SALONE DI FRANCOFORTE - NOVITÀ/APPROFONDIMENTO
11.09.13 - 10:130
Aggiornamento : 23.11.14 - 21:21

Il futuro della Toyota GT86? È racchiuso in una Yaris ibrida.

Si legge Yaris Hybrid-R, si dice GT86. Ovvero: quando le coincidenze possono diventare realtà.

PROVERBIO CINESE - Avete presente quel provebio cinese che recita “Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito”? Ecco: provate ad invertirla, nel senso che se un stolto indica qualcosa di banale, scontato, il saggio vede comunque la luna. Quello che scriviamo qui sotto può essere il frutto di una mente - la nostra - che forse è fin troppo fantasiosa. O forse no. Fatto sta che secondo noi (e non solo secondo noi, anzi: delle nostre conoscenze all’interno di Toyota annuiscono) quello che qui vediamo racchiuso nella Yaris Hybrid-R è, in realtà, quello che tra poco vedremo nella Toyota GT86. Più o meno.

LA TECNICA - Insomma, iniziamo dai fatti. Quello che vedete qui è un prototipo di una Yaris ibrida, però sportiva. Non ci dilunghiamo sull’estetica perché tanto è solo un prototipo ma alziamo il vano motore e guardiamo cosa c’è dentro. Il motore a benzina è un quattro cilindri turbo a iniezione diretta da 1,6 litri, capace di erogare 300 cavalli, sviluppato direttamente dalla Toyota Motorsport Gmbh (TMG), che spinge le ruote anteriori. Essendo una ibrida spuntano quindi due motori elettrici (gli stessi della Yaris ibrida) da 60 cavalli l’uno, i quali apportano ulteriore potenza nelle fasi di accelerazione – il sistema vanta un totale di 420 cavalli – e allo stesso tempo recuperano energia in frenata, la quale viene convogliata in un enorme condensatore simile a quello utilizzato a LeMans per la TS030. V’è poi un terzo motore elettrico sempre da 60 cavalli dalla duplice funzione, ossia quella di generatore per il citato “supercondensatore” nonché quale elemento di gestione per trasmettere potenza all’asse posteriore, creando così un’auto a trazione integrale.

LA BUONA MEMORIA - Ora, dopo questa infarinatura tecnica ad alcuni sarà chiaro cosa c’entra la GT86. In occasione della conferma dell’arrivo una Subaru BRZ (gemella della Toyota GT86) preparata dal reparto sportivo STi, erano molti le voci che si rincorrevano a proposito di un aumento di potenza. All’ora vi abbiamo proposto alcune frasi rilasciate durante alcune interviste dal responsabile di progetto Toyota GT86/Subaru BRZ , Tetsuya Tada, che qui riportiamo: “300 cavalli erogati tramite un turbo e 200 g di CO2/km possono essere appetibili al giorno d’oggi. Stiamo cercando una sorpresa, qualcosa di unico: per esempio un motore ibrido. Ma non quel tipo di ibrido che conosciamo sulla Prius: quella va bene in città ma non è ideale per la guida sportiva o le autostrade ad alta velocità. Qualcosa di davvero innovato, orientato verso la Toyota TS030 che corre a Le Mans.”

L’APPLICAZIONE PRATICA - Se quindi sommate le due cose capite che quello che si cela sotto il vestito della Yaris Hybrid-R è – sempre che la nostra mente non sia troppo fantasiosa – quello che ritroveremo in una versione più prestazionale della GT86. Ma questo punto resta comunque un dilemma: la trazione integrale cosa c’entra? Qualche subarista invaghito della BRZ probabilmente si sta già leccando i baffi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
21 ore
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
2 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
4 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile