Porsche
+ 15
TEST DRIVE
08.11.19 - 06:000

Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico

Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.

Le gomme: l’elemento più importante sono le gomme, ti cambiano tutto delle percezioni che proverai una volta al volante, specie a causa dell’effetto pick-up; al punto di non saper dire se l’auto è a posto o meno…” Esordisce così, al briefing che si tiene ai box, il pilota professionista di Porsche, Richard Lietz (già vincitore di Le Mans e Daytona in categoria GT), il che non è propriamente rassicurante; ma l’uomo è schietto, diretto e anche simpatico e preferisce avvisare subito di alcune difficoltà che incontreremo. Perché se il tracciato è già di suo impegnativo, oltre che molto divertente (siamo a Misano Adriatico), il traffico in pista sarà a dir poco intenso, data la concomitanza con le prove libere del Campionato svizzero Porsche Sports Cup e GT3 Challenge. L'auto, di suo, è la più potente ed impegnativa della gamma 911: sua maestà 911 GT2 RS.

“Pulire” gli pneumatici: essenziale per correre veloce!
Ed eccoci dunque in uscita dai box per il primo dei tre turni di mezz’ora al volante. Richard Lietz ci precede in veste di “lepre”; noi della stampa, in formazione serrata – prima due vetture, poi una soltanto –, cercheremo di adeguarci al suo passo… con il miglior onore possibile. Prime curve e prime difficoltà: l’avantreno scivola in effetti come sulla gelatina, lo sterzo è insensibile, mentre il retrotreno guadagna in fretta motricità e ci lascia la brutta sensazione di poter accelerare quanto si vuole sì, ma senza poter voltare come piacerebbe. È il famoso effetto pick-up, cioè l’adesione alle gomme (a metà tra gara e strada, le più performanti omologate) di tutti i resti degli pneumatici delle altre auto, come si vede spesso in Formula 1: non soltanto si accumulano ai lati delle traiettorie ideali, ma staccandosi per effetto centrifugo dalle auto che precedono finiscono inevitabilmente sulla carrozzeria (e sulle ruote) della vettura che segue. Questo effetto genera il famoso galleggiamento delle gomme, più sensibile all’avantreno. Ma il pilota austriaco ci insegna a gestirlo: sterzate più aggressive nelle volte più strette, qualche frenata intensa e un po’ di pazienza e poi si avverte di colpo la magia di un’aderenza finalmente a punto, indispensabile per consentire alla GT2 di mostrare le sue qualità.

Tanta concentrazione e qualche rivolo di sudore: la GT2 impegna eccome!
Al passare dei giri il ritmo si alza e con esso il coinvolgimento: vuoi per tenere a bada il traffico, sempre intenso con anche venti-venticinque auto contemporaneamente in pista, vuoi perché i 700 cavalli del boxer biturbo (e i 750 Nm di coppia) su appena 1470 kg spingono maledettamente forte ed impongono di guardare sempre più lontano e di pensare sempre più in anticipo a curve e traiettorie che seguono, pena il non riuscire a trovare uno straccio di ritmo. La frenata non è mai un problema: l’impianto carboceramico con dischi anteriori da 410 mm digerisce le staccate più cattive ed in ogni caso resta l’ABS a correggere qualche sbavatura di troppo. L’accelerazione, brutale, è anch’essa in realtà sorprendentemente gestibile, perché le Michelin Pilot Sport Cup 2 si incollano letteralmente all’asfalto traducendo in spinta ogni stilla del possente sei cilindri. Anche grazie al peso sbilanciato al posteriore, la 911 GT2 permette di accelerare in uscita di curva con anticipo ed aggressività, giusto con qualche leggera “sgroppata” di sovrasterzo, proiettando letteralmente l’auto lungo i rettilinei: appena 8,3 secondi per passare da fermo ai 200 km/h, molti meno quando si è già in velocità. Restano naturalmente da gestire le curve, specie quelle intermedie, e qui sta tutto alla sensibilità e all’esperienza di chi guida saper valutare quanta velocità si può portare nella traiettoria senza trovarsi nella sabbia. Con le gomme a posto, l’inserimento è davvero reattivo e sorprendente anche a velocità impensabili, ma se si esagera sono subito in agguato il sottosterzo e l’eccessivo riscaldamento del battistrada, che deteriora l’aderenza in un attimo. Insomma: un gioco sottile, come sempre, quello di cercare di far andare veloce un’auto in pista. E con la GT2, se il compito risulta più semplice per l’eccellenza meccanica di ogni suo componente, dall’altro la velocità di cui è capace è tale da imporre una concentrazione pressoché totale, da mediare con pazienza e umiltà. Ma è anche il fascino, irresistibile, delle auto di razza pura, che la pazienza e le qualità “didattiche” del nostro trainer Porsche ci hanno aiutato ad avvicinare con rara intensità, insieme a tanti consigli ed informazioni.

Per imparare a gareggiare c’è il programma Porsche Racing Experience.
E chi, con una Porsche, si vuole cimentare davvero in gara? La Casa tedesca ha da poco esteso i suoi programmi sportivi con l’avviamento del Porsche Racing Experience, l'accademia che permette di compiere con progressione tutti i passi necessari ad entrare in pista fino ad arrivare ad affrontare qualifiche e competizioni dell’intero campionato. Svizzero o tedesco a scelta. Sono inclusi formazione, prove, istruttori personali, licenza ed auto in uso presso il team ufficiale insieme a molto altro ancora: certamente esclusivo ed impegnativo finanziariamente, ma ideale per debuttare con casco e tuta nella massima professionalità.

Trovi la Porsche 911 GT2 RS da...

Centri Porsche Ticino

 

 

Centro Porsche Lugano

 

AMAG First SA
Via Pian Scairolo 46A
6915 Lugano-Noranco
Telefono: +41 91 961 80 60
E-Mail: info@porsche-lugano.ch

 

 

Centro Porsche Locarno

 

AMAG First SA
Via San Gottardo 131
6596 Gordola
Telefono: +41 91 735 0 911
E-Mail: info@porsche-locarno.ch

 

 

https://www.porsche-ticino.ch

Porsche
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
2 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
3 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile