ENERGY CHALLENGE
18.07.18 - 17:040

La carne di agnello è un acerrimo nemico del clima

L’alimentazione incide profondamente sull’impronta ecologica. Questi cibi danneggiano gravemente clima e ambiente

 

Secondo il WWF, in Europa un terzo dei danni all’ambiente causato dai consumi è indotto dall’alimentazione, principalmente dalla produzione di generi alimentari. Confezionamento, trasporto, stoccaggio, preparazione e smaltimento in genere risultano meno dannosi.
Particolarmente gravi sono gli effetti dell’allevamento di animali, perché caratterizzato da un elevato consumo di risorse e da emissioni di gas serra notevolmente più alte rispetto alle coltivazioni di alimenti vegetali.

Secondo il WWF le proteine animali sono in media responsabili della metà dei danni ambientali ascrivibili alla filiera alimentare. Mediamente, un pasto vegetariano danneggia il clima tre volte in meno di un piatto a base di carne. Per il clima, una dieta vegana sarebbe persino meglio. Così, in ambito di alimentazione, l’impronta ecologica di uno svizzero medio diminuirebbe ad esempio del 24 percento se passasse a una dieta vegetariana. Chi poi rinuncia del tutto ai prodotti animali, e quindi diventa vegano, riduce la sua impronta ecologica del 40 percento.

Eppure, anche alimenti vegetali come avocado, quinoa o superfrutta danneggiano l’ambiente sia per i metodi di coltivazione, sia per le lunghe distanze del trasporto fino in Svizzera. La galleria fotografica in alto mostra quali alimenti sono dannosi per il clima e l’ambiente.

Energy Challenge 2018 - Energy Challenge 2018 è una campagna nazionale di SvizzeraEnergia e dell'Ufficio federale dell'energia sui temi dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili. 20 minuti è partner media e approfondisce i temi principali con grafici, reportage e interviste. Trovate maggiori informazioni sull'app gratuita per Android e iOS.

Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report