Mazda MX-30
+ 15
Novità
04.11.19 - 08:130

Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30

Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.

Tra i nuovi modelli al recente Salone di Tokyo ha fatto bella mostra di sé la prima Mazda elettrica, un crossover compatto – denominato MX-30 – spinto dall’unità elettrica e-SkyActiv. Il cuore ad elettroni eroga una potenza di 143 cv, alimentato da una batteria al litio con capacità di 35,5 kWh; la Casa prevede a richiesta la possibilità di aggiungere un “range extender”, piccolo generatore di corrente per rigenerare l’accumulatore quando non è disponibile una colonnina di ricarica. La particolarità di questa opzione è quella di adottare un compattissimo motore benzina a pistone rotativo, sistema storicamente caro alla marca nipponica.

Portiere posteriori quasi a scomparsa: si accentua la linea coupé.
Il design della MX-30 non manca di originalità, specie nei dettagli: all'anteriore, la linea segue piuttosto fedelmente l’indirizzo stilistico della Casa, seppur con forme e volumi leggermente più affilati per un insieme più incline ad esprimere una certa aggressività; di profilo, invece, si nota il taglio particolarmente compatto delle portiere posteriori, che infatti adottano la particolare apertura "a vento" (denominate Freestyle) come avevamo già visto sul lato passeggero della prima Mini Clubman; particolare anche l’assenza del montante centrale, che ad auto aperta permette di ottenere una luce di accesso molto ampia. La scelta di questa soluzione più compatta ed originale è in realtà improntata a conferire all’auto una linea il più possibile sportiveggiante, ispirata alle coupé; anche per questo, la coda è compatta e presenta montante posteriore e lunotto decisamente inclinati. A completare l’anima bivalente della MX-30 – sportiva dal gusto offroad – figurano l’assetto rialzato e le generose protezioni aggiuntive, in resina non verniciata, lungo tutto il perimetro inferiore dell’auto: archi passaruota, minigonne e paraurti.

Abitacolo ricercato ma essenziale.
L’abitacolo presenta un arredo che vira con decisione al minimalismo: plancia a sviluppo orizzontale, comandi e pulsanti ridotti all’osso, schermo centrale incassato in alto e consolle ridotta, con spazi di appoggio anche sottostanti per accrescere l’impressione di leggerezza. La climatizzazione beneficia di uno schermo a sfioramento dedicato, da 7”, attraverso il quale è possibile agire sui consueti controlli, peraltro integrato anche da pulsanti fisici ai lati; il display superiore per multimedia e navigazione vanta anch’esso una diagonale uguale, ma essendo parecchio profondo i relativi comandi sono affidati alla rotella centrale subito dietro alla leva del cambio miniaturizzata. Sulla MX-30 sono inoltre annunciati estensivi ausili attivi alla guida, inclusi aiuto al controllo dell’auto in caso di manovre pericolose, frenata automatica, assistenza attiva all’inserimento in curva e dosaggio automatico della spinta motore in fase di percorrenza delle curve.

Mazda MX-30
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
Novità
8 ore
GFG Style 2030 Electric Hyper SUV, il dopodomani è qui
Iper-sportiva e Suv, la concept disegnata dai Giugiaro anticipa il futuro elettrico ad alte prestazioni. Mostrata al Riyadh Motor Show, sarà tra le “vedette” al Salone di Ginevra 2020.
PRIME IMPRESSIONI
2 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
4 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
3 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile