LA RAZZA
12.05.18 - 12:000

Il Bracco Italiano

Un cacciatore dalla storia antica, legatissimo al padrone

 

Lo sguardo posato, il grande affetto per il padrone e le straordinarie capacità venatorie sono le caratteristiche principali del Bracco Italiano, un cane la cui origine si perde nei secoli avanti Cristo: la razza avrebbe avuto origine dall’incrocio tra molossi e levrieri o segugi, al tempo dei Romani, mentre le prime documentazioni a riguardo risalgono al Medioevo.

Il Bracco Italiano, caratterizzato dalle orecchie lunghe e il pelo corto, lucido, dal colore bianco con ampie puntellature arancioni o marroni, veniva utilizzato come cane da caccia, precisamente come cane da ferma: individuata la preda, il Bracco Italiano si ferma in una posa tipica e la fissa, indicandola al cacciatore. Molto dotato anche nel riporto, il Bracco Italiano s’è poi trasformato in cane da compagnia. Si adatta alla vita da appartamento, ma naturalmente ha bisogno di molto moto e di passeggiate all’aria aperta, magari nei boschi o in montagna, per dare sfogo al suo istinto venatorio.

È un animale estremamente sensibile, legatissimo al padrone, e soffre molto la solitudine: se si è costretti a lasciarlo a casa, meglio farlo con qualche altro cane o anche con altri animali, con cui, se abituato da cucciolo, convive senza difficoltà.  

ULTIME NOTIZIE Amico Animale
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report