Amico Animale
23.11.18 - 10:220

I cani ipoallergenici non “funzionano” con l’asma

Vivere con un esemplare che perde meno pelo non riduce il rischio di sviluppare la malattia  

 

I bambini che vivono con un cane “ipoallergenico” hanno le stesse probabilità di sviluppare l’asma di quelli che possiedono un cane comune. Nella prima categoria rientrano quelli esemplari appartenenti a razze che perdono meno pelo e che dunque sono ritenute più tollerabili per i bambini con allergia.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, ha analizzato oltre 23mila bambini nati in Svezia tra il 2001 e il 2004, tutti cresciuti in case con dei cani. Gli animali, a loro volta, sono stati classificati per età, razza, sesso, taglia e presunta “ipoallergenicità”. Al termine dello studio, il 5% dei bambini aveva sviluppato entro i 6 anni l’asma, malattia è dovuta ad un’infiammazione cronica causata da una reazione allergica.

I ricercatori hanno rilevato un rischio di asma inferiore del 16% per i bambini che avevano cani femmina, in quanto i cani maschi possono produrre una caduta del pelo maggiore e dunque rilasciare maggiori allergeni. Nessuna differenza, invece, è stata notata nello sviluppo della malattia tra i cani normali e i cosiddetti esemplari “ipoallergenici”.    

ULTIME NOTIZIE Amico Animale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile