+ 12
TEST DRIVE
12.08.19 - 06:000

Mercedes-AMG C43 Coupé, tutto il piacere della compatta sportiva

Classicamente sportiva nel suo affilato “vestito” a due porte, la media di Stoccarda col V6 da 390 cv sfoggia un dinamismo deciso ma anche rotondo e raffinato, assaporabile a tutto campo.

Tra tanti modelli che popolano l’articolato listino Mercedes, la Classe C resta un riferimento per appetibilità: è pur sempre il modello più diffuso della pregiata marca tedesca. La Coupé, in particolare, ha il pregio di ritagliarsi una nicchia di classica sportività, con proporzioni e contenuti tradizionali ma, per l’appunto, dal sapore intramontabile: linea filante, le due ampie portiere senza cornice, muso imponente e coda con terzo volume distinto ma compatto per conferire un moderno dinamismo. E, con la “cura” AMG, anche la piccola 43 4Matic (da 77'200 CHF) mostra denti affilati più che a sufficienza per offrire un sapore mordente.

Da guidare di gran gusto: la sportività è raffinata ma di gran sapore.
Il look più affilato di questa versione rende giustizia all’auto, “firmata” in special modo nel frontale dalla caratteristica mascherina con doppia lamella; ma è al volante che la C 43 Coupé mette tutti d’accordo. Sotto il cofano pulsa infatti il V6 di 3 litri, biturbo (i compressori lavorano a 1,1 bar) con iniezione diretta, accreditato di 390 cv con una robusta coppia di 520 Nm; quanto basta per proiettare la vettura da 0 a 100 km orari in 4,7 secondi, tempo di tutto rispetto che si traduce in una spinta decisa del corpo contro gli schienali. Con un consumo tutto sommato più che onesto: nel corso della nostra prova abbiamo registrato medie d’uso attorno ai 10 l/100 km. L’erogazione è moderna, dunque elastica ai bassi e via via più incisiva e acuta verso i regimi alti, il tutto combinato ad un funzionamento rotondo e raffinato, godibile a tutte le andature. Lo stesso si può dire per il cambio TCT Speedshift AMG a nove rapporti, in grado di scalare più marce all’occorrenza con un funzionamento molto diretto e secco nella modalità sportiva di punta (Sport+), abbinato ad una programmazione automatica molto soddisfacente in ogni condizione di guida, giusto con discese di marcia un velo ritardate quando si va a frenare molto avanti prima della curva. Del resto, la C 43 Coupé “istiga” ad una certa aggressività di guida: offre movimenti del corpo vettura appena più accentuati rispetto ai modelli più grandi con una certa reattività del retrotreno nei rapidi cambi di direzione, tutte caratteristiche che invitano a giocare tra le curve. Stabilità e motricità sono in ogni caso cristalline, con la supervisione dell’evoluta trazione integrale: prevede un forte sbilanciamento della spinta al posteriore (69% in condizioni normali) per accentuare le caratteristiche di dinamismo e l’efficienza di accelerazione. L’assetto è altrettanto riuscito ed anche nella modalità di marcia più spinta non si rivela mai eccessivamente rigido, assecondando in questo modo con la dolcezza e la progressione necessarie tutti i movimenti della carrozzeria; lo sterzo è particolarmente reattivo sui piccoli angoli, per poi divenire più progressivo assicurando un controllo facile e mai faticoso: l’avantreno risulta sempre molto reattivo, tranne quando si forza nello stretto dove il velo di sottosterzo richiede un minimo di anticipo sulla traiettoria immaginata. Un guidare raffinato, di gran qualità.

L’abitacolo è per quattro, ma in due si vive al meglio l’auto…
L’abitacolo trasmette una bella sensazione di ricercato benessere, combinato alle finiture con ampi inserti in carbonio od altri materiali pregiati, che hanno il pregio di suggerire l’appartenenza dell’auto ad una classe superiore; resta il controllo a rotore sul tunnel centrale per raggiungere le varie funzionalità di infotainment e navigazione, talvolta poco intuitivo e meno pratico rispetto a poter toccare direttamente schermo. A bordo non mancano, naturalmente, tutti i sistemi di ausilio attivo alla guida, ma è vero che il regolatore di velocità adattivo ci è parso qui più incerto e meno raffinato nel gestire uscite e riallineamenti dalle colonne, seguendo il veicolo che precede. Il sedile di guida, di foggia sportiva, è molto avvolgente ed include riscaldamento, ventilazione nonché i programmi di massaggio, partecipando in primo piano ad un comfort di marcia di notevole qualità. È ben regolabile anche il volante di diametro ridotto, anche se in questo caso si nota un certo decentramento verso destra, dato dalla posizione del piantone spostato verso il centro dell’auto. Si sta meglio di quanto sembri anche posteriormente, dove non mancano le bocchette di aerazione dedicate ed un pratico portabottiglie; l’accessibilità è discreta ed in due adulti ci si trova con sufficiente libertà di spazio, anche se la Coupé resta fondamentalmente un’auto da assaporare giusto in coppia.

Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
10 ore
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
5 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile