+ 6
TEST DRIVE
09.09.19 - 06:000

Opel Grandland X 1.6T, piccola solo nella cilindrata

Il crossover tedesco vanta un compatto quattro cilindri turbo come motore benzina di punta, perfetto per l’impiego quotidiano a tutto campo. L’abitacolo si conferma razionale e accogliente.

C’è un cuore performante a benzina al vertice del crossover Opel, che però conserva una cilindrata più che contenuta (1,6 litri), rendendosi in questo modo l’antagonista perfetto al due litri turbodiesel: entrambi sfoggiano potenze nell’ordine dei 180 cavalli ed assicurano le prestazioni più vivaci al modello, seppur con caratteri un po’ diversi.

Un “piccolo” benzina, sia pure turbo: è sufficiente per questo crossover?
Il cuore di punta del Suv “urbano” tedesco – provvisto di sola trazione anteriore, seppur coadiuvata come vedremo da un versatile sistema elettronico di gestione della motricità – vanta dunque una cubatura molto contenuta, ma, con l’ausilio della sovralimentazione con turbocompressore, arriva ad erogare 181 cv a 5500 giri; la coppia è naturalmente ben inferiore rispetto al più grande turbodiesel, con un picco di 250 Nm contro 400, ma è erogata al suo massimo ad un regime addirittura inferiore (1650 giri contro i 2000 del 2.0D), assecondando in questo modo le doti di ripresa. Sotto il profilo prestazionale, inoltre, la Grandland X 1.6T può vantare un peso inferiore di circa un quintale ed in questo modo può mettere in campo non solo l’accelerazione più briosa tra tutte le versioni in gamma (per lo scatto da 0 a 100 km/h servono solo 8 secondi), ma anche riprese adeguate ai regimi anche medio-bassi, senza fare intervenire la scalata sul cambio automatico. L’erogazione è in ogni caso piuttosto docile e rotonda, senza picchi particolari, fatta eccezione per la piacevole propensione ad avvicinarsi ai regimi più alti; il carattere di questo 1.6 sovralimentato a iniezione diretta racconta soprattutto di regolarità e rotondità, peraltro in armonia allo stesso carattere dinamico del veicolo. Con consumi reali, registrati nel corso della nostra prova su percorsi misti, sostanzialmente in linea con le aspettative: in media la richiesta della vettura si è attestata su 8 l/100 km. Il cambio standard è automatico a otto rapporti, il che a sua volta agevola la docilità di risposta del veicolo nelle variazioni di andatura e alle velocità intermedie, grazie alle marce ravvicinate date dal loro notevole numero; il funzionamento della trasmissione è dolce e pressoché inavvertibile, con passaggi di rapporto ben rapidi in entrambe le direzioni, pur talvolta con qualche attimo di attesa in scalata, mentre la gestione elettronica di bordo “decide” se è davvero il caso di scendere ad una marcia inferiore. La trazione, come detto, è unicamente anteriore, ma la motricità appare ben curata attraverso l’evoluto sistema di controllo (Grip Control), inclusivo, tra l’altro, di diverse modalità di funzionamento specifiche per i fondi a ridotta aderenza che si possono incontrare con più frequenza; un apposito rotore sul tunnel centrale ne consente la rapida selezione.

Che tipo di guida offre la Grandland X con questa motorizzazione?
Al volante, il minor peso di questa versione rispetto alla due litri diesel non porta con sé significative differenze in termini di caratteristiche di guida; la Grandland X si conferma piuttosto docile in relazione a dimensioni ed altezza, con una guida intuitiva e facile, votata principalmente al ritmo armonico ed al comfort. Con ottima manovrabilità nello stretto grazie al ridotto diametro di volta. Lo stesso assetto, non regolabile, privilegia l’assorbimento e la dolcezza di risposta sulle asperità, pur in presenza di un coricamento laterale ridotto con una discreta maneggevolezza nei cambi di direzione; per scelta non vi è alcuna connotazione sportiveggiante, né si respira una particolare “ispirazione” alla guida, prevalgono comodità e sobrietà di insieme. Piuttosto curata l’insonorizzazione, con buon isolamento anche in velocità, pur in presenza di qualche sommesso fruscio generato dal rotolamento degli pneumatici sull’asfalto. A bordo, l’ambiente è quello conosciuto, con parecchio spazio a disposizione ed un arredo soprattutto solido e funzionale, lontano da particolari guizzi di originalità. La posizione di guida è discretamente rialzata e può contare su una poltrona generosamente dimensionata con postura ben personalizzabile, mentre nella zona posteriore resta ampio spazio per un’agiata libertà di movimento sul divano, ideale per due ma non sacrificato anche in tre adulti. Adeguata la dimensione dello schermo a sfioramento centrale, 8 pollici con interfacce smartphone complete. Vano di carico altrettanto soddisfacente per spazio e organizzazione – non manca il passaggio per oggetti lunghi e la cubatura è generosa con 520/1652 litri –, seppur con soglia di accesso un po’ elevata.

Trovi la Opel Grandland X da...

Garage Della Santa SA

 

Via Franco Zorzi, 43

 

6500 Bellinzona

 

+41 91 821 40 60

 

https://www.della-santa.com

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
1 gior

Turismo di gran carriera per la McLaren GT

Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.

PRIME IMPRESSIONI
4 gior

BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto

La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.

TEST DRIVE
6 gior

Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”

L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Taycan, velocità e curve nel cuore anche con anima elettrica

La berlina “zero emissioni” a quattro posti offre prestazioni entusiasmanti e un carattere dinamico cristallino. Accompagnando la notevole esuberanza con un’autonomia di tutto rispetto.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Gran Coupé, Serie 8 a metà tra berlina e sport

Strettamente derivata dalla sportiva di lusso, l’inedita variante a quattro porte garantisce tanto più spazio e versatilità con la promessa di conservare lo stesso, pregevolissimo dinamismo.

Novità
1 sett

Koenigsegg Regera, nuovo record di accelerazione… e frenata

La hypercar svedese da oltre 1500 cv abbassa ulteriormente il proprio record nella prova combinata di accelerazione fino alla velocità massima e successivo arresto. In condizioni non ottimali…

TEST DRIVE
2 sett

“Pieno” di corrente e di sostanza per la Optima Sportswagon PHEV

La grande wagon ibrida ricaricabile, ulteriormente affinata, convince per autonomia e rendimento offrendo buone prestazioni ed un’accoglienza di qualità. Leggermente sottotono il vano di carico.

PRIME IMPRESSIONI
2 sett

Nuova linfa per la Renault Zoe

Con la robusta iniezione di contenuti, specie sul piano tecnico e tecnologico, la compatta elettrica approda alla terza generazione col vento in poppa. Anche grazie all’autonomia estesa a 395 km.

TEST DRIVE
2 sett

Sportività a tutto tondo per la Cupra Ateca

Motore potente ma elastico e assetto “camaleonte” contribuiscono alle doti di adattabilità del Suv spagnolo, dal vivace carattere sportivo: adatto alla guida ispirata come al traffico quotidiano.

Novità
3 sett

Ford Puma, adesso è un seducente crossover

Lo stesso nome della piccola coupé di fine anni ’90 ora distingue il compatto Suv a due ruote motrici su base Fiesta: in rilievo spazio, tecnologie di bordo e motorizzazioni 1.0 microibride.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile