+ 5
TEST DRIVE
17.07.19 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Trailhawk, all’inferno e ritorno per la “dura” Jeep Compass

L’allestimento dedicato al fuoristrada esalta l’autenticità della tradizione Jeep, conferendo “muscoli” ed elevate capacità al Suv compatto. Tuttavia rotondo, equilibrato e godibile su strada.

Ai nostalgici delle 4x4 tradizionali “vecchia scuola” non può che solleticare nuove emozioni; a tutti gli altri, riesce nel compito di destare più suggestione ed attenzione con il suo look da dura, che tanto s’intona con la muscolarità Jeep. L’ultima nata delle Compass, la Trailhawk, ha il pregio di distinguersi aggiungendo una bella fetta di carattere. Seppur molto specializzata, pensata com’è per l’off-road impegnativo. Suv capace di ritrovare – se volete, di rispolverare – la dimensione del 4x4 puro attraverso una dotazione tecnica specifica.


Specializzata com’è, questa versione interessa solo gli appassionati?

Senza dubbio, il pubblico dei cosiddetti fuoristradisti non potrà che apprezzare l’arrivo di un modello realmente dedicato all’avventura di ampio respiro, tanto più in un segmento compatto dove di veicoli realmente specializzati ce ne sono sempre meno ed in gran parte concentrati nell’alto di gamma. Tuttavia, il pregio di questa Trailhawk (da 45'900 CHF) sta proprio nel suo equilibrio e nella sua rotondità di funzionamento su strada, adattato al meglio proprio per risultare in definitiva un modello altamente godibile sull’asfalto quotidiano: non è sportiva, eppure si fa amare. Ma andiamo per gradi, perché in primo piano resta il corredo tecnico d’eccezione di questa Compass, che vanta tra l’altro il marchio Jeep “Trail Rated”, che la Casa assegna solo ai suoi modelli in grado di affrontare con successo le situazioni più “dure”. La versione presenta un'altezza da terra aumentata fino a 21,6 cm, piastre di protezione sottoscocca, gancio traino posteriore, pneumatici 225/60 R17 All Season, ruota di scorta Full Size e paraurti di forma specifica, che consentono angoli di attacco e di uscita pari rispettivamente a 30° e 33,6°. La trazione integrale, poi, adotta la versione esclusiva Active Drive Low che aggiunge il differenziale centrale con marce ridotte e blocco al 100% della ripartizione tra i due assali, in aggiunta alla suddivisione automatica della coppia sulle singole ruote. Capace, tra l’altro, di privilegiare la spinta all’anteriore per contenere i consumi, ad esempio nella marcia su asfalto asciutto. Infine, il controllo di trazione si evolve offrendo diverse modalità di marcia calibrate per il massimo rendimento su fondi naturali specifici. Così attrezzata, la compatta Jeep si trasforma dunque in un fuoristrada “vero”, del tutto capace di affrontare situazioni e passaggi di notevole difficoltà e impegno tecnico, inclusi dossi profondi e rampe accentuate.


Su strada brillano equilibrio, relax e rotondità di marcia.

Al di là delle prestazioni fuoristradistiche d’eccezione, la Trailhawk conserva però – come anticipato – il pregio di rivelarsi molto piacevole e godibile nell’impiego su asfalto e nel quotidiano, in virtù della sua rotondità ed omogeneità di funzionamento. La vettura vanta infatti sospensioni morbide sulle asperità ma che riescono ugualmente a limitare a dovere il coricamento in curva, contribuendo ad una marcia ben armonica e rilassante anche su ritmi allegri; tra le curve resta spazio per un’aderenza piuttosto pronta ed affidabile, nonostante il filtro delle coperture specifiche con spalla più alta e battistrada più tassellato. La sportività è insomma lontana ma non il brio, per farne un’estrema sintesi. Motore e cambio offrono rotondità di funzionamento in pari misura, molto equilibrato ed appagante. Il primo è il turbodiesel due litri nella versione da 170 cv, soprattutto pronto e regolare, con tanta elasticità nel suo arco di erogazione pur contenuto (la massima potenza arriva già a 3750 giri); la coppia è altrettanto favorevole, con 380 Nm a disposizione a 1750 giri. Con ben nove rapporti, il cambio automatico (standard) aggiunge la versatilità dei molteplici rapporti intermedi ravvicinati per la massima resa complessiva; si rivela docile e reattivo quanto basta, mostrando sovente in fase di ripresa un velo di ritardo nello scalare di marcia. Le prestazioni sono in ogni caso vivaci, con passaggio 0-100 km/h in 9,5 secondi e punta massima di 185 km orari. Quanto ai consumi, la Trailhawk non stabilisce nessun primato di parsimonia, ma nemmeno delude: nel corso del nostro test su percorso misto abbiamo registrato medie più frequenti tra 7,5 e 8 l/100 km. È di casa lo stesso comfort, grazie alla valida insonorizzazione acustica ed all’accoglienza dell’abitacolo, dagli spazi ben calibrati tra le due file di sedili e dalle finiture piuttosto curate, con plancia e fianchi portiere rivestiti con materiale morbido al tatto. Le comode poltrone anteriori offrono una consistenza un po’ rigida ma piacevole, mentre il divano posteriore è frazionato in tre parti 40-20-40 nonché ben distanziato dagli schienali di fronte. Ampio e completo il sistema di navigazione/infotainment premium con comodo schermo da 8,4”.

Trovi la Jeep Compass Trailhawk da...

Emil Frey SA

Auto-centro Noranco-Lugano

 

via Pian Scairolo, 6915 Noranco

 

+41 91 210 65 10

http://www.emilfrey.ch

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
2 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
4 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
2 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile