lascito della generazione precedente? Un mondo devastato dai conflitti Il loro principale obiettivo? Il benessere, stare meglio e fare meglio di chi li aveva preceduti.

In 30 anni hanno combattuto per i diritti civili, per la rivoluzione sessuale, hanno manifestato in piazza contro le guerre, hanno organizzato i più epici concerti della storia del rock, si sono battuti per il capitalismo e il consumismo, hanno abbattuto muri che loro stessi avevano creato.

Due illustri Baby Boomers hanno creato le fondamenta tecnologiche del mondo in cui viviamo: Steve Jobs e Bill Gates.

È giunto poi il tempo dei ribelli, i nati a cavallo fra la fine degli anni 60 e gli anni 80, definiti da Doug Coupland come il titolo del suo famoso romanzo: Generazione X.

Dai Boomers sono stati chiamati fannulloni, generazione con pochi valori, poco propensi al sacrificio e ai grandi ideali ma è in questi anni che nascono i cervelli che hanno dato il via all’era di internet, della Rete, che hanno reso facile il comercio on-line e che forse in futuro ci offriranno viaggi vacanza sulla Luna: Elon Musk, Larry Page, Jeff Bezos.

Di anno in anno arriviamo alla fine degli anni ’90 e ai cosiddetti Millennials, la prima generazione che ha subito e che sta subendo gli effetti di quella che il sociologo Zygmunt Bauman ha chiamato "società liquida”.

Precarietà, mancanza di rapporti stabili, cambiamenti repentini nella vita professionale e privata, poche certezze e sicurezze che si riflettono anche nei prodotti poco tangibili dei più famosi Millennials: Mark Zuckerberg (Facebook), Kevin Systrom e Mike Krieger (Instagram), Jack Patrick Dorsey (Twitter).

In questo passaggio fra generazioni è possibile ritrovare uno schema logico di causa-effetto.

I grandi valori e forse l’estrema rigidità dei Baby Boomers hanno causato il rifiuto, la ribellione e il “think different” dei Millennials.

La propensione a pensare fuori dagli schemi di Jobs e Gates ha permesso di racchiudere in un telefonino la potenza di centinaia di ingombranti calcolatori.

Con tali presupposti è stato facile per Mister Facebook raggiungere miliardi di persone e a Bezos di creare il più grande mercato virtuale del mondo occidentale.

Se i Baby boomers non avessero scatenato il “think different” dei Millennials oggi non parleremo della moneta virtuale di Zuckerberg e dei droni volanti di Amazon.

Ora è giunto il momento dei Centennials.

Che cosa ha prodotto la generazione dei Millennials? Quale sarà l’effetto di tutto ciò sulla Generazione Y?

Molte persone sono convinte che i Centennials subiscano la realtà creata dalle generazioni precedenti: vivono un rapporto simbiotico con il loro telefonino, non sono più in grado di apprezzare una camminata all’area aperta o una partita a pallone con gli amici, sprecano il loro tempo inseguendo lo youtuber o influencer di turno, non sanno concentrarsi, impegnarsi e in futuro non sapranno assumersi delle responsabilità.

Ma forse ci sbagliamo, forse ci facciamo guidare troppo dai nostri preconcetti e pregiudizi, forse non ci siamo mai soffermati abbastanza per chiederci chi sono questi giovani, come vedono il mondo e che cosa pensano dei lasciti delle generazioni passate.

Il 18 Settembre può essere un’occasione di confronto fra Generazioni.

A partire dalle 20.00, infatti, coloro che parteciperanno alla Visionary Teen avranno la possibilità di ascoltare dalla voce dei Centennials la loro considerazione del mondo, degli adulti che lo governano e soprattutto la loro Visione del futuro.

Sarà un’opportunità per ascoltare i talenti della Generazione Y e magari trovare, fra loro, il talento che plasmerà il futuro.

Maggiori informazioni: https://www.visionaryswiss.ch/

Puoi seguire l’evento anche attraverso la Facebook dedicata al progetto

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile