Mazda MX-30
+ 15
Novità
04.11.19 - 08:130

Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30

Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.

Tra i nuovi modelli al recente Salone di Tokyo ha fatto bella mostra di sé la prima Mazda elettrica, un crossover compatto – denominato MX-30 – spinto dall’unità elettrica e-SkyActiv. Il cuore ad elettroni eroga una potenza di 143 cv, alimentato da una batteria al litio con capacità di 35,5 kWh; la Casa prevede a richiesta la possibilità di aggiungere un “range extender”, piccolo generatore di corrente per rigenerare l’accumulatore quando non è disponibile una colonnina di ricarica. La particolarità di questa opzione è quella di adottare un compattissimo motore benzina a pistone rotativo, sistema storicamente caro alla marca nipponica.

Portiere posteriori quasi a scomparsa: si accentua la linea coupé.
Il design della MX-30 non manca di originalità, specie nei dettagli: all'anteriore, la linea segue piuttosto fedelmente l’indirizzo stilistico della Casa, seppur con forme e volumi leggermente più affilati per un insieme più incline ad esprimere una certa aggressività; di profilo, invece, si nota il taglio particolarmente compatto delle portiere posteriori, che infatti adottano la particolare apertura "a vento" (denominate Freestyle) come avevamo già visto sul lato passeggero della prima Mini Clubman; particolare anche l’assenza del montante centrale, che ad auto aperta permette di ottenere una luce di accesso molto ampia. La scelta di questa soluzione più compatta ed originale è in realtà improntata a conferire all’auto una linea il più possibile sportiveggiante, ispirata alle coupé; anche per questo, la coda è compatta e presenta montante posteriore e lunotto decisamente inclinati. A completare l’anima bivalente della MX-30 – sportiva dal gusto offroad – figurano l’assetto rialzato e le generose protezioni aggiuntive, in resina non verniciata, lungo tutto il perimetro inferiore dell’auto: archi passaruota, minigonne e paraurti.

Abitacolo ricercato ma essenziale.
L’abitacolo presenta un arredo che vira con decisione al minimalismo: plancia a sviluppo orizzontale, comandi e pulsanti ridotti all’osso, schermo centrale incassato in alto e consolle ridotta, con spazi di appoggio anche sottostanti per accrescere l’impressione di leggerezza. La climatizzazione beneficia di uno schermo a sfioramento dedicato, da 7”, attraverso il quale è possibile agire sui consueti controlli, peraltro integrato anche da pulsanti fisici ai lati; il display superiore per multimedia e navigazione vanta anch’esso una diagonale uguale, ma essendo parecchio profondo i relativi comandi sono affidati alla rotella centrale subito dietro alla leva del cambio miniaturizzata. Sulla MX-30 sono inoltre annunciati estensivi ausili attivi alla guida, inclusi aiuto al controllo dell’auto in caso di manovre pericolose, frenata automatica, assistenza attiva all’inserimento in curva e dosaggio automatico della spinta motore in fase di percorrenza delle curve.

Mazda MX-30
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
2 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
3 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile