+ 5
PRIME IMPRESSIONI
07.08.19 - 06:000

“Olimpo” di sportività anche per la Mercedes-AMG CLA 45 S

Anche la versione berlina-coupé guadagna la “magia” del 2.0 turbo da 421 cv combinato alla nuova e potente trazione 4Matic+: il carattere è altrettanto mordente, giusto un velo più “maturo”.

Se l’impatto con la nuova Classe A nella versione di punta AMG ci aveva stupito, non si può dire che la “cugina” a coda allungata da “grande” berlina sportiva compatta, lasci meno convinti: con la stessa meccanica in comune, la CLA promette e mantiene gli stessi livelli di… “fuoco e fulmini”. Seppur in tono un po’ diverso, dato che il carattere è sufficientemente differenziato per garantire, qui, un velo di maturità in più, in piena sintonia con la clientela di riferimento del modello, differente rispetto quello della cinque porte.


Come cambia il dinamismo della CLA rispetto alla cinque porte?

Nonostante le prestazioni “enormi” offerte dalla nuova meccanica, infatti, il dinamismo della CLA 45 è ritoccato e permette una maggior sensazione di stabilità proprio nelle condizioni di guida un po’ al limite, dove la A si mostra più agile e reattiva con il retrotreno: merito non soltanto della gommatura maggiorata sulla berlina-coupé (255/35 R 19 in luogo dei 245), ma anche dei 15 kg in più di peso in coda dovuti alla carrozzeria più abbondante (1600 kg totali) e controbilanciati da un’opportuna messa a punto dell’assetto. La guida che ne scaturisce non perde pressoché nulla dell’immediatezza apprezzata sulla cinque porte, ma tanto sul veloce che nei rapidissimi cambi di direzione effettuati con la miglior aggressività – il tutto debitamente provato al sicuro della pista, il bel tracciato saliscendi di Jarama subito a nord di Madrid – si apprezza una compostezza qui piuttosto granitica che non impone quasi mai delle correzioni rapide di sterzo. In questo modo, il sovrasterzo apprezzabile al volante rimane pressoché quello generato di potenza, in accelerazione: qui entra in campo la nuova meccanica curata dalla divisione AMG. La trazione 4Matic+ rielaborata in profondità, infatti, include diverse migliorie nella gestione della coppia motrice, che culminano nel gruppo posteriore ora dotato di due frizioni elettroidrauliche a controllo elettronico (Torque Control): questo permette non soltanto di ottenere l’effetto autobloccante ma anche di inviare “attivamente” la coppia desiderata su ciascuna delle ruote posteriori – nonché sulle anteriori, secondo una ripartizione ora molto più ampia tra i due assali – per influenzare traiettoria e movimenti dell’auto. Come sulla Classe A, il sistema include anche la modalità Drift Mode, che permette di giocare in tondo con il sovrasterzo di potenza generato dalla spinta inviata pressoché unicamente al posteriore: le gomme si consumano in fretta, ma il divertimento è assicurato.

 
Il motore stupisce, la nuova trazione 4Matic+ incanta…

Sempre della cinque porte rimangono pressoché invariate le altre qualità e caratteristiche di guida. Lo sterzo è dunque pronto e reattivo, ma anche un poco leggero quando l’impegno cresce, mentre la sensibilità appena sufficiente non aiuta nel dosaggio più fine delle correzioni, ma restando ad una guida stradale anche molto sportiva c’è da aggiungere che la CLA 45 S (versione più performante ed ambita; commercializzazione dal 19 agosto) si mostra precisa e docile ampiamente a sufficienza. L’assetto è regolabile e lascia spazio tanto alle reazioni rigide e piuttosto secche da pista che ad un assorbimento “sportivo” ma efficace per viaggiare nel comfort, mentre cambio e frenata sono entrambi da elogiare. Il primo, doppia frizione a otto rapporti, garantisce passaggi marcia dal feeling pressoché “gara” per rapidità e secchezza di innesto – resta un velo di ritardo in scalata –, mentre l’impianto frenante è tanto resistente alla fatica che modulabile e potente in modo avvincente. Il motore viene per ultimo, ma in realtà è tra le perle della vettura: oltre alla potenza specifica da capogiro, due litri appena di cilindrata per 421 cavalli, riesce ad offrire una gran coppia (500 Nm) ed un funzionamento rotondissimo ed elastico: a bassa andatura spinge pressoché qualsiasi marcia con vigore ed elasticità. L’allungo è naturalmente aggressivo, combinato ad una sonorità coinvolgente, mentre in scatto puro la CLA rinuncia ad appena 1 decimo nel traguardare i 100 km/h da fermo rispetto alla A con pari motorizzazione, richiedendo 4 secondi tondi. L’accoglienza di bordo è debitamente curata, con gli svariati dettagli dell’allestimento AMG ben integrati nell’arredo moderno nonché intonati per ricercatezza e qualità all’insieme dell’auto; berlina-coupé dedicata anche ai viaggi, la CLA più performante si rivela un’auto molto confortevole sulla distanza, dove tra l’altro si apprezzano tutti gli ausili attivi alla guida di ultima generazione. Come sempre spettacolari i due grandi schermi da 10,25” che racchiudono strumentazione e infotainment, mentre il volante di piccolo diametro con comandi diretti alle funzionalità sportive si combina ai pregevoli sedili più avvolgenti. Dietro, accedendo all’auto serve fare più attenzione alla curvatura accentuata del tetto, ma la libertà di movimento – quanto meno per due adulti – consente di apprezzare pienamente la vettura anche ad equipaggio completo.

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
2 ore
Bentornata Jeep Wrangler
La Wrangler rimane fedele a se stessa. E per fortuna. Qualche novità meccanica e tecnologica, ma soprattutto tante conferme per il gradito ritorno di un'icona. Proviamo la Unlimited Rubicon diesel.
Novità
3 gior
GFG Style 2030 Electric Hyper SUV, il dopodomani è qui
Iper-sportiva e Suv, la concept disegnata dai Giugiaro anticipa il futuro elettrico ad alte prestazioni. Mostrata al Riyadh Motor Show, sarà tra le “vedette” al Salone di Ginevra 2020.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
1 sett
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
3 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile